La Raccolta Pubblicitaria dei Quotidiani in Italia

La scorsa settimana l’Osservatorio Stampa FCP ha rilasciato i dati relativi agli investimenti pubblicitari sui quotidiani a fine 2021. A fine 2021 gli investimenti pubblicitari sui quotidiani crescono del 4.2% a valore e del 6.8% a spazi rispetto al 2020. MA restano di gran lunga al di sotto degli anni pre-pandemia. Per la precisione sono circa 120 milioni di euro persi tra fine 2021 e fine 2018.

Se dunque già nel breve periodo l’andamento è nettamente negativo, se possibile, le cose peggiorano osservando la tendenza di lungo periodo. Infatti, ricostruendo la raccolta pubblicitaria dal 2010 al 2021, si vede come il calo sia stato del 40.4% a spezi e di addirittura il 65.8% a valore.

In undici anni bruciati circa due terzi degli investimenti, che naturalmente sono stati dirottati altrove. La differenza di circa 25 punti percentuali tra la flessione a spazi e quella a valore indica chiaramente come le concessionarie di pubblicità abbiano lavorato pesantemente sulla scontistica nel tentativo, vano, di fermare l’emorragia.

Del resto, stando ai dati del 55° Rapporto Censis 2021, i lettori di quotidiani calano dal 47.8% degli italiani nel 2011 al 29.1% del 2021. Non vi è nessun altro media con una tendenza così negativa. È chiaro che a fronte di tale calo della readership l’appeal per gli investitori pubblicitari è drasticamente ridotto. Fatti una domanda, e datti una risposta.

[clicca per ingrandire]

Social
Latest posts by Pier Luca Santoro (see all)

Lascia un commento

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.