Uso dei Social in Europa

Eurostat ha reso disponibile “Eurostat regional yearbook 2021 edition“. Al suo interno, tra i tanti dati d’interesse, vi è il capitolo dedicato alla “digital society”.

Da questo abbiamo estrapolato i dati relativi all’utilizzo dei social nei diversi Paesi Europei nel 2020. Dati che si riferiscono all’uso negli ultimi tre mesi, e che dunque comprendono anche gli utilizzatori saltuari delle diverse piattaforme social.

Nel 2020, quasi tre quinti [57 %] della popolazione adulta dell’UE ha partecipato ai social network nei tre mesi precedenti l’ultima indagine. Il tasso di partecipazione per i giovani adulti di età compresa tra 16 e 24 anni [87 %] era quasi quattro volte superiore al tasso corrispondente per gli anziani di età compresa tra 65 e 74 anni [22 %].  Durante l’ultimo quinquennio [2015-2020] per il quale sono disponibili i dati, la quota di giovani adulti che partecipano ai social network è cambiata poco o nulla. Al contrario, la percentuale di persone anziane che utilizzano i social network è quasi raddoppiata nello stesso periodo.

Ebbene, se stando alle cronache parrebbe che gli italiani non facciano altro che stare sui social in base ai dati di Eurostat è ben diversa. Infatti, se si esclude la Francia i cui dati relativi al 2020 non sono disponibili, l’Italia è la nazione con la minor partecipazione ai social.

Naturalmente, le ampie differenze nei tassi di partecipazione per i social possono, almeno in parte, essere legate al fatto che le persone siano [o meno] connesse a Internet. E, come sappiamo, l’Italia sconta un ritardo anche da questo punto di vista.

Altri fattori possono essere rilevanti, ad esempio l’invecchiamento della popolazione nelle regioni prevalentemente rurali o questioni legate alla privacy e alla disponibilità degli individui a condividere i propri dati online.

[clicca per ingrandire]

Social
Latest posts by Pier Luca Santoro (see all)

Lascia un commento

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.