Il 1° Semestre di RCS Mediagroup 2018 – 2021

Alla fine della scorsa settimana RCS MediaGroup ha diffuso i risultati relativi al primo semestre del 2021. Risultati annunciati con toni trionfalistici che riportano un incremento del 32% dei ricavi rispetto al primo semestre 2020. Abbiamo approfondito, per quanto possibile.

I ricavi del gruppo editoriale si attestano a 421,8 milioni di euro, ovviamente in forte crescita rispetto all’annus horribilis ma ben al di sotto dei 475,5 milioni del 2019 e distanti ancora di più dai 503,6 del 2018. Dunque, complessivamente, RCS cresce sì del 32% rispetto al 2020 ma registra una flessione dei ricavi dell’11.3% rispetto al 2019 e del 16.2% rispetto al 2018.

In crescita l’incidenza dei ricavi da digitale che sale a poco più di un quinto del totale [22.2%], però questo avviene più per il maggior calo del prodotto tradizionale cartaceo, e dei ricavi pubblicitari che questo genera, che non grazie a performance degne di rilievo. Non a caso, per quanto riguarda i ricavi diffusionali nella nota ci si limita a segnale genericamente che a fine giugno la customer base totale attiva per il Corriere della Sera [digital edition, membership e m-site] è pari a 336 mila abbonamenti mentre invece nei risultati relativi al primo semestre 2020 venivano forniti anche i valori assoluti relativi a tali ricavi.

Di fatto i ricavi da digitale, nel complesso, sono pari a 93,7 milioni di euro, e si confrontano con gli 80,1 del 2018 quando il loro peso sul totale ricavi era pari al 16.8%.

Entrando nel dettaglio, per quanto possibile, dei ricavi editoriali e diffusionali, questi sono pari a 180,2 milioni. Ovvero il 42.7% del totale. Di questi 14,4 milioni di euro sono ricavi riferiti alla distribuzione di prodotti di editori terzi, a seguito del consolidamento integrale del gruppo m-dis, che negli anni precedenti non erano a bilancio visto che solo di recente RCS ha aumentato al 90% la propria quota del distributore nazionale. Dunque i ricavi editoriali a parità di perimentro sono 165,8 milioni che si confrontano con i 164 del 2020 [+1.1%] ma anche con i circa 200 del 2019 ed i 212,5 del 2018.

Come evidenziato in precedenza, a fine giugno 2021 la customer base totale attiva per il Corriere della Sera [digital edition, membership e m-site] è pari a 336 mila abbonamenti. Erano 143mila nel 2019 e 293mila nel 2020. Dunque in un anno la customer base degli abbonati è cresciuta di 43mila [+14.6%]. Se si considera che buona parte di questi è a valori irrisori, come testimonia l’andamento delle vendite delle copie digitali, si capisce come mai la crescita dei ricavi diffusionali sia irrisoria rispetto al periodo corrispondente dell’anno precedente, e negativa rispetto ai due anni prima, come abbiamo visto.

Stesse dinamiche per quanto riguarda i ricavi pubblicitari. Anche in questo caso valori in decisa crescita rispetto al primo semestre 2020 ma in netto calo rispetto ai due anni precedenti.

La raccolta pubblicitaria online si attesta a 68,8 milioni di euro, che si confrontano con i 50,1 del 2020, ma anche con i 61,8 del 2019. Insomma, numeri non certo strepitosi.

In conclusione, i progressi negli anni sono tutt’altro che strepitosi, diciamo, anche in termine di prospettive future. Unica nota positiva il risultato netto è positivo per 38,7 milioni di euro contro un negativo di 12 nel primo semestre del 2020. Ma questo è dovuto sostanzialmente al taglio dei costi in cui, va detto, Cairo è indubbiamente abile.

Va aggiunto infine che, dopo le dimissioni di Miccichè dal consiglio di amministrazione, Rcs ha ribadito che non farà nessun accantonamento in vista della causa con Blackstone: «La società, acquisite le valutazioni aggiornate dei propri consulenti legali, ha ritenuto che non sussistano i presupposti per l’iscrizione di fondi rischi», spiega la nota diffusa al termine del cda. Com’è noto, la cosa non piace ai consiglieri di minoranza, tanto più che il valore della causa intentata dal fondo USA [600 milioni di dollari] è superiore al valore di Borsa dell’intera Rcs

L’infografica sottostante fornisce il dettaglio dei dati, con anche lo spaccato di RCS Mediagroup per ciascuna divisione, per ciascuna unità di business.

[clicca per ingrandire]

Social
Latest posts by Pier Luca Santoro (see all)

Lascia un commento

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.