Le Radio NON Sfondano Online

Stando ai dati TER, nel primo semestre di quest’anno molte delle principali emittenti radiofiniche del nostro Paese perdono ascoltatori rispetto al primo semestre 2019 [nel primo semestre 2020 la rilevazione non fu effettuata a causa della pandemia].

Per contro, secondo l’analisi [punto B] relativa allo stesso periodo condotta dagli amici di “Pubblico Delirio”, molte di queste emittenti hanno una cospicua base di follower sulle diverse piattaforme social, spesso in crescita, che genera un numero di interazioni, e dunque un livello di coinvolgimento, tutt’altro che trascurabile.

[clicca per ingrandire]

Ecco che allora abbiamo deciso di analizzare la total digital audience delle emittenti radiofoniche delle quali Audiweb rende disponibili pubblicamente i dati [richiede registrazione] per capire se alla perdita di ascoltatori corrispondesse invece un incremento dell’audience online, magari, appunto, trainata dal crescere sui social.

Ebbene, se si esclude Radio Deejay, che nei primi cinque mesi del 2021 oscilla tra 140mila e 180mila utenti unici nel giorno medio, tutte le altre radio di cui sono disponbili i dati hanno un numero di utenti che non è nemmeno lontanamente paragonabile a quello dei quotidiani online.

Radio 105, al secondo posto per audience, a seconda dei mesi, più o meno si attesta appena sopra gli 80mila utenti unici. RTL 102.5, terza, oscilla tra 54mila e 62mila utenti unici.

Tutte le altre emittenti sono ben al di sotto dei 50mila utenti unici, con Radio Italia, ad esempio, che addirittura si attesta tra 12 e 15mila utenti unici. Per nessuna delle emittenti prese in considerazione si notano incrementi significativi dell’audience in questi primi cinque mesi del 2021.

Anche gli investimenti pubblicitari, nel periodo gennaio – maggio 2021, pur recuperando rispetto al crollo del 2020, restano ben al di sotto dei valori pre-pandemia.

Insomma, se fino ad oggi, contrariamente a quanto cantavano i Buggles, il video non ha ammazzato la radio, appare chiaro che il marketing funnel che dovrebbe partire dai social porta poco e niente alle emittenti radiofoniche.

Ci permettiamo dunque di suggerire caldamente di analizzare e rivedere le strategie di presenza sui social. E naturalmente, se d’interesse, pronti ad approfondire e confrontarci al riguardo.

[clicca per ingrandire]

Social
Latest posts by Pier Luca Santoro (see all)

Lascia un commento

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.