DigitalMente

“DigitalMente”, rubrica settimanale che ogni venerdì prova a fornire spunti e appunti su digitale e dintorni, per riflettere a tutto campo su innovazione e digitale. Oggi abbiamo scelto di parlare di testate all digital.

Dopo un periodo in beta e il crowdsourcing in parallelo per affinare il tiro sui “news lovers”, è online dall’inizio di questa settimana una nuova testata d’informazione all digital: L’Indipendente.

Notizie verificate e senza filtri, informazione senza padroni, niente pubblicità, no fake news e clickbait, questi i punti chiave proposti dalla neonata realtà giornalistica.

La testata è suddivisa nelle diverse macro sezioni: esteri e geopolitica, ambiente, attualità, diritti, economia e lavoro, scienza e salute e tecnologia e controllo. Qui saranno presenti notizie e approfondimenti, slegati da qualsiasi ingerenza imposta da grandi aziende, multinazionali o poteri politici.

L’Indipendente ha un occhio di riguardo per l’ambiente [tutta la tecnologia utilizzata di avvale del sistema di compensazione CO2, come si può vedere nel footer del sito] e per le tematiche importanti che i media più tradizionali tendono a sminuire: i movimenti sociali, i diritti civili, i lati oscuri della geopolitica e le vicende dei popoli schiacciati dalla globalizzazione.

Tra le altre cose, quello che L’Indipendente assicura è anche il dovere di rettifica. Qualora una notizia venga contestata, la redazione sarà pronta a verificare nuovamente la fonte, correggere l’eventuale errore e fornire a chi ne faccia richiesta tutte le dovute motivazioni.

Come modello di business è stato scelto quello “open” della membership, in stile Guardian. I contenuti presenti sul sito sono prevalentemente in chiaro, mentre per i sostenitori sono previsti contenuti speciali di approfondimento, l’iscrizione alla newsletter giornaliera e l’accesso al forum di discussione dove è possibile interagire con gli autori, con il direttore e i giornalisti.

Contestualmente al lancio della testata è stato avviato il crowdfunding, che ha anche obiettivi di sviluppo sostenibile [SDGs] e che sta avendo risultati straordinari. Con la raccolta fondi aperta per 90 giorni dopo 24 ore è già stato raggiunto l’obiettivo minimo e, al momento della stesura di questo articolo, vi sono quasi 900 sostenitori che fino ad ora hanno donato più di 37mila euro. Il 49% in più dell’obiettivo in soli cinque giorni.

Come ci ha detto Matteo Gracis, direttore editoriale di Dolce Vita Magazine, testata che come L’Indipendente è detenuta da DV Network Srl, «In 24 ore abbiamo raggiunto un risultato che puntavamo di raggiungere in 3 mesi. E’ incredibile: siamo naturalmente molto contenti ma allo stesso tempo sentiamo di avere una grande responsabilità. Faremo del nostro meglio infatti per onorare la fiducia che gli abbonati hanno riposto in noi. Quella che fino a pochi giorni fa era solo una visione o un sogno, si sta trasformando in realtà: finalmente avremo un nostro giornale online, libero, imparziale e senza padroni».

Per la testata abbiamo realizzato il business/marketing plan a tre anni concependo tra le altre cose il posizionamento, le metriche di valore, la linea editoriale, ed anche pricing e naming. Non possiamo dunque che essere più che contenti della partenza sprint de L’Indipendente che ha tutte le carte in regola per ritagliarsi una posizione nel mondo dell’informazione italiana.

Social
Latest posts by Pier Luca Santoro (see all)

Lascia un commento

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.