DigitalMente

“DigitalMente”, rubrica settimanale che ogni venerdì prova a fornire spunti e appunti su digitale e dintorni, per riflettere a tutto campo su innovazione e digitale. Oggi abbiamo scelto di parlare di educazione al digitale.

Delle possibili insidie nell’uso della Rete da parte di bambini e pre-adolescenti si discute da anni. Discussioni che a tratti vengono riportate all’attenzione del pubblico, come è successo di recente per TikTok, per poi svanire così come sono esplose.

Il risultato è che ad oggi per educare gli under 14 al riguardo poco o nulla è stato fatto. Sin qui il sistema scolastico è stato pressochè assente sul tema e in molti casi i genitori non hanno gli strumenti per sostenere i loro figli al riguardo.

Ecco che allora, dopo che per la ventesima volta mia figlia, dodicenne, mi chiedeva l’autorizzazione ad installare TikTok perchè “i miei amici ce l’hanno”, mi sono confrontato con tutti i genitori della classe di mia figlia scoprendo che il problema era comune a molti di noi.

Abbiamo dunque deciso di iniziare autonomamente un percorso rivolto a tutti gli alunni della classe. Percorso al quale hanno aderito più di due terzi, e che si compone di tre incontri della durata di un’ora e mezzo ciascuno.

Incontri inzialmente concepiti in presenza che vista la situazione, seppur a malincuore, sono stati poi dirottati online. Per tenere gli incontri è stata utilizzata come piattaforma Jitsi Meet che è open source e non presenta i limiti temporali della versione free di Zoom.

Il primo incontro, che si è svolto il 10 marzo scorso, è stato mirato a fornire rudimenti sulla Rete, sul fatto che quello che diffondiamo su Internet è per sempre [o quasi], e sul cyber-bullismo.

Il secondo incontro, tenuto il 17 marzo scorso, ha provato a stimolare la consapevolezza di ragazzine e ragazzini sul valore della loro privacy e come tutelarla.

Il terzo e ultimo incontro, che sarà il 24 marzo prossimo venturo, è invece sul bello della Rete, su le opportunità e gli stimoli che Internet può dare a ciascuno di noi, e dunque anche a loro.

Ho dunque pensato di rendere disponibili le slide preparate per i tre incontri nella speranza che possano essere di stimolo e di ausilio affinchè altri genitori attivino percorsi simili per i loro figli.

I tre set delle presentazioni sotto riportate sono liberamente scaricabili proprio per diffonderne il possibile utilizzo. Naturalmente, come sempre avviene, le slide sono una traccia grazie alla quale veicolare i concetti.

Se, come credo e spero, l’idea vi piace utilizzate, anche adattandole se del caso, le presentazioni e condividete questa iniziativa per diffonderla. Non si chiede nulla, neppure il vosto nome e cognome, o indirizzo mail, per scaricare le presentazioni. Chiedo soltanto che, cortesemente, si mostri non soltanto apprezzamento ma anche rispetto per il lavoro svolto indirizzando i download verso questo articolo. Grazie e buon lavoro.

Social

Lascia un commento

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.