Quanto Twittano i Politici sul Coronavirus

KPI6, piattaforma di audience intelligence con la quale DataMediaHub ha recentemente finalizzato una partnership, ha realizzato un’interessante dashboard sulle conversazioni online relative al coronavirus nel nostro Paese.

Dai tanti dati disponibili abbiamo estrapolato quelli relativi ai partiti e agli esponenti politici che più hanno twittato dall’inizio conclamato della crisi sanitaria, dal 22 Febbraio scorso, ad oggi.

Per quanto riguarda i partiti politici, i tre principali del centro-destra sommano il 61% del totale dei tweet. Di questi più della metà, pari al 36% del totale, sono della Lega, seguita da Forza Italia, al 24% del totale e, ben distante, all”11% Fratelli d’Italia.

Una massa d’urto, amplificata dalle condivisioni, che evidenzia come al di là delle dichiarazioni di collaborazione con il Governo la realtà della comunicazione, della narrazione fatta ai cittadini, grazie al fatto che come sappiamo vi è l’amplificazione mediatica offerta dalle testate online [e non solo], sia ben diversa.

La situazione si acquisce ulteriormente se si vanno ad analizzare i singoli esponenti politici. Infatti, in questo caso tra i dieci politici che più twittano relativamente alla pandemia in corso ben nove sono di centro-destra.

Al primo posto, come era scontato, LegaSalvini, con il 31% dei tweet, che naturalmente rilancia prevalentemente le esternazioni di Salvini stesso. Evidentemente nonostante, fortunatamente, la macchina di comunicazione del leader leghista non sia più a spese dei contribuenti si continua a mantenerla ed oliarla.

A seguirlo è il Presidente della Regione Liguria con ben il 17% del totale dei tweet, e via via gli altri principali esponenti del centro-destra ad esclusione di Giorgio Cremaschi, ex Presidente del Comitato Centrale della FIOM, ed attuale portavoce di Potere al Popolo, unica voce estranea anche se pur sempre di opposizione al Governo in carica.

Abbiamo ulteriormente approfondito l’analisi in relazione al partito/esponente politico che maggiormente comunica relativamente all’emergenza sanitaria in corso: Matteo Salvini.

Ebbene, come mostra il grafico sottostante, dopo l’effort, diciamo, a favore della candidatura della Borgonzoni, e una quindicina di giorni a bassa intensità, per digerire la sconfitta, da quando il Consiglio dei Ministri italiano ha varato il primo vero e proprio Decreto per contrastare la trasmissione del Coronavirus, dal 22 Febbraio scorso, ha ripreso vigore, arrivando a toccare punte di ben 67 tweet in un giorno, il 26 Marzo, e comunque mantenendosi quasi sempre sopra la media del periodo preso in considerazione [28.7 tweet/die].

Tra la valanga quotidiana di tweet, oltre ai contenuti relativi alle trasmissioni televisive a cui partecipa, vengono rilanciati i tweet dei due Governatori di regione leghisti, di Attilio Fontana [citato 22 volte] e di Luca Zaia [citato 20 volte]. Sopratutto tra i tweet a loro volta maggiormente rilanciati, retwittati, troviamo quello del 25 Marzo scorso relativo alla bufala con il video del TgR Leonardo, del 16 novembre 2015, rilanciato quasi 2.500 volte, in buona parte da account altamente “sospetti”.

Insomma, mentre il Paese conta, e piange, i morti, e si prepara a quella che sarà probabilmente la crisi economica più grave dal dopoguerra ad oggi, la propaganda, nella peggiore accezione possibile del termine, continua a fare il suo lavoro con buona pace delle, inutili, commissioni sulle fake news.

Social
Latest posts by Pier Luca Santoro (see all)

Lascia un commento

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.