Per il NYTimes i Lettori Pesano Oltre il 60% dei Ricavi

Il New York Times ha pubblicato i risultati economici del terzo trimestre 2017 ed il progressivo dei primi nove mesi dell’anno.

Complessivamente i ricavi crescono del 6.8% rispetto ai primi nove mesi del 2016, con i ricavi dalla vendita di contenuti che aumentano del 12.9% mentre la raccolta pubblicitaria cala del 5%.

Sono 154mila i nuovi abbonati alla versione digitale/online del quotidiano statunitense. Una crescita del 14% rispetto al secondo trimestre 2017 e del 59% rispetto al terzo trimestre 2016. Il peso della vendita di contenuti digitali è di un terzo rispetto al totale.

I ricavi della vendita di contenuti, sia nella versione cartacea che in quella digitale del giornale, pesano il 62% dei ricavi dei primi nove mesi del 2017.

La raccolta pubblicitaria del quotidiano cartaceo pesa solamente il 17% del totale dei ricavi, in calo del 16.2% rispetto ai primi nove mesi dell’anno precedente. L’advertising digitale genera il 41% del totale dei ricavi pubblicitari. In crescita del 17.5% rispetto al pari periodo dell’anno precedente.

Insomma se è pur vero che, nonostante l’andamento negativo della raccolta pubblicitaria, è ancora il prodotto cartaceo a generare ancora la maggior parte dei ricavi, è altrettanto vero che il digitale avanza a grandi falcate con tassi di sviluppo a doppia cifra ed un peso significativo e crescente sul totale.

Di questo passo l’obiettivo dichiarato di poter fare a meno del quotidiano cartaceo entro il 2020 [che non significa che non verrà più realizzato] inizia a sembrare realistico, e l’ultima riga del conto economico è già oggi nuovamente in positivo. 

Social

Lascia un commento

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.