ChartaMente

Istat, nel recente rapporto “Noi Italia 2016”,  ricco di indicatori statistici che spaziano dall’economia alla cultura, passando per il mercato del lavoro, le condizioni economiche delle famiglie e la finanza pubblica, ha pubblicato anche i dati relativi ai lettori di quotidiani nel nostro Paese.

I dati si riferiscono a coloro che leggono un quotidiano almeno una volta alla settimana, che si ricorda sono distinti da quelli che invece lo comprano, ed includono dunque sia lettori abituali che saltuari, suddivisi per sesso e fascia d’età.

Sono coloro che hanno tra 55 e 59 anni quelli che leggono maggiormente un giornale con una penetrazione sul totale della popolazione di quel cluster del 59.5%. Percentuale che raggiunge il 66.3% degli uomini di quella parte di popolazione ed il 53.1% delle donne.

Il 14.5% di coloro che hanno tra 11 e 14 anni e il 24.1% di chi ha tra 15 e 17 anni legge almeno una volta alla settimana un giornale con buona pace dei grandi successi dell’iniziativa “Quotidiano in Classe” [e dintorni] che esportiamo addirittura oltreoceano. Meglio non aggiunga altro, per oggi.

Lettori Quotidiani Istat 2016

Social

Lascia un commento

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.