Post-it

Una sele­zione ragio­nata delle noti­zie di oggi su media, gior­na­li­smi e comu­ni­ca­zione da non perdere.

  • TV Brand Effect – “So che metà dei soldi che spendo in pub­bli­cità è com­ple­ta­mente but­tata via. Il pro­blema è che non so quale metà sia.” Che sia stato John Wana­ma­ker o Lord Leve­rhulme a pro­nun­ciarla, que­sta frase cita­tis­sima è diven­tata nel corso del tempo sem­pre più una verità. Lo confermano i dati di TV Brand Effect, di Nielsen,  secondo i quali in media poco meno del 30% di chi è esposto a una creatività televisiva ne ricorda correttamente il contenuto e la associa al brand comunicato. Sapevatelo!
  • Engagement and Internal Communication Events Specialist – Benetton Group SpA ricerca uno/una specialista in engagement e attività di comunicazione interna.
  • Würstel & Social – C’è chi sostiene che Twitter sia in crisi da sovrapproduzione. Tesi che parte da una notizia, non verificabile, sul presunto rifiuto di alcuni giornalisti del New York Times di twittare, confonde la piattaforma di microblogging da 140 caratteri con un social network [mentre, come noto, è un social media], confermando tutta l’imperizia sul tema, e conclude portando come supporting evidence uno spot televisivo di una nota marca di würstel. Che dire…
  • Fact Checking – Una lista davvero completa di tool per la verifica della geolocalizzazione per andare oltre Google Earth.
  • Budget Investimenti in Comunicazione d’Impresa – Il 42,5% delle imprese ha budget di comunicazione inferiori ai 50mila euro; il 12,8% investe una somma tra i 50 e i 100mila euro; l’11% si colloca tra i 100mila e i 250mila euro; il 2,1% investe tra i 250mila e 500mila euro; il 6,4% tra 500mila e 1 milione di euro; l’12,8% supera il milione di euro e la stessa quota supera i 5 milioni. Questo, e molto altro, è quanto emerge da una ricerca svolta su un campione di 400 professionisti del settore marketing e comunicazione aziendale sopra i 35 anni direttamente coinvolti nelle decisionali di business con ruoli dirigenziali [35%%] e manageriali [65%].
  • Analytics, Audience Development e Redazioni – Cambia l’uso degli analytics che evolve sia come pratica che come figure professionali coinvolte nel processo con l’introduzione dell’ Audience Development Editor, Audience Engagement Editor ed anche il Growth Editor. Analisi sulle tendenze all’interno delle redazioni da leggere assolutamente per poi ricondurla alla realtà del nostro Paese in cui la maggioranza delle testate non hanno neppure un Social Media Editor…
  • Social Media StrategyCase study della, geniale, social media strategy implementata dalla NASA.

Great Communication

 

Altre noti­zie e segna­la­zioni su media e comu­ni­ca­zione nella nostra pagina Face­book e, ovvia­mente, su Twit­ter. Buona lettura.

Social

Lascia un commento

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.