Il Mercato Pubblicitario Italiano

Nielsen ha diffuso ieri i dati degli investimenti pubblicitari per mezzo del 2013 ed il relativo confronto rispetto al 2012.

Secondo i dati resi disponibili l’ennesimo annus horribilis si chiude con una rallentamento nella flessione complessiva attestandosi al -4% a dicembre 2013 rispetto al pari periodo dell’anno precedente. Nel complesso il 2013 si chiude con un calo del 12.3% rispetto al 2012 pari a 896 milioni di euro in meno di ricavi complessivi.

ADV diff2012-2013

Non vi è media che non registri una flessione e, per la prima volta dopo un trend positivo da molti anni a questa parte, anche gli investimenti in advertising display sul web registrano anch’essi un calo: -1.8% rispetto al 2012.

Analizzando il dettaglio dei mezzi, la quota maggiore del calo, in valori assoluti, è da imputarsi a televisione e carta stampata che complessivamente rappresentano il 77.3% del totale degli investimenti pubblicitari classici nel 2013. La TV registra una riduzione del -10% per il 2013, inferiore al totale mercato. Continua il momento di grande difficoltà strutturale per la stampa, ferma a -21.2%. con i periodici in maggior sofferenza rispetto ai quotidiani.

È opportuno segnalare come il calo dei ricavi sia superiore a quello degli spazi venduti, segno di una tensione sui prezzi imputabile certamente alla crisi economica del Paese ma anche ad una tensione strutturale in una nazione dove i listini non hanno mai rappresentato un riferimento concreto con sconti che partono dal 70% in su; una farsa.

In una nazione di disconnessi cronici che si abbuffano di TV gli investimenti su questo mezzo continuano a rappresentare il 55% del totale. Stampa e Internet si attestano rispettivamente al 20% e al 17% [stima sul valore complessivo del web, comprendente anche la search e i social non rilevati puntualmente da Nielsen]. Radio e direct mail assorbono a testa il 5%, mentre gli altri mezzi si dividono il 3% del mercato.

Il grafico sottostante visualizza il calo percentuale di ciascun medium. Ogni bolla è grande quanto la percentuale di perdita; un primo esempio di visualizzazione dei dati [*], “mission” di DataMediaHub.

ADV-perdita_percentuale-2013-vs-2012

[*] I grafici e le immagini prodotte da DataMediaHub possono essere riutilizzate con licenza Creative Commons Attribuzione – Non commerciale 3.0 Italia. Per utilizzi diversi potete contattarci. Grazie.

Social
Latest posts by Pier Luca Santoro (see all)

Lascia un commento

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.