Sharing Mirage e Low Engagement

Il tema delle metriche per misurare il valore dei quotidiani online al di là delle pagine viste sembra allargarsi, finalmente, e nelle ultime settimane diversi sono stati i contributi in tal senso.

Tra questa la condivisione viene indicata come una delle metriche da tenere in considerazione. Le con­di­vi­sioni sui social net­work sono un ele­mento essen­ziale nell’attuale eco­si­stema dell’informazione. Non si tratta sol­tanto di un ele­mento di traf­fic buil­ding ma di un para­me­tro signi­fi­ca­tivo dell’interesse e dell’attenzione nei con­fronti della testata e degli arti­coli, dell’informazione della testata stessa. Le con­di­vi­sioni sui social net­work creano brand aware­ness, noto­rietà di marca, e costrui­scono fidu­cia, gra­zie al pas­sa­pa­rola online degli utenti sul valore del giornale.

Per capire come venga gestito questo processo da parte dell’industria dell’informazione italiana l’anno scorso avevo finalizzato una desk research scegliendo alcune testate, sia all digital che non, cercando di verificare comportamenti, strategie messe in atto e livello di coinvolgimento delle persone. Ricerca dalla quale emergeva con chiarezza come ascolto, partecipazione e coinvolgimento sono davvero ai minimi livelli rispecchiando l’inseguimento di quello che Frédéric Filloux sapientemente aveva definito“sharing mirage”, di un utilizzo dei social media come semplice amplificatore, come megafono e non come mezzo di ascolto e di relazione, di “conversazione” con le persone.

Arrivano ora i dati di Upworty, pubblicati da The Verge, che confermano come molto spesso, ahimè, le persone retweetano senza leggere i contenuti.

attention_minutes_and_sharing_560

Se dunque le condivisioni hanno certamente un loro ruolo e significato è il tempo speso il principale indicatore di valore.

Un indicatore che è valido per quanto riguarda le reti social dove il time time spending è l’indicatore fondamentale dell’impegno e della partecipazione, dell’engagement, in base all’impegno che richiede [Voto – likes, +1, RT….; Condivido – sul mio profilo, via email….; Commento – direttamente in calce al post, sotto la mia condivisione o quella di altri…..] divenendo indice del tasso d’interesse di un contenuto. Indicatore altrettanto valido, o forse ancor più, se possibile, per quanto riguarda il tempo di permanenza sul sito.

Continuare ad inseguire il traffico dai social attraverso le condivisioni dimenticandosi della relazione con il pubblico e dell’interesse per il tema affrontato procura solo un valore inesitabile. È tempo che anche i centri media, il mercato pubblicitario ne assuma consapevolezza.

retweeting-without-reading

Social

Pier Luca Santoro

Marketing & Communication at DataMediaHub
Pier Luca Santoro è un esperto di marketing, comunicazione & sales intelligence. Project Manager @DataMediaHub . Dal 1998 opera come consulente per progetti di posizionamento strategico, organizzazione, comunicazione & formazione per aziende pubbliche e private, associazioni di categoria e amministrazioni pubbliche. Sperimentatore e creativo ha sviluppato un’esperienza significativa nell’ambito dell’edutainment, nell’utilizzo dei giochi come medium e la gamification.
Dal 1987 in poi é stato responsabile del marketing e dell’organizzazione commerciale di grandi imprese [Star, Giuliani, Bonomelli].
Social

Lascia un commento

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.