Mercati Drogati

Che la sovvenzione dello Stato a supporto di prodotti/mercati in difficoltà abbia scarso effetto, o addirittura effetto negativo, è dimostrato osservando dinamiche e tendenze del mercato dell’auto, e relative incentivazioni alla rottamazione, degli ultimi anni.

Il mercato editoriale vive per una quota parte anche dei sussidi statali da tempo.

Il Reuters Institute for the Study of Journalism dell’ Università di Oxford ha pubblicato un analisi [+] delle sovvenzioni statali, dirette ed indirette, ai media di sei nazioni nel mondo Italia compresa.

- Clicca per Ingrandire -

Frédéric Filloux, dalle colonne di Monday Note, ha effettuato una riclassificazione dei dati della ricerca pubblicando le vendite dei quotidiani per ogni 1000 abitanti e l’incidenza dei sussidi per ogni cittadino relativante alle nazioni oggetto dell’analisi del Reuters Institute for the Study of Journalism.

Secondo quanto pubblicato, l’Italia è il terzo Paese per incidenza dei contributi statali all’editoria e ultimo nel rapporto tra numero di abitanti e vendite di quotidiani.

I dati dimostrano che non vi è una relazione diretta tra la penetrazione di Internet e le vendite dei quotidiani, con Finlandia e Gran Bretagna che hanno un’elevata readership ed altrettanto un elevato numero di utenti che utilizzano la Rete.

Nella mia personale interpretazione delle informazioni disponibili, i dati smentiscono l’ipotesi che uno dei problemi dei quotidiani sia legato ad aspetti demografici. Al contrario, in una nazione quale l’Italia con progressivo invecchiamento della popolazione questo dovrebbe, eventualmente, essere un vantaggio.

Se i contributi al comparto editoriale siano una forma di supporto alla libertà di informazione e, di riflesso, alla democrazia, o meno, è certamente discutibile. Quello che appare inopibinabile è l’effetto perverso di drogare il mercato,  l’inutilità, o peggio, di contributi che non abbiano una finalità specifica e misurabile.

Social
Latest posts by Pier Luca Santoro (see all)

0 thoughts on “Mercati Drogati

  1. Finalmente un’analisi e un commento serio intorno a questo aspetto perverso dei contributi all’editoria. Altro che mercato drogato! Non è un mercato, altrimenti si sosterebbe tramite l’equilibro tra domanda e offerta, invece assistiamo alla sopravvivenza di pubblicazioni che registrano, mediamente l’80% di reso. Come fanno a sopravvivere? Perché molte di loro, pur non avendone i requisiti, vengono classificate come prodotto editoriale sfruttando tutte le agevolazioni di legge, compresa la parità di trattamento? Una revisione appare necessaria

Lascia un commento

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.