Business Models

Nieman Lab ha diffuso la sintesi dei  contenuti dello studio recentemente concluso da Accenture relativamente a quelli che parrebbero essere i modelli di business per il futuro dell’editoria.

La tavola di sintesi sottostante illustra come si ipotizzi un “modello ibrido” [sarà un atroce destino ritrovare continue similitudini con il mondo dell’auto] con un  forte orientamento alla distribuzione multimediale e multiprodotto in funzione delle diverse piattaforme.

Oltre a rilevare che fondamentalmente non ci si discosta di molto dal rapporto 60/40 che caratterizza l’attuale business model generale dei giornali tradizionali, ad integrazione dei dati presentati, credo possa essere interessante riprendere quel che illustrava Mick Masnick analizzando il caso di Trent Reznor [Nine Inch Nails].

Nel video della presentazione Masnick riassume, con la semplicità apparente delle buone idee, la formula basica per avere successo e redditività :

Connect With Fans (CwF) + Reason To Buy (RtB)

=

The Business Model ($$)

Mi pare una attualizzazione funzionale ai nostri tempi della reason why che meriti di essere assolutamente presa in considerazione.

Social
Latest posts by Pier Luca Santoro (see all)

0 thoughts on “Business Models

  1. Accenture commette il grave errore di trattare l’editoria giornalistica con la stessa logica deei prodotti di massa, mentre le aziende del settore, che diffondono informazione sui supporti tradizionali e per via digitale, hanno i loro punti di forza in una gerarchia di professionisti della conoscenza, vere e proprie star in cima, che fanno attrazione dei lettori.
    Nino

Lascia un commento

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.