E’ qui la festa?

Sabato sera scorso sono andato ad una cena con un centinaio di giornalai di Ferrara e provincia organizzata da una testata locale in collaborazione con il Sinagi provinciale.

Sull’invito c’era scritto che ci sarebbero state illustrate le strategie di rilancio della pubblicazione, recentemente ritornata in mani locali dopo un periodo “straniero”. Incuriosito ho dunque deciso di partecipare anche per sfruttare l’occasione di incontrare in una volta sola molti di quelli che fanno il mio stesso mestiere in zona.

Location adeguata, non eccessivamente sfarzosa ma nemmeno troppo dimessa, e menù più che dignitoso, colleghi e colleghe vivaci e simpatici nonostante la giornata iniziata 14/15 ore prima sulle spalle. Nulla da dire.

Un’occasione sprecata per la testata in questione fuori di dubbio.

Dopo aver organizzato e riunito un numero cospicuo di persone [ed aver sopportato l’esborso] mi sarei aspettato decisamente di più e di meglio.

Dopo l’apertura del segretario provinciale del sindacato gli interventi dei due responsabili della testata sono stati confusi ed inutili. Tutto esclusivamente all’insegna di generici “volemose bene” e con richiami alla strategia di rilancio della testata che dichiaratamente consistono in rilanciare le vendite; aspetto che mi pare sia da considerarsi un obiettivo ma non una-LA strategia della pubblicazione. Ho/abbiamo stretto mani, ringraziando per il pasto offerto e salutato.

Quanti esporranno meglio e per quanto tempo la rivista in questione e quanti dopodomani mattina si saranno invece già dimenticati dei capellacci e del fagiano offerto? Io non ho una risposta certa ed altrettanto i responsabili del impresa editoriale.

Si poteva dialogare, chiedere una partecipazione più attiva e sfruttare la costosa e rara presenza di chi era alla cena. Volendo, addirittura, si poteva organizzare un gioco. Prevedere o richiedere step di follow up. Insomma si poteva e si doveva utilizzare l’occasione creata per comunicare e coinvolgere con maggior efficacia andando oltre un generico goodwill che, a mio avviso, lascia il tempo che trova.

Peccato! La fortuna di riuscire ad avere la presenza di un numero importante non sarà replicabile a breve, come sempre averci pensato prima avrebbe fatto la differenza. La pianificazione e la comunicazione non sono degli optional trascurabili da tempo, ora, se possibile, ancor meno.

I love d you

Social

Latest posts by Pier Luca Santoro (see all)

Lascia un commento

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.