Paradossi editoriali

La Newspaper Association of America, associazione che riunisce gli editori dei quotidiani statunitensi, secondo quanto riportato, cesserà la pubblicazione dell’edizione cartacea di Presstime per passare alla sola versione on line.

La scelta di chiudere il magazine mensile, nato nel 1969, è ovviamente dettata da ragioni economiche e dovrebbe consentire all’associazione un saving di circa 500mila US dollars all’anno.

La decisione rappresenta il paradossale, ennesimo, segno dei tempi e l’amara conferma delle condizioni in cui versa a livello internazionale l’editoria.

Crack Editoria

Social
Latest posts by Pier Luca Santoro (see all)

0 thoughts on “Paradossi editoriali

  1. Se era così bravo e gli altri non capivano un cazzo, come mai si è ridotto a fare il giornalaio ( nel vero senso della parola )?
    Cavolo che fatturato farà 300.000 euros anno? ( che sono il ns. fatturato giornaliero ) se chiude lui l’economia tracolla.
    Smettiamola con la cazzata di scelta di vita, la scelta di vita è mollare tutto per andare in barca o fare il mecenate ( se te lo puoi permettere ) non fare il giornalaio e lamentarti suvvia.
    Astio? No trovo urticanti personaggi che se la tirano e contano meno del 2 di picche.
    Santoro ma vai a cagare su un campo di carciofi idiota inetto.

Lascia un commento

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.