wikileaks

Posted on 9 aprile 2012 by Pier Luca Santoro

Visibilità Vò Cercando

Dopo la decisione da parte di WikiLeaks di diffondere tutti i 251mila cablogrammi in suo possesso è stata definitivamente guerra tra l’organizzazione guidata da Julian Assange ed i principali [ex] media partner. Una scelta apparentemente in nome dei principi deontologici del giornalismo dietro la quale, leggendo i 9 principi pubblicati da PEJ [Project for Excellence in Journalism, si comprende come si celino in realtà motivazioni diverse e più articolate.

Assange all’epoca aveva affermato che i media partners di “secondo livello”, e il milione di followers su Twitter avrebbero consentito a WikiLeaks la stessa ampiezza di diffusione che veniva generata dai principali quotidiani del mondo.

Ipotesi che, nonostante ora i followers su Twitter abbiano raggiunto quasi il milione e mezzo non pare essersi concretizzata, come dimostrato anche con i dati forniti da Google Trends che evidenziano la correlazione tra volume delle notizie e traffico generato in Rete e, comunque, interesse generale decisamente calante anche in occasione del tanto annunciato ritorno.

Ecco che allora il fondatore di WikiLeaks approda con un programma tutto suo sul medium di massa per definizione: la televisione.

Dalla prossima settimana infatti, Julian Assange partirà con un talk show tutto suo: “The World Tomorrow with Julian Assange” affidando al broadcaster russo «Russia Today», canale televisivo creato dal Governo Russo per propagandare la propria immagine a livello internazionale il ruolo di mezzo di diffusione del proprio messaggio.

Scelta che certamente dovrebbe garantirgli la visibilità perduta ma che stride decisamente viste le posizioni su libertà d’informazione e corruzione della Russia certamente non in linea con i principi minimi dell’etica su entrambi i fronti.

Come avviene in tutte le guerre, la battaglia tra l’organizzazione di Assange ed i mainstream media sta avendo un impatto negativo su entrambe le parti. Il torpore delle coscienze, alimentato dagli interessi di parte, rischia di avere la meglio sulla trasparenza e sulla verità.

Posted on 12 ottobre 2011 by Pier Luca Santoro

Controllo dei Dati nel Web 2.0

La cronaca di questi giorni narra del trojan, del sofware spia, utilizzato dalle autorità governative tedesche per tenere “sotto osservazione” i propri cittadini e di come Google collabori con i governi di mezzo mondo cedendo le informazioni a propria disposizione, e-mail incluse,  a fronte di richieste più o meno giustificabili.

In occasione del prossimo «Web 2.0 Summit», programmato dal 17 al 19 Ottobre a San Francisco, gli organizzatori hanno realizzato una mappa interattiva che mostra i punti di controllo dell’internet economy.

La mappa, aggiornata rispetto alla versione dell’anno scorso, si focalizza maggiormente su chi e come vengono controllati e gestiti i dati degli internauti. In una sorta di risiko mondiale vengono identificate le aziende principali ed il loro potere nel controllo di otto segmenti di informazioni che vanno dagli acquisti fatti in Rete agli interessi personali espressi, anche attraverso i social network, passando per localizzazione geografica e tipologia di informazioni ricercate.

L’altro volto del Web 2.0 che mostra la condizione di libertà vigilata degli internauti.

- Clicca per Accedere alla Versione Interattiva -

Posted on 4 settembre 2011 by Pier Luca Santoro

L’Impatto della Guerra tra WikiLeaks ed i Quotidiani

Le prime avvisaglie dell’incrinarsi delle relazioni tra WikiLeaks ed i suoi media partners ufficiali si erano già manifestate con chiarezza a fine aprile in occasione della publicazione dei cablograbbi segreti, o comunque riservati, sulle vicende di Guantanamo.

Dopo la decisione di questi giorni da parte di WikiLeaks di diffondere tutti i 251mila cablogrammi in suo possesso è definitivamente guerra tra l’organizzazione guidata da Julian Assange e i principali [ex] partner.

Da un lato si giustifica la decisione presa con la rottura degli accordi da parte del Guardian ed il favore dei sostenitori a larga maggioranza di diffondere le informazioni in proprio possesso, dall’altro ci si dissocia e si critica apertamente la scelta in nome dei principi deontoligici del giornalismo.

La testimonianza di Gennaro Carotenuto aiuta a far luce sulle motivazioni e sulle responsabilità delle parti in causa.

Di altrettanto interesse, a mio avviso, verificare l’impatto in termini di diffusione delle informazioni.

Se infatti WikiLeaks è diventata non solo simbolo della libertà di espressione ma anche fonte indispensabile per i giornalisti e per attirare visitatori alle pagine delle edizioni online dei quotidiani, quanto dipende la diffusione di queste informazioni dai giornali? E’ possibile che fonti ufficiali di minor rilevanza, i media partners di “secondo livello”, e il milione di followers su Twitter  consentano a WikiLeaks la stessa ampiezza di diffusione che veniva generata dai principali quotidiani del mondo come afferma Assange?

Sulla base di alcune evidenze raccolte dal sottoscritto, la risposta pare essere negativa.

Mentre circa un anno fa il livello di tweet si attestava intorno all’1,5% del totale con picchi sino al 2% in questi giorni siamo intorno allo 0,1%.

Si tratta di una tendenza che l’analisi condotta utilizzando Google Trends conferma nella sua globalità che definisce la piattezza del traffico sul Web in assenza di evidenza fornita dai mainstream media. Il grafico di sintesi dei risultati sottoriportato evidenzia con chiarezza la correlazione tra volume delle notizie e traffico generato in Rete.

Trend che l’ultilizzo di WE twendz pro, applicazione dedicata a monitorare ed analizzare dinamiche ed impatto delle conversazioni su Twitter, consente di approfondire.

Ne emerge un quadro d’assieme che descrive puntualmente come la maggior influenza sia in chiave positiva che di sentiment negativo venga generata prevalentemente da account ufficiali di fonti d’informazione tradizionali [quali ad esempio BBC e NPRNews] e di come, comunque, il traffico non abbia mai superato i 1400 tweet.

Se sia maggiormente discutibile l’etica di WikiLeaks o quella delle trame oscure dei Governi può certamente essere tema da approfondire, quello che appare certo è che, come avviene in tutte le guerre, la battaglia tra l’organizzazione di Assange ed i quotidiani stia avendo un impatto negativo su entrambi i fronti.

 

Posted on 13 luglio 2011 by Pier Luca Santoro

La Timeline del Processo ad Assange

La timeline è uno strumento di rappresentazione delle informazioni molto interessante, utile in particolare per guidare il lettore nel caso di storie, di notizie articolate e complesse. Rispetto all’attuale imperversare di infografiche offre il vantaggio dell’interattività e dell’accesso diretto alla fonte dell’informazione.

Gli amici di Effecinque, non nuovi a sperimentazioni di linguaggi alternativi, hanno realizzato la timeline del processo al fondatore di WikiLeaks adattando alle loro esigenze lo strumento open source reso disponibile da  ProPublica.

Interattiva, ottimamente realizzata, la timeline identifica ciascuna fase del processo fornendo per ogni momento il contenuto chiave in diversi formati [testo, foto, video] ed il link corrispondente per approfondire l’informazione.

- Clicca per Accedere alla Versione Interattiva -

Posted on 1 maggio 2011 by Pier Luca Santoro

Captain America Vs Bradley Manning, Julian Assange & WikiLeaks

I fumetti principali della Marvel Comics, le diverse serie di supereroi note anche in Italia [l’Uomo Ragno, gli X-Men, Capitan America, i Fantastici Quattro, Iron Man e Hulk] sono sempre stati di sostegno allo status quo statunitense evocando avvenimenti della società contemporanea e suggerendo attitudini al riguardo. Modalità di influenza dell’opinione pubblica, attraverso un genere popolare quale i comics, che hanno ricoperto un ruolo non trascurabile nei momenti di maggior tensione sociale e politica moderna.

In questi giorni l’episodio di prossima pubblicazione nel quale Clark Kent, reporter che veste i panni di Superman,  entra in rotta di collisione con il governo americano, che gli rimprovera di essere apparso a Teheran e di aver sostenuto i rivoltosi, con una chiara allusione alle proteste degli ultimi mesi in Medio Oriente, decidendo di rinunciare alla cittadinanza americana, ha avuto eco internazionale e suscitato la reazione negativa dei mezzi di informazione statunitensi proprio perchè emblema di questi valori.

La rottura con la tradizione viene immediatamente bilanciata dall’ episodio nel quale Capitan America, personaggio nato come elemento di propaganda durante la seconda guerra mondiale per rappresentare gli ideali  del popolo americano, si scaglia con vigore contro Bradley Manning, Julian Assange & WikiLeaks. Nell’ultimo capitolo disponibile in questi giorni non viene lasciato spazio alle allusioni, ai fraintendimenti, e il supereroe americano per eccellenza ne ha per tutti, inclusi Guardian e NYT colpevoli della pubblicazione dei files messi a disposizione dai traditori – così vengono rappresentati – dell’America.

Speriamo che la prossima settimana Batman non riveli che il suo domicilio milanese è l’ultimo avamposto del popolo della libertà, sarebbe davvero troppo.

Older Posts
Vai alla barra degli strumenti