videogame

Pubblicato il 6 gennaio 2012 by Pier Luca Santoro

I Re Magi tra Narrazione & Management

In molte nazioni, ad esem­pio la Spa­gna, è oggi, nella ricor­renza dell’arrivo di Gaspare, Mel­chiorre e Bal­das­sarre che, narra la tra­di­zione, rega­la­rono oro, incenso e mirra al neo­nato Gesù, che  ven­gono dati i doni ai bam­bini. Regali che nove volte su dieci sono dei giochi.

Sfrutto l’occasione per segna­lare cin­que titoli, cin­que gio­chi recen­siti in que­sti spazi che, tra i tanti di cui ho par­lato nel corso del tempo, mi sem­brano i migliori stru­menti di simu­la­zione per l’apprendimento, lo svi­luppo delle capa­cità mana­ge­riali e la narrazione.

Pro­blem sol­ving: logica, tec­ni­che, risorse.

«L.A. Noire» è un video­gioco inve­sti­ga­tivo, utile per impa­rare a rac­co­gliere indizi e prove, chia­rire obiet­tivi e logica d’azione, sco­prire la verità nasco­sta, cer­care solu­zioni e realizzarle.

Con­ser­vare le espe­rienze e svi­lup­pare la conoscenza.

«Child of Eden» è un rhy­thm action game, creato da Tetsuya Mizu­gu­chi, utile per rico­struire, ripu­lire e arric­chire le cono­scenze cir­co­late in Rete.

Nar­ra­zione & Espe­ren­zia­lità.

«Warco» rap­pre­senta un ottimo stru­mento per inse­gnare alle per­sone i peri­coli del gior­na­li­smo di guerra e le dif­fi­coltà di ordine morale ed etico che vivono i repor­ters durante il loro lavoro quando ben fatto.

Rior­ga­niz­za­zione e licen­zia­menti.

«Plan social», il gioco pre­fe­rito dei grandi impren­di­tori, si fa con le carte, alla maniera tra­di­zio­nale, ma è cinico e graf­fiante come nella realtà di oggi.

Gio­care al pre­si­dente della BCE.

«€CONOMIA: il gioco della poli­tica mone­ta­ria», gioco di simu­la­zione a turni, par­tendo dalla gestione del tasso di inte­resse uffi­ciale, mette il gio­ca­tore nella con­di­zione di influen­zare il tasso d’inflazione, cre­scita del PIL, incre­mento della liqui­dità e tasso di disoc­cu­pa­zione. Aree d’intervento tutte di grande attualità.

Pubblicato il 27 maggio 2011 by Pier Luca Santoro

Problem Solving: Logica, Tecniche, Risorse

Un pro­blema è una situa­zione com­pli­cata che una per­sona si trova davanti, che non è facile spie­gare e affron­tare senza impe­gno, né igno­rare, causa di pre­oc­cu­pa­zioni o di vin­coli alla con­dotta. La defi­ni­zione pro­po­sta è tanto ampia da com­pren­dere com­pli­ca­zioni rom­pi­capo e leg­gere dif­fi­coltà, neces­sità di risol­verle ad ogni costo e pos­si­bi­lità di con­vi­vervi, effetti nega­tivi cre­scenti e ten­denza a dis­sol­versi con il tempo, obbligo pro­fes­sio­nale o morale o con se stessi a defi­nirle, cir­co­scri­verle e agirvi con metodo efficace.

Sco­prire la verità, rico­struendo il puzzle delle ragioni e degli attori all’origine del pro­blema, è il punto cen­trale del pro­cesso inve­sti­ga­tivo, che richiede la mas­sima atten­zione ai det­ta­gli, la pro­gres­sione degli stati di coscienza, la rior­ga­niz­za­zione delle cono­scenze rac­colte in obiet­tivi e solu­zioni intermedie.

Attra­verso una serie di pas­saggi si può supe­rare il pro­blem sen­sing e arri­vare a una rifor­mu­la­zione, sin­tesi di dati e fatti noti, pre­messa per un per­corso di solu­zione, che con­sente di evo­care e vali­dare gli schemi di com­por­ta­mento già adottati.

«L.A.Noire» di Team Bondi e Rock­star Games è un video­gioco per PS3, annun­ciato anche per Xbox 360. E’ un thril­ler ispi­rato a casi di cro­naca cri­mi­nale avve­nuti a Los Ange­les nel secondo dopo­guerra, utile per svi­lup­pare abi­lità d’indagine, tra­mite rac­colta d’informazioni, col­le­ga­mento tra indizi, testi­mo­nianze, prove e docu­menti. Il gioco è ststato rea­liz­zato in col­la­bo­ra­zione con il Los Ange­les Times.

Su que­sta base il gio­ca­tore può for­mu­lare e rifor­mu­lare il qua­dro di una serie d’incendi dolosi, estor­sioni e assas­sini, ipo­tiz­zare chi possa esserne l’autore e per­ché agi­sca così, giun­gere alle con­clu­sioni giudiziarie.

Il video­gioco è strut­tu­rato come una sorta di serie tele­vi­siva, in cui ognuno dei 21 epi­sodi pre­senti è un caso poli­zie­sco da seguire e risolvere.

Attori, come Aaron Sta­ton della serie «Mad Men», agi­scono sulle scene , ripro­dotte in ani­ma­zione con un risul­tato stu­pe­fa­cente, gra­zie alla tec­no­lo­gia e alla rico­stru­zione fedele dell’ambiente urbano, dei com­por­ta­menti, degli stili di vita e degli abbi­glia­menti dell’età d’oro di Hollywood.

Il gio­ca­tore deve calarsi nel ruolo del reduce Cole Phelps, che è stato deco­rato al valor mili­tare, ma nel 1947 fa il poli­ziotto di pat­tu­glia, in cerca di reden­zione per quello che ha com­messo durante la guerra, desi­de­roso di farsi valere e sod­di­sfare insieme la sua aspirazione.

Il gioco ha ini­zio nel momento in cui Phelps riceve l’incarico d’investigare su che cosa si cela die­tro una serie di atti cri­mi­nosi. Deve cer­care indizi, dare la cac­cia ai sospetti, inter­ro­gare i testi­moni, per sco­prire quello che è acca­duto e per­ché in una città in cui tutti hanno qual­cosa da nascon­dere. Il gio­ca­tore deve divi­dere razio­nal­mente le inda­gini sui diversi cri­mini in più momenti d’analisi. Ogni reato vedrà il pro­ta­go­ni­sta recarsi sul luogo dei delitti con il col­lega di turno per met­tere insieme i pezzi del problema.Passando accanto ad ogni indi­zio deve pre­mere il tasto azione e rac­co­gliere l’oggetto, la tele­ca­mera zoo­merà e una vibra­zione del pad indi­cherà un det­ta­glio impor­tante, che met­terà ancora più a fuoco il reperto. Anno­terà auto­ma­ti­ca­mente la sco­perta sul Tac­cuino, alla voce «prove». Inter­ro­gando i testi­moni, potrà sta­bi­lire la verità delle dichia­ra­zioni e la riu­scita dell’interrogatorio. D’inchiesta in inchie­sta, nuovi det­ta­gli si aggiun­ge­ranno e chia­ri­ranno ogni caso. Un filo rosso legherà i sin­goli epi­sodi in una trama complessa.

Il tempo del per­corso inve­sti­ga­tivo, il numero dei casi risolti e la sco­perta della verità com­ples­siva richie­de­ranno un mas­simo di 15 ore.

«L.A.Noire» è un gioco coin­vol­gente, che faci­lita un appren­di­mento con­te­stua­liz­zato e siste­ma­tiz­za­bile ex post, infra­mez­zando sequenze d’esplorazione, crit­to­grammi e azioni, in un’esperienza inte­rat­tiva guidata.

[Fonte]