Posted on 20 marzo 2013 by

Veni, Video, Vici?

Tweet about this on Twitter0Share on Facebook0Share on Google+2Share on LinkedIn0Email this to someonePrint this page

Grandi aspet­ta­tive vi sono per i ricavi dalla pub­bli­cità online nel seg­mento video ed anche in Ita­lia la mag­gior parte degli edi­tori, ed ovvia­mente non solo loro, si sono attrez­zati per coprire ade­gua­ta­mente quest’area ed otte­nere i rela­tivi bene­fici eco­no­mici. Non a caso Audi­web da quale mese a que­sta parte for­ni­sce anche Objects Video esten­sione della rile­va­zione che con­sente di misu­rare la frui­zione dei con­te­nuti video pre­senti su Internet.

Dopo che il «The Finan­cial Times» ha pub­bli­cato i prezzi medi per CPM che mostrano come il mobile sia poten­zial­mente più una minac­cia che un’opportunità, ora il «The Wall Street Jour­nal» pub­blica un’analisi spe­ci­fi­ca­ta­mente dedi­cata ai video online.

Nell’articolo “Web Video: Big­ger and Less Pro­fi­ta­ble” si evi­den­zia come a fronte di un’esplosione dell’offerta i prezzi medi per CPM siano calati tra il 10 ed il 15% nel 2012 rispetto all’anno pre­ce­dente e rileva che aumento dell’offerta, con Condé Nast, ad esem­pio, che ha lan­ciato in que­sti giorni dei canali video per «Gla­mour» e «GQ»,  ed ine­vi­ta­bile incre­mento della com­pe­ti­ti­vità rischiano di lasciare a bocca asciutta molti di coloro che si sono inse­riti in que­sto seg­mento di mer­cato. Negli USA le media com­pa­nies che offri­vano pub­bli­cità nei video nel 2011 erano 21, oggi sono diven­tate 217, dieci volte tanto.

Il detto “piatto ricco, mi ci ficco” non pare dun­que essere appli­ca­bile di per se stesso in que­sto caso ed ancora una volta l’offerta dovrà essere dif­fe­ren­ziata per reg­gere la com­pe­ti­zione. Con­cetto che , per altro, non è una novità. La novità, nega­tiva ahimè, e che nel 2013 ci sia chi pensa il contrario.

Online Video Sales

A mar­gine si segnala che Spider.io, impresa dedi­cata a moni­to­rare ano­ma­lie nel traf­fico in Rete, afferma di aver indi­vi­duato un net­work di BOT che ha fro­dato gli inser­zio­ni­sti per un valore pare a 6 milioni di dol­lari men­sili. Della misu­ra­bi­lità del Web e del valore dei CPM. Null’altro da aggiungere.

Tweet about this on Twitter0Share on Facebook0Share on Google+2Share on LinkedIn0Email this to someonePrint this page