Posted on 7 giugno 2010 by

Nuovi Scenari & Complessità Emergenti

Tweet about this on Twitter0Share on Facebook0Share on Google+0Share on LinkedIn0Email this to someonePrint this page

Il modello di busi­ness degli edi­tori si è basato fon­da­men­tal­mente sull’intreccio tra ven­dita di con­te­nuti [+ con­fronto su FF] ai let­tori e ven­dita di let­tori agli inve­sti­tori pub­bli­ci­tari. Aspetti legati a dop­pio filo poi­ché la ven­dita [la dif­fu­sione] di un mag­gior numero di copie attira gli inve­sti­menti pub­bli­ci­tari che a loro volta sosten­gono, ali­men­tano, le pos­si­bi­lità di svi­lup­pare testate che atti­rino i let­tori. Per que­sto sin ora, i prezzi delle copie car­ta­cee sono stati bassi e, addi­rit­tura, su inter­net pre­va­len­te­mente gratuiti.

Attual­mente però, il modello di busi­ness si è reso più arti­co­lato, più com­plesso. Robert Picard, pro­fes­sore di eco­no­mia dei media ed autore di 24 testi sul tema, sin­te­tizza egre­gia­mente in uno schema l’attuale arti­co­la­zione e mag­gior com­ples­sità che gli edi­tori si tro­vano a dover affrontare.

Il variare delle con­di­zioni della pro­po­sta effet­tuata on line ha dun­que un impatto anche sulle per­for­mance della ver­sione tra­di­zio­nale, dell’edizione car­ta­cea, del gior­nale [o pub­bli­ca­zione perio­dica]. Con­di­zione di com­ples­sità che, se pos­si­bile, si rende ancor più di dif­fi­cile riso­lu­zione con l’introduzione di altri for­mat quali eRea­ders e mobile.

Il muro da abbat­tere non sem­bra per­ciò riguar­dare tanto quanto pro­teg­gere i con­te­nuti e richie­dere all’utenza il paga­mento per la ver­sione on line, bensì una ben più pro­fonda e radi­cale tra­sfor­ma­zione delle logi­che di offerta che devono saper affron­tare una fram­men­ta­zione delle audience.

La vera moti­va­zione di crisi degli inve­sti­menti pub­bli­ci­tari risiede nell’incertezza della fun­zio­na­lità degli attuali modelli e mezzi di comu­ni­ca­zione. Molti inve­sti­tori ne hanno con­sa­pe­vo­lezza, è tempo che anche gli edi­tori sor­pas­sino l’approccio tat­tico che hanno avuto negli ultimi anni ed affron­tino pro­gres­si­va­mente, con una visione stra­te­gica d’assieme, il loro modello di offerta.

Tweet about this on Twitter0Share on Facebook0Share on Google+0Share on LinkedIn0Email this to someonePrint this page