twitter

SocialDebates
Pubblicato il 28 agosto 2014 by Pier Luca Santoro

Conformismo Social

Molti crea­tori e soste­ni­tori dei social media hanno spe­rato che le piat­ta­forme come Face­book e Twit­ter avreb­bero potuto pro­durre ambiti di discus­sione dove coloro con posi­zioni mino­ri­ta­rie potes­sero sen­tirsi più liberi di espri­mere le pro­prie opi­nioni, ampliando così il dibat­tito pub­blico con l’aggiunta di nuove pro­spet­tive per la discus­sione di tutti i giorni sulle que­stioni socio-economiche e politiche.

Pew Research ha con­dotto un son­dag­gio per veri­fi­care la fon­da­tezza dell’ipotesi par­tendo dalle rive­la­zioni Snowden-NSA . Dai risul­tati pub­bli­cati emerge come in realtà sia addi­rit­tura il contrario.

SocialDebates

Secondo i dati for­niti da Pew risulta che su Face­book e Twit­ter gli utenti sono stati anche meno pro­pensi a con­di­vi­dere le loro opi­nioni che in molti ambienti face-to-face, ed infatti il titolo dei risul­tati dello stu­dio è: “Social Media e la Spi­rale del Silenzio”.

Sia offline e online, le per­sone hanno dichia­rato di essere più dispo­sti a con­di­vi­dere le loro opi­nioni sulle rive­la­zioni Snowden-NSA se pen­sas­sero che il pub­blico era d’accordo con loro. Emerge come se le per­sone erano social­mente più vicine, come, ad esem­pio, nel caso di coniugi o mem­bri della fami­glia, mag­giore era la pro­ba­bi­lità è che gli inter­vi­stati riten­gono il loro parere abbi­nati. Aspetto che evi­den­zia come gli “amici” sul social net­work più popo­loso del pia­neta siano in realtà pre­va­len­te­mente con­tatti deboli.

Da segna­lare infine come Face­book e Twit­ter siano state per il caso Snowden-NSA [e per gli altri?] la fonte meno impor­tante di infor­ma­zioni, rispet­ti­va­mente solo per il 15 ed il 3% del cam­pione con­tro il 58% della Tv ed il 34% delle testate online. Ele­mento che apre a più di una rifles­sione sul ruolo dei social come fonte d’informazione.

Social Debates

Antenna FT
Pubblicato il 25 agosto 2014 by Pier Luca Santoro

L’Antenna del Financial Times sui Social

Il «Finan­cial Times» ha lan­ciato la scorsa set­ti­mana “Antenna” aggre­ga­tore di noti­zie che pesca da Twit­ter per tenere i let­tori del gior­nale aggior­nati con le ultime migliori noti­zie sui social media, anche non da fonte propria.

La sele­zione dei con­te­nuti di Antenna è scelto da una dop­pia “whi­te­list.” Per un tweet che sarà pub­bli­cato sul sito, il mes­sag­gio deve venire da un account Twit­ter appro­vato, e l’articolo  a cui si col­lega deve pro­ve­nire da un sito web di un elenco sele­zio­nato. Gli utenti di Twit­ter nella lista com­pren­dono docenti uni­ver­si­tari, blog­ger, gior­na­li­sti e per­sone del set­tore finanziario.

Nel mini­sito dedi­cato si legge:

Who’s it for?

It’s for FT rea­ders who don’t have the time to be on Twit­ter all day, but who want to be tip­ped off about a variety of inte­re­sting sto­ries from across the web.

Ci sono, a mio avviso, almeno tre aspetti inte­res­santi nell’iniziativa:

  1. L’idea di for­nire un ser­vi­zio aggiun­tivo — ten­den­zial­mente a costo zero —  al pro­prio pub­blico di riferimento
  2. Invece di fare la “guerra santa”, in cui sono impe­gnati molti, con­tro gli aggre­ga­tori, il pre­sti­gioso quo­ti­diano economico-finanziario com­prende il valore per i let­tori e se ne appropria
  3. Riporta i let­tori, il pro­prio pub­blico di rife­ri­mento, dai social al pro­prio sito; dove può monetizzare.

Cha­peau!

Antenna FT

long-tail-social
Pubblicato il 21 agosto 2014 by Pier Luca Santoro

La Coda Lunga dell’Engagement

Social­Flow,  piat­ta­forma social  di otti­miz­za­zione dei media, ha con­dotto uno stu­dio tra il 1 aprile e il 31 luglio. Lo stu­dio prende i dati da 1,6 milioni di post orga­nici [non a paga­mento]  su Twit­ter, Face­book, e Goo­gle+ evi­den­ziando che il 99 per cento di tali aggior­na­menti rie­sce a creare poco o nes­sun enga­ge­ment. In totale sono stati ana­liz­zati più di 361 milioni di utenti unici che hanno gene­rato circa 1,5 miliardi di azioni sociali, di 7 set­tori diversi, media inclusi, in 52 lin­gue, com­preso l’italiano. Il gra­fico sot­to­stante sin­te­tizza le prin­ci­pali evidenze.

long-tail-social

Sono tre gli aspetti salienti che emergono:

  1. I post orga­nici pos­sono ancora avere una buona por­tata ed un buon enga­ge­ment ma c’è un crollo ver­ti­cale tra la per­for­mance dei migliori ed il restante 99%
  2. I post “data dri­ven” [*] gene­rano una por­tata supe­riore del 91% ed un enga­ge­ment migliore del 25% rispetto ai post pianificati
  3. I post in real time gene­rano bene­fici ai media ed all’intrattenimento ma non al mar­ke­ting delle aziende che ope­rano nel set­tore della tec­no­lo­gia, retail, moda, sanità/salute e non-profit.

Ne deriva che:

  1. La pia­ni­fi­ca­zione dei post è il modo più inef­fi­cace di pro­porre i pro­pri contenuti
  2. A meno che non si operi nel set­tore dei media o dell’intrattenimento postare in tempo reale è com­ples­si­va­mente meno effi­cace che affi­darsi a post data-driven
  3. I post orga­nici dovreb­bero basarsi su un approc­cio data-driven; come il resto delle azioni di marketing

Buon lavoro.

Data Driven Post

 

[*] Post data-driven: un post il cui tempo di pub­bli­ca­zione è deter­mi­nato da un algo­ritmo predittivo.

Onlive Vs Traditional
Pubblicato il 18 agosto 2014 by Pier Luca Santoro

Digital vs Traditional Media Consumption

Glo­bal­We­bIn­dex ha rila­sciato i risul­tati del suo Media Con­sump­tion Insight Report rela­tivo al terzo tri­me­stre 2014. Nel rap­porto viene ana­liz­zato il tempo speso nel con­sumo dei media tra­di­zio­nali rispetto a a quelli digi­tali. I risul­tati sono rela­tivi a 32 mer­cati, nazioni, Ita­lia com­presa, e si basano su inter­vi­ste con­dotte ad un cam­pione di oltre 40mila utenti di internet.

Emerge come su 32 nazioni siano solo 6 quelle dove il tempo dedi­cato ai media tra­di­zio­nali è supe­riore rispetto a quello digi­tale. Per quanto riguarda spe­ci­fi­ca­ta­mente il nostro Paese il gap è meno accen­tuato rispetto ad altre nazioni ma comun­que i media digi­tali supe­rano quelli tradizionali.

Onlive Vs Traditional

Se il con­sumo di tele­vi­sione e radio resta ancora for­te­mente anco­rato ad una frui­zione tra­di­zio­nale, sono invece i quo­ti­diani il medium che, ad esclu­sione della fascia d’età 55–64 anni, viene con­su­mato pre­va­len­te­mente online.

Online VS Traditional by Medium

In tutti i Paesi presi in con­si­de­ra­zione è il social net­wor­king l’attività pre­va­lente svolta online. Se a que­sto aggiun­giamo il micro blog­ging [Twit­ter] e la lettura/produzione di con­te­nuti sui blog, l’area social arriva a pesare media­mente il 50% del tempo speso online.

Com­ples­si­va­mente il con­sumo di TV online e dei quo­ti­diani si equi­vale — entrambi con il 12% del tempo speso — , infe­riore quello della radio al 10%.

Il gra­fico di sin­tesi sotto ripor­tato mostra il det­ta­glio per cia­scuna nazione, Ita­lia com­presa. Ed è pro­prio il nostro Paese, dopo le nazioni delle “eco­no­mie emer­genti”, ad essere quello con il mag­gior tempo speso online, addi­rit­tura più che gli Stati Uniti, ed una quota molto rile­vante di tempo dedi­cato ai social.

Con­si­de­rando il basso livello di pene­tra­zione di Inter­net rispetto a buona parte delle altre nazioni prese in con­si­de­ra­zione è evi­dente come chi usa la Rete la usi con inten­sità maggiore.

Online Time per Activity

TW Transparency
Pubblicato il 1 agosto 2014 by Pier Luca Santoro

Twitter Transparency Report

È stato pub­bli­cato il quinto Trans­pa­rency Report da parte di Twitter.

Le richie­ste d’informazione da parte dei Governi di 58 nazioni sono aumen­tate del 77.8% rispetto al pari periodo dell’anno pre­ce­dente; in calo per quanto riguarda il nostro Paese.

Le richie­ste di rimo­zione dei con­te­nuti, comun­que di scarsa entità, sono pas­sate da 60 del primo seme­stre 2013 alle attuale 432; nes­suna per quanto riguarda l’Italia Rile­vante il non rispetto del copy­right come mostra il gra­fico sottostante.

Nuzzel
Pubblicato il 28 luglio 2014 by Pier Luca Santoro

Tre Strumenti per Twitter

Il tocco umano resta asso­lu­ta­mente rile­vante sui social ma esi­stono tools, stru­menti che con­sen­tono di rima­nere pro attivo e pro­dut­tivo su Twit­ter con poco inter­vento manuale, for­nendo così abba­stanza tempo per lavo­rare sul contenuto.

Ne ho sele­zio­nati tre che mi sem­brano par­ti­co­lar­mente inte­res­santi. Lo spa­zio dei com­menti e/o l’area com­mu­nity sono a dispo­si­zione per ulte­riori segna­la­zioni, inte­gra­zioni, sem­pre gradite.

Il primo è Nuz­zel, utile stru­mento di ridu­zione del rumore di fondo su Twit­ter. Usando Nuz­zel è pos­si­bile sco­prire i tweets, le news, che sono con­di­vise da un certo numero di vostri con­tatti su Twit­ter. In que­sto modo si ridurrà il rumore di fondo, soprat­tutto se si hanno molti con­tatti, e sarà più facile sco­prire quei tweet che non si deve per­dere. Nuz­zel è utile per que­gli utenti di Twit­ter che vogliono tro­vare i migliori tweet per la let­tura o ricon­di­vi­sione sulla loro timeline.

È inol­tre pos­si­bile con­fi­gu­rare Nuz­zel per rice­vere digest di quei tweets ed è anche pos­si­bile col­le­garlo con ser­vizi come Poc­ket, Insta­pa­per e Buf­fer. Esi­ste anche una appli­ca­zione per iPhone.

Nuzzel

Il secondo è Nurph, tool che inte­gra e migliora la fun­zione dei mes­saggi diretti di Twit­ter. Nurph tra­sforma Twit­ter in una chat pri­vata. È infatti pos­si­bile invi­tare le per­sone inte­res­sate ad entrare nella tua con­ver­sa­zione attra­verso l’invio di link; un pò come invi­tare le per­sone a una chat di gruppo.

Può essere inte­res­sante sia per invi­tare per­sone che in quel momento non stanno par­te­ci­pando a quella deter­mi­nata con­ver­sa­zione che per il custo­mer ser­vice azien­dale. Da non tra­scu­rare infine la pos­si­bi­lità di usarlo per la veri­fica di infor­ma­zioni, noti­zie, in tempo reale.

Nurph

Il terzo è Twi­le­Share, stru­mento che con­sente di ampliare le fun­zio­na­lità di Twit­ter.  Gra­zie a Twi­le­Share infatti, oltre alla con­sueta con­di­vi­sione di link ed imma­gini, è pos­si­bile con­di­vi­dere mol­tis­simi altri tipi di file. Twi­le­Share sup­porta tutti que­sti for­mati: JPG, GIF, PNG, PDF, EPUB, Word, Power­point & Excel, per files sino a 20MB.

Penso, in par­ti­co­lare, alla pos­si­bi­lità di con­di­vi­dere diret­ta­mente pre­sen­ta­zioni, in PDF e/o PPT, per arric­chire di con­te­nuti la pro­pria comu­ni­ca­zione anche su Twitter.

Buon lavoro.

TwileShare

 

Audiweb Social Mobile
Pubblicato il 15 luglio 2014 by Pier Luca Santoro

I Social da Mobile in Italia

Dopo il com­parto dell’informazione di ieri, oggi uno sguardo alla frui­zione dei diversi social da mobile per con­clu­dere, almeno per il momento, le ana­lisi sulla frui­zione di infor­ma­zione e dei diversi social da mobile. Ven­gono prese in con­si­de­ra­zione tutti social del nostro Paese incluse nel Audi­web mobile top 500 brands aggior­nato a marzo 2014.

La rile­va­zione è basata su panel “mete­riz­zato” di smart­phone & tablet con sistemi ope­ra­tivi iOS e Android. La clas­si­fi­ca­zione di siti e app basata sulla strut­tura Mar­ket­View già in uso per il PC

Men­tre dal ran­king delle app al primo posto si tro­vava Wha­tsApp in que­sto caso è Face­book ad essere sal­da­mente in testa con oltre 15 milioni di utenti unici men­sili al secondo posto in asso­luto, dopo goo­gle search, nei top 500. Restano tra le prime posi­zioni You­Tube e Twit­ter. Quest’ultimo pare essere par­ti­co­lar­mente usato da mobile senza appli­ca­zione visto che i suoi numeri cre­scono notevolmente.

Numeri inte­res­santi per le due piat­ta­forme di blog­ging: Blog­ger e Word­Press, men­tre qualli di Tum­blr sono deci­sa­mente più cir­co­scritti. Scom­pare, o comun­que resta fuori dai top 500, Goo­gle+. Ask, il social spesso sotto accusa per atti di cyber­bul­li­smo, non sfonda e resta sotto il milione di utenti, così come Pin­terst. Sli­de­Share, ultimo nel ran­king con circa 250mila utenti unici mensili.

Com­ples­si­va­mente sono numeri di gran lunga supe­riori a quelli rela­tivi all’accesso da mobile ai siti d’informazione pub­bli­cati ieri. Il gra­fico sot­to­stante riporta gli utenti unici men­sili per cia­scun social.

Di seguito il det­ta­glio di tutti i social com­presi nei top 500 con tutti i para­me­tri for­niti da Audi­web. A mar­gine si segnala: “Porno Immo­bile”, i dati Audi­web Mobile sul Porno in Italia.

apps-01
Pubblicato il 10 luglio 2014 by Pier Luca Santoro, Massimo Gentile

Audience da Mobile App per i Social In Italia

Dopo l’articolo di ieri sull’utilizzo delle app per le news nel nostro Paese, oggi una nuova ela­bo­ra­zione effet­tuata sele­zio­nando le app dei social dai  dati  Audi­web sull’audience a marzo da mobile per que­sto spe­ci­fico segmento.

La rile­va­zione è basata su panel “mete­riz­zato” di smart­phone & tablet con sistemi ope­ra­tivi iOS e Android. La clas­si­fi­ca­zione di siti e app basata sulla strut­tura Mar­ket­View già in uso per il PC.

I dati sono di grande inte­resse soprat­tutto se si con­si­dera che si rife­ri­scono alla popo­la­zione ita­liana di età supe­riore ai 18 anni e dun­que tagliano fuori una larga fetta di coloro che sicu­ra­mente fanno ampio uso di alcune delle appli­ca­zioni considerate.

Wha­tsApp è l’applicazione più usata in Ita­lia sia in asso­luto che in spe­ci­fico rife­ri­mento ai social. Si tratta di un dato che non era dif­fi­cile da ipo­tiz­zare ma che ora che è dispo­ni­bile apre defi­ni­ti­va­mente nuovi sce­nari e nuove pro­spet­tive alla comu­ni­ca­zione d’impresa ed anche da parte delle testate gior­na­li­sti­che come dimo­stra l’impiego da parte di Buz­z­feed per la sua ver­sione da mobile.

Segue, come era natu­rale atten­dersi, Face­book, men­tre sor­pren­dono non poco gli oltre sei milioni di utenti unici da app per Goo­gle+ che forse a que­sto punto andrebbe meglio capito e riva­lu­tato nel suo impiego. Fana­lino di coda, con 122mila utenti unici nel giorno medio, Sna­p­chat, rivale di Wha­tsApp reso cele­bre dal pos­si­bile uso “spre­giu­di­cato”. Si con­ferma invece il basso inte­resse per Pin­te­rest nel nostro Paese, anche se l’azienda for­ni­sce numeri diversi da quelli di Audi­web, con­tra­ria­mente a quanto avviene all’estero. Scarso, infine, l’appeal di Four­square a con­ferma che la bad­gi­fi­ca­tion è uno stru­mento ma non il fine della gami­fi­ca­tion come stru­mento di coin­vol­gi­mento delle persone.

A pre­scin­dere dalle con­si­de­ra­zioni spe­ci­fi­che su cia­scun social media/network se si para­go­nano i dati di que­sti con quelli rela­tivi all’audience delle app di news pub­bli­cati ieri appare lam­pante l’enorme diva­rio. Credo che, di fondo, la prima e più impor­tante dif­fe­renza sta nel fatto che i social, con le per­sone stesse, hanno riem­pito “il vuoto” delle per­sone men­tre l’informazione, le testate no. È anche sotto que­sto pro­filo — lo riba­di­sco per la 101esima volta — che la gami­fi­ca­tion dell’informazione ha un senso.

apps-01

Tor­nando ai dati, com­ples­si­va­mente è il mondo di Face­book a spa­dro­neg­giare con oltre 31 milioni di utenti unici nel giorno medio nel suo insieme [al lordo delle sovrap­po­si­zioni, ovvia­mente]. Lea­der­ship indi­scussa alla quale nem­meno il fascino dei video di You­Tube, con poco meno di 9 milioni di utenti unici, si avvi­cina lon­ta­na­mente. Anche l’altro social di recente acqui­si­zione, Insta­gram, sor­passa, sep­pur non di molto Twit­ter che evi­den­te­mente resta incom­preso ai più.

apps-02

Nel loro insieme i social di pro­prietà di Face­book pesano oltre il 58% del totale degli utenti unici che usano una app per fruire dei diversi social. Se si esclu­dono anche i due social media ricon­du­ci­bili a Goo­gle a tutti gli altri resta la misera fetta di meno di un quinto del totale. Le bri­ciole, così come avviene per il mer­cato dell’advertising online.

apps-03

Di seguito il det­ta­glio delle app com­prese nelle top 500 con tutti i para­me­tri for­niti da Audiweb.

BuzzFeed Growth
Pubblicato il 18 giugno 2014 by Pier Luca Santoro

Tutto il Digitale in 11 Grafici

In occa­sione del festi­val inter­na­zio­nale della crea­ti­vità di Can­nes in corso in que­sti giorni  attra­verso Twit­ter [*] sono stati dif­fusi alcuni dati rela­ti­va­mente a diverse aree del digi­tale, dai trend dei gior­nali online all’uso dei social media per nazione, pas­sando per come le per­sone spen­dono il tempo online e molto altro ancora.

Ho pen­sato potesse avere un senso rac­co­glierle per avere una foto­gra­fia com­ples­siva. Ah, se posso, NON fate mai una lista di dieci punti.

Come le per­sone pas­sano il tempo online:

Tempo speso online world

La cre­scita espo­nen­ziale di Buz­z­Feed. Ora la seconda testata più letta al mondo:

BuzzFeed Growth

Uti­lizzo dei media è diverso dall’influenza che hanno [stam­pa­te­velo ed appen­de­telo in ufficio]:

Media Usage

Il futuro dell’online adv è social [sot­to­ti­tolo: che i gior­nali lascino ogni spe­ranza di cam­pare con ban­ner sul loro sito]:

Social Ads

Da dove è venuta la cre­scita nell’adv online:

Adv Online

Uti­lizzo per genere dei diversi social nel Mondo [e det­ta­glio Bra­sile, Cina, Fran­cia, UK & USA]:

Uso Social Per sesso

A mag­gior gran­dezza dello schermo equi­vale un mag­gior con­sumo di dati [ovvero un mag­gior uti­lizzo della Rete]:

Size screen

Le 10 nazioni con il mag­gior numero di utenti attivi su Pin­te­rest:

Pinterest Top 10

Uti­lizzo da mobile app di Vine Vs You­Tube nel Mondo:

Vine Vs YouTube

Uti­lizzo multi-piattaforma della Rete e rela­zione con i brand:

Brand Multipiattaforma

Valore dei dati per­so­nali e rela­zione con i brand:

Personal Data e Brand

[*] Ogni imma­gine con­tiene link a fonte ori­gi­nale per rico­no­sci­mento credits.

News Italy
Pubblicato il 13 giugno 2014 by Pier Luca Santoro

Digital News Report 2014

Il Reu­ters Insti­tute for the Study of Jour­na­lism ha rila­sciato i risul­tati  della terza edi­zione del suo stu­dio annuale “Digi­tal News Report”, stu­dio sulle abi­tu­dini di con­sumo dell’informazione online/digitale in Europa, Ita­lia com­presa, Stati Uniti, Bra­sile e Giappone.

Lo stu­dio è stato con­dotto tra gen­naio e feb­braio di quest’anno. Prende in con­si­de­ra­zione sola­mente coloro che con­su­mano infor­ma­zione e che hanno accesso ad inter­net. Per quanto riguarda spe­ci­fi­ca­ta­mente il nostro Paese si tratta della nazione con la minor pene­tra­zione della Rete tra le dieci prese in con­si­de­ra­zione come mostra la sezione dedi­cata alla meto­do­lo­gia della ricerca. È esclusa quindi poco meno della metà della popo­la­zione italiana.

All’interno del rap­porto si dedi­cano poche righe di focus al sistema media­tico di cia­scuna nazione. Per quanto riguarda l’Italia, i cui appro­fon­di­menti sono a cura di Nicola Bruno, si legge:

Sil­vio Berlusconi’s Media­set empire ope­ra­tes Italy’s top pri­vate TV sta­tions, and the public broa­d­ca­ster, Rai, has also been sub­ject to poli­ti­cal influence. Tele­vi­sion remains the main source of news for the bulk of the popu­la­tion. The Ita­lian press is highly regio­na­li­sed, reflec­ting the country’s history and cha­rac­ter. Most new­spa­pers are pri­va­tely owned, often lin­ked to a poli­ti­cal party, or run by a large media group. Print new­spa­per rea­der­ship figu­res are low com­pa­red to many Euro­pean countries.

Il rap­porto si com­pone di 96 pagine. Come di abi­tu­dine, se il tema vi inte­ressa, che sia a titolo per­so­nale o pro­fes­sio­nale, con­si­glio cal­da­mente la let­tura inte­grale dello stu­dio al di là della mia per­so­nale sin­tesi ed interpretazione.

Com­ples­si­va­mente emerge come sia pros­sima una seconda ondata di tra­sfor­ma­zione con impli­ca­zioni pro­fonde per i player dell’industria dell’informazione.

Nono­stante una cre­scente frui­zione delle news da smart­phone e tablet [il 39% delle per­sone uti­lizza almeno due device ed il 12% tre o più] l’utilizzo delle app pro­prie­ta­rie delle diverse testate resta asso­lu­ta­mente marginale.

Solo l’11% di coloro che sono inte­res­sati all’informazione — e hanno accesso alla Rete — hanno pagato per news online/digital nel 2013. Teo­ri­ca­mente l’Italia, dopo il Bra­sile, è la nazione con la mag­gior pro­pen­sione al paga­mento delle noti­zie; vedendo le per­cen­tuali, net­ta­mente infe­riori, delle altre nazioni si capi­sce quanto neces­sa­ria sia un abbon­dante tara­tura tra dichia­rato e rea­liz­zato. In caso di dubbi basti vedere l’andamento effet­tivo delle ven­dite di copie digi­tali.

L’Italia, secondo quanto dichia­rato, è tra le nazioni con il mag­gior tasso di coloro che affer­mano di aver pagato per avere infor­ma­zione in for­mato digi­tale [13%]. La stra­grande mag­gio­ranza di que­sti acqui­sta “one shot”. Ulte­riore ele­mento di rifles­sione come sot­to­li­neavo esat­ta­mente un anno fa sul «Cor­riere della Sera».

L’Italia si con­ferma essere la nazione dove il canale pri­vi­le­giato di acqui­sto dei quo­ti­diani sono le edi­cole. Il 51% delle per­sone acqui­sta il gior­nale in un edi­cola nel nostro Paese [negli USA è l’ 11%]

Pagamento Notizie

Le noti­zie sono sem­pre più unbran­ded e la search ed i social diven­gono pre­po­ten­te­mente la porta d’ingresso ai siti web delle testate. In Ita­lia la search è la fonte di accesso alle noti­zie per il 59% dei rispon­denti [ancora con­vinti di voler fare la “guerra santa” a Goo­gle?], i social il 34%.

Per quanto riguarda i social, si con­ferma come il new­swire per eccel­lenza, Twit­ter, in realtà abbia un ruolo deci­sa­mente infe­riore a quello che gli addetti ai lavori ten­dono ad attri­bur­gli. La vera novità è Wha­tsApp, in par­ti­co­lare per l’Italia dove l’utilizzo [anche per otte­nere noti­zie] è del 13% ver­sus il 10% di Twitter.

Social Network for News

Insieme al Bra­sile è l’Italia il Paese nel quale le per­sone hanno una mag­giore pro­pen­sione ad uti­liz­zare i social per la frui­zione d’informazione. I milioni di fan alle pagine delle diverse testate, per come ven­gono gestiti, non ser­vono ad altro che ad ali­men­tare i ricavi di Zuc­ker­berg & Co. Basti vedere, in assenza di altri dati o di uti­lizzo di piat­ta­forme spe­ci­fi­che di moni­to­rag­gio, il rap­porto tra numero di fan, pur con tutte le tara­ture sulla reach effet­tiva, e gli accessi com­ples­sivi al sito web cor­ri­spon­dente della testata o, peg­gio, la ven­dita di copie car­ta­cee, per veri­fi­care quanto labile sia la relazione.

Credo che vada com­ple­ta­mente rivi­sto, ribal­tato l’approccio. È meglio avere cen­ti­naia di migliaia di per­sone delle quali non si sa nulla, che non leg­gono e che com­men­tano a caso e fuori luogo o è meglio ridurre la quan­tità e sta­bi­lire una rela­zione, creare enga­ge­ment con coloro che interessano?

Per­so­nal­mente non credo pos­sano esserci dubbi sul pre­fe­rire la seconda scelta. Per un’ecologia dei social media ini­ziate, ini­ziamo, ad abbat­tere la fan base ed a capire cosa inte­ressa ai nostri let­tori, a misu­rare più il click trough che altri para­me­tri, a rela­zio­narci con loro, come ho già avuto modo di dire.

Social Media for News

Le noti­zie unbran­ded, senza marca distin­tiva, sono la deri­vata di una poli­tica scel­le­rata di gestione della marca con online che ha carat­te­ri­sti­che com­ples­si­va­mente non con­grue con quelle dell’omologa ver­sione car­ta­cea; in par­ti­co­lare in Ita­lia dove sono nette le dif­fe­renze. Per un pugno di click si svende la marca. Senza brand non c’è valore aggiunto, non c’è spe­ranza di soprav­vi­venza. Non è neces­sa­rio rifarsi al mar­ke­ting 3.0 di Kotler per saperlo, sta scritto alla prima pagina del “bigino” di que­sta disci­plina. Fate vobis.

Trovare Notizie

La scheda sull’Italia, a pagina 34 del rap­porto, sin­te­tizza le prin­ci­pali evi­denze per quanto riguarda il nostro Paese.

Top Brands News Italy

Altre sin­tesi del rap­porto ven­gono effet­tuate da Guar­dian [+], Poyn­ter, Nie­man Jour­na­lism Lab e BBC e molti altri ancora [ma leg­ge­tevi il rap­porto per farvi la vostra idea, eh!]

Older Posts