tv

Pubblicato il 4 luglio 2011 by Pier Luca Santoro

Passaparola

Goo­gle e Kel­ler Fay hanno rea­liz­zato uno stu­dio teso ad ana­liz­zare l’influenza di inter­net nel passaparola.

La ricerca ha coin­volto un cam­pione stra­ti­fi­cato di 3.000 per­sone rap­pre­sen­ta­tivo della popo­la­zione ana­liz­zando il ruolo di cia­scun media come canale di mar­ke­ting per gene­rare con­ver­sa­zione e dun­que pas­sa­pa­rola. Pur essendo par­ti­co­lar­mente foca­liz­zato sul ruolo della search, com’è natu­rale che fosse visto il com­mit­tente, lo stu­dio evi­den­zia degli ele­menti che sono di asso­luto interesse.

Il 95% del pas­sa­pa­rola avviene offline  [84% “face to face” — di per­sona — e 11% al tele­fono] e nel 5% dei casi online.

Inter­net sor­passa qual­siasi altro mezzo di comu­ni­ca­zione come fonte in grado di gene­rare, ali­men­tare e soste­nere la con­ver­sa­zione. Di par­ti­co­lare impor­tanza appare il ruolo della Rete nella fase di appro­fon­di­mento suc­ces­siva ad una con­ver­sa­zione inter­per­so­nale e nel caso di infor­ma­zioni apprese dalla televisione.

La search influenza il 15% del totale nella ricerca di infor­ma­zioni prima, durante e dopo le con­ver­sa­zioni, men­tre le ver­sioni online dei main­stream media ed i siti web  di noti­zie pesano rispet­ti­va­mente attorno al 2%.

Il video sot­to­stante rias­sume le prin­ci­pali evi­denze rac­colte i cui det­ta­gli sono libe­ra­mente sca­ri­ca­bili.

Pubblicato il 7 settembre 2010 by Pier Luca Santoro

Digital Influence

Il Digi­tal Influence Index è il rap­porto annuale rea­liz­zato da Fleishman-Hillard su come inter­net non solo informi e col­le­ghi gli utenti ma anche sull’influenza che que­sto media ha nel pro­cesso decisionale.

La ricerca misura diversi aspetti chiave dell’utilizzo di inter­net inclusi i diversi livelli di ado­zione di con­sumo digi­tale e la dieta media­tica dell’utenza.

Le evi­denze di mag­gior rile­vanza emer­genti dall’ultima edi­zione dello stu­dio sono in alcuni casi delle con­ferme, in altri for­ni­scono nuovi spunti di rifles­sione e confronto.

- clicca per ingrandire —

In par­ti­co­lare emerge un eccesso di infor­ma­zioni che rende cru­ciale l’identificazione di fonti fidu­cia­rie di rife­ri­mento. Da que­sto punto di vista la pub­bli­ca­zione da parte di blog­ger “spon­so­riz­zati” o pagati viene vis­suta in chiave deci­sa­mente nega­tiva rive­lan­dosi un boomerang.

Il forte uti­lizzo delle piat­ta­forme di micro­blog­ging e mes­sag­gi­stica istan­ta­nea fa si che gli utenti vedano favo­re­vol­mente l’utilizzo azien­dale delle stesse come fonte di ascolto ed inte­ra­zione ten­dendo ine­vi­ta­bil­mente a pri­vi­le­giare quelle che for­ni­scono rispo­ste coe­renti ed in tempi accettabili.

Il pas­sa­pa­rola di amici e cono­scenti si con­ferma essere fonte di influenza pri­ma­ria nella presa di deci­sioni ed è il primo ele­mento di rife­ri­mento in Fran­cia e Germania.

Pubblicato il 17 maggio 2010 by Pier Luca Santoro

YouTube Timeline

Secondo quanto ripor­tato , dopo cin­que anni dalla nascita You­Tube “vanta” una media di due miliardi di pagine viste al giorno.

Nono­stante il suc­cesso otte­nuto in que­sto lustro, l’utente medio spende circa un quarto d’ora sulla piat­ta­forma di video sha­ring con­tro le circa cin­que ore  pas­sate vedendo la tele­vi­sione [dati USA].

Il team di lavoro di You­Tube pro­mette, ovvia­mente, che farà di tutto per col­mare que­sto gap.

Inte­res­sante la time­line, il gra­fico inte­rat­tivo di sin­tesi, rea­liz­zata per l’occasione.