Posted on 27 maggio 2012 by

Data Journalism & Trasparenza dei Partiti

Tweet about this on Twitter0Share on Facebook0Share on Google+5Share on LinkedIn0Email this to someonePrint this page

I dati sono un bene pub­blico, sia, come spiega Enrico Graz­zini, nell’ inter­pre­ta­zione che ne danno gli eco­no­mi­sti di “com­mon”, di una risorsa con­di­visa che dovrebbe essere gestita dalla comu­nità di rife­ri­mento,  che nella ver­sione for­nita dai giu­ri­sti [soprat­tutto in Ita­lia] per i quali il bene comune è invece un diritto universale.

Da entrambe le pro­spet­tive dun­que, il data jour­na­lism rap­pre­senta ele­mento di grande rile­vanza per la società e pro­cesso di nar­ra­zione gior­na­li­stica della realtà, meto­do­lo­gia di lavoro che guarda alla cul­tura open e ai valori sui quali que­sta si pog­gia – tra­spa­renza, col­la­bo­ra­zione e par­te­ci­pa­zione – per ricon­qui­stare cre­di­bi­lità e fidu­cia da parte dei lettori.

Dopo i recenti scan­dali che hanno coin­volto Luigi Lusi e Fran­ce­sco Bel­sito con il Par­la­mento che obtorto collo discute sui rim­borsi elet­to­rali, la segna­la­zione di Mauro Munafò mi ha par­ti­co­lar­mente interessato.

[tweet https://twitter.com/mauromunafo/status/206002947384025089 align=‘center’ lang=‘it’]

Il gior­na­li­sta ha rea­liz­zato per «l’Espresso» l’inchiesta “Par­titi Tra­spa­renti”, for­nendo sia i docu­menti ori­gi­nali della gestione dei prin­ci­pali movi­menti, docu­menti che nella mag­gior parte dei casi non è pos­si­bile leg­gere nep­pure nei por­tali dei par­titi stessi, che rie­la­bo­rando i dati prin­ci­pali di entrate, spese e dona­zioni per rea­liz­zare tabelle e info­gra­fi­che attra­verso le quali con­fron­tare i conti delle for­ma­zioni poli­ti­che prin­ci­pali, ren­dendo dispo­ni­bili tutti gli ele­menti fati­co­sa­mente rac­colti in open data.

Un lavoro dav­vero di grande attua­lità ed inte­resse che mi ha spinto ad appro­fon­dire ulte­rior­mente con una inter­vi­sta a Mauro Munafò su moti­va­zioni e det­ta­gli di quanto svolto. Qui di seguito il testo.

D: Per prima cosa, oltre a quello che è scritto nel sito, mi pia­ce­rebbe capire come è stato fatto il lavoro.

R: Il come è piut­to­sto sem­plice: ho preso i pdf dei bilanci dei par­titi pub­bli­cati dal sup­ple­mento di otto­bre della Gaz­zetta Uffi­ciale. Pdf che non sono più dispo­ni­bili gra­tui­ta­mente per­ché la con­sul­ta­zione gra­tuita della GU online dura solo 60 giorni. Una volta tro­vati i pdf, manual­mente ho ricom­pi­lato dei file Excel dei conti eco­no­mici dei prin­ci­pali 7 par­titi. Da que­sti ho poi gene­rato i gra­fici uti­liz­zando Tableau Soft­ware e Goo­gle Chart. E su Goo­gle doc ho rila­sciato gli open data dei conti eco­no­mici dei par­titi, men­tre sul sito si pos­sono sca­ri­care anche i pdf ori­gi­nali [dove ci sono i ren­di­conti e le note, molto impor­tanti da leg­gere e che in parte sono state incluse nelle pagine]

D: Quali le moti­va­zioni, per­chè hai deciso di fare que­sta indagine.

R: Il per­ché è sem­plice: si parla tanto di tra­spa­renza dei par­titi e nella mag­gior parte dei casi non ci sono nep­pure i bilanci sui siti. Ho voluto costruire un sistema che per­met­tesse almeno una prima con­sul­ta­zione di dati tanto impor­tanti. Per sca­vare più a fondo ser­vi­ranno delle nuove leggi che sono al momento in discus­sione. Diciamo che que­sto è un primo passo che vuole anche mostrare ai par­titi che i pdf da soli non ser­vono a molto.

In pas­sato ho creato altri pro­getti [puoi vederli su  http://www.lamacchinadelfungo.com/], e mi inte­resso molto al tema del data­jour­na­lism. Al momento lavoro per «L’Espresso» e sono riu­scito a coniu­gare in que­sta cir­co­stanza la mia pas­sione per l’opendata e l’interesse infor­ma­tivo della testata per cui lavoro.

D: Quanto tempo ti ha richie­sto por­tare a com­pi­mento il pro­getto? L’hai fatto tu da solo o in col­la­bo­ra­zione con qual­cun altro?

R: Circa una set­ti­mana di lavoro in soli­ta­ria. Fatta sia di ricom­pi­la­zioni, sia di ricerca dei docu­menti, sia di rea­liz­za­zione delle info­gra­fi­che varie e dei testi. Il Visual Desk del gruppo L’Espresso invece è stato fon­da­men­tale nella rea­liz­za­zione di un mini­sito ad hoc per il progetto.

D: Quanto sono affidabili/veritieri i bilanci pub­bli­cati secondo te?

R: Bella domanda e rispo­sta dif­fi­ci­lis­sima. I pro­blemi sono di vario tipo. Innan­zi­tutto anche se i bilanci fos­sero cor­retti, le note a cor­redo for­ni­scono spesso un det­ta­glio non suf­fi­ciente delle voci di spesa: dire che si spen­dono 10 milioni in “oneri vari” che cosa vuol dire? Ser­vi­reb­bero dei reso­conti più det­ta­gliati e spesso i bilanci non lo for­ni­scono o lo for­ni­scono in modi differenti.

Altro pro­blema: ogni par­tito com­pila il bilan­cio a modo suo e ti fac­cio un esem­pio. I famosi rim­borsi elet­to­rali pre­ve­dono una rata che ogni anno viene ver­sata ai par­titi. Il pro­blema è che alcuni par­titi met­tono tutta la quota [fatta di 5 rate] nel conto annuale, men­tre altri met­tono solo una sin­gola rata. Potrei elen­carti decine di casi di man­cata tra­spa­renza, legati spesso al pro­blema che i par­titi ita­liani hanno vita bre­vis­sima: Pdl e Pd non esi­ste­vano nep­pure qual­che anno fa e quindi i loro bilanci a volte pre­sen­tano man­canze o debiti col­le­gati ai par­titi fon­da­tori. Il pdl nel 2010 ad esem­pio pagava pochis­simo di sti­pendi per­ché pro­ba­bil­mente il per­so­nale era ancora con­trat­tua­liz­zato da Forza Italia.

Sulla cor­ret­tezza “legale” dei bilanci credo che la magi­stra­tura abbia detto molto. Il pro­blema è che que­sti bilanci pos­sono essere com­pi­lati in maniera tal­mente gene­rica che tro­vare delle maga­gne leg­gen­doli è molto complicato.

Detto ciò, anche que­sti bilanci pre­sen­tano ton­nel­late di dati che nes­suno cono­sce e che quindi è già un signi­fi­ca­tivo passo avanti con­di­vi­dere con i lettori.

Al di là dei det­ta­gli, con­sul­ta­bili sul mini­sito rea­liz­zato ad hoc, emer­gono fon­da­men­tal­mente due aspetti.

La tra­spa­renza dei par­titi dovrebbe essere IL tema domi­nante del dibat­tito in corso sulle ipo­tesi di revi­sione dei finan­zia­menti e non argo­mento acces­so­rio poi­chè, come dimo­stra l’indagine e gli appro­fon­di­menti for­niti dall’intervista, ad oggi, al di là delle dichia­ra­zioni di cir­co­stanza, ben poco, o nulla, viene fatto su que­sto fronte.

Il futuro, anche nel gior­na­li­smo, è di chi non ha paura di spor­carsi le mani. Gra­zie a Mauro Munafò per averlo fatto.

Tweet about this on Twitter0Share on Facebook0Share on Google+5Share on LinkedIn0Email this to someonePrint this page