strategie editoriali

Social TV Nielsen
Posted on 30 luglio 2015 by Pier Luca Santoro

Post-it

Una sele­zione ragio­nata delle noti­zie di oggi su media, gior­na­li­smi e comu­ni­ca­zione da non perdere.

  • Intel­li­genza Arti­fi­ciale & Adver­ti­sing — L’outdoor potrebbe sfrut­tare l’intelligenza arti­fi­ciale per adat­tarsi alle rea­zioni delle per­sone, arri­vando sino a 1500 varia­zioni sul tema, e miglio­rare l’engagement e l’efficacia delle cam­pa­gne pubblicitarie.
  • Social TV — Niel­sen pub­blica i generi più discussi su Twit­ter nel primo seme­stre 2015. Talent e Rea­lity sono al primo posto con il 31% dei tweet com­ples­sivi. Seguono gli eventi spor­tivi con il 25%, Talk show, e in par­ti­co­lare i dibat­titi poli­tici, cata­liz­zano migliaia di com­men­ta­tori su Twit­ter [18% del totale Tweet].
  • Risul­tati 2° Tri­me­stre 2015 Face­book - I dati dei risul­tati di Face­book rela­tivi al secondo tri­me­stre di quest’anno rac­colti in un’unica presentazione:

  • Con­di­vi­sioni — Le con­di­vi­sioni sui social creano fidu­cia, brand aware­ness ed aumen­tato la reach del marchio/messaggio ma i temi variano a seconda delle piat­ta­forme. secondo i risul­tati di una ricerca dell’University of Cali­for­nia su The New York Times and The Guardian.
  • Abbo­nati — Come tra­sfor­mare gli abbo­na­menti in una rela­zione con­so­li­data, ovvero della mem­ber­ship e dintorni.
  • Influen­cer Mar­ke­ting — 4 tool per gestire le cam­pa­gne di influen­cer marketing.
  • Sna­p­chat — Che Sna­p­chat stia dedi­cando parec­chia atten­zione agli edi­tori è fatto noto. Adesso, secondo quanto ripor­tato, sta­rebbe col­la­bo­rando con Hearst Cor­po­ra­tion per rea­liz­zare un “pro­dotto spe­ciale” di e-commerce.

Social TV Nielsen

 

Altre noti­zie e segna­la­zioni su media e comu­ni­ca­zione nella nostra pagina Face­book e, ovvia­mente, su Twit­ter. Buona lettura.

Great Communication
Posted on 27 luglio 2015 by Pier Luca Santoro

Post-it

Una sele­zione ragio­nata delle noti­zie di oggi su media, gior­na­li­smi e comu­ni­ca­zione da non perdere.

  • TV Brand Effect - “So che metà dei soldi che spendo in pub­bli­cità è com­ple­ta­mente but­tata via. Il pro­blema è che non so quale metà sia.” Che sia stato John Wana­ma­ker o Lord Leve­rhulme a pro­nun­ciarla, que­sta frase cita­tis­sima è diven­tata nel corso del tempo sem­pre più una verità. Lo con­fer­mano i dati di TV Brand Effect, di Niel­sen,  secondo i quali in media poco meno del 30% di chi è espo­sto a una crea­ti­vità tele­vi­siva ne ricorda cor­ret­ta­mente il con­te­nuto e la asso­cia al brand comu­ni­cato. Sapevatelo!
  • Enga­ge­ment and Inter­nal Com­mu­ni­ca­tion Events Spe­cia­list - Benet­ton Group SpA ricerca uno/una spe­cia­li­sta in enga­ge­ment e atti­vità di comu­ni­ca­zione interna.
  • Wür­stel & Social - C’è chi sostiene che Twit­ter sia in crisi da sovrap­pro­du­zione. Tesi che parte da una noti­zia, non veri­fi­ca­bile, sul pre­sunto rifiuto di alcuni gior­na­li­sti del New York Times di twit­tare, con­fonde la piat­ta­forma di micro­blog­ging da 140 carat­teri con un social net­work [men­tre, come noto, è un social media], con­fer­mando tutta l’imperizia sul tema, e con­clude por­tando come sup­por­ting evi­dence uno spot tele­vi­sivo di una nota marca di wür­stel. Che dire…
  • Fact Chec­king — Una lista dav­vero com­pleta di tool per la veri­fica della geo­lo­ca­liz­za­zione per andare oltre Goo­gle Earth.
  • Bud­get Inve­sti­menti in Comu­ni­ca­zione d’Impresa — Il 42,5% delle imprese ha bud­get di comu­ni­ca­zione infe­riori ai 50mila euro; il 12,8% inve­ste una somma tra i 50 e i 100mila euro; l’11% si col­loca tra i 100mila e i 250mila euro; il 2,1% inve­ste tra i 250mila e 500mila euro; il 6,4% tra 500mila e 1 milione di euro; l’12,8% supera il milione di euro e la stessa quota supera i 5 milioni. Que­sto, e molto altro, è quanto emerge da una ricerca svolta su un cam­pione di 400 pro­fes­sio­ni­sti del set­tore mar­ke­ting e comu­ni­ca­zione azien­dale sopra i 35 anni diret­ta­mente coin­volti nelle deci­sio­nali di busi­ness con ruoli diri­gen­ziali [35%%] e mana­ge­riali [65%].
  • Ana­ly­tics, Audience Deve­lo­p­ment e Reda­zioni — Cam­bia l’uso degli ana­ly­tics che evolve sia come pra­tica che come figure pro­fes­sio­nali coin­volte nel pro­cesso con l’introduzione dell’ Audience Deve­lo­p­ment Edi­tor, Audience Enga­ge­ment Edi­tor ed anche il Gro­wth Edi­tor. Ana­lisi sulle ten­denze all’interno delle reda­zioni da leg­gere asso­lu­ta­mente per poi ricon­durla alla realtà del nostro Paese in cui la mag­gio­ranza delle testate non hanno nep­pure un Social Media Editor…
  • Social Media Stra­tegyCase study della, geniale, social media stra­tegy imple­men­tata dalla NASA.

Great Communication

 

Altre noti­zie e segna­la­zioni su media e comu­ni­ca­zione nella nostra pagina Face­book e, ovvia­mente, su Twit­ter. Buona lettura.

Unità Community
Posted on 22 luglio 2015 by Pier Luca Santoro

Community

Che quello che una volta era il gior­nale di Gram­sci da quanto ha ripreso le pub­bli­ca­zioni sia tutt’altra cosa basta una rapida occhiata alle prime pagine di que­sti giorni per stabilirlo.

Una linea edi­to­riale rifor­mi­sta che dif­fi­cil­mente riu­scirà ad avere suc­cesso poi­ché appare estre­ma­mente impro­ba­bile che rie­sca da un lato a man­te­nere gli affe­zio­nati del vec­chio quo­ti­diano e dall’altro lato a sot­trarre let­tori a Repub­blica, Cor­riere e La Stampa  vin­cendo l’avversione spon­ta­nea per la testata e per la tra­di­zione che comun­que si porta die­tro. Infatti, dalle voci che girano all’interno dei diversi gruppi di edi­co­lanti pre­senti su Face­book, ad ecce­zione del primo giorno non pare esat­ta­mente un suc­cesso di ven­dite, diciamo, per usare un eufemismo.

Il peg­gio però arriva dalla ver­sione online chia­ra­mente pro­get­tata per essere di sup­porto alla ver­sione car­ta­cea e non pro­ta­go­ni­sta come dovrebbe essere natu­rale per un quo­ti­diano che [ri]nasce nel 2015.

Se è sem­pre più chiaro che il gior­na­li­smo è una con­ver­sa­zione a due vie. I con­te­nuti sono la base, la repu­ta­zione e la comu­nità, le chiavi del suc­cesso. È pro­prio dall’area com­mu­nity de l’Unità che si com­prende come il gior­nale sia nato vec­chio, obso­leto, e sia desti­nato a seguire le sorti di molti quo­ti­diani apparsi e scom­parsi dalla scena edi­to­riale come meteore in que­sti anni.

Stiamo spo­sando una com­pren­sione più larga di ciò che può fare un gior­na­li­sta. Siamo com­mu­nity orga­ni­zer, cata­liz­za­tori di discus­sioni – spesso scher­ziamo dicendo che siamo «dj delle news», ha scritto Andy Car­vin al lan­cio di Reported.ly. Con­cetti e visioni che a l’Unità restano total­mente oscuri, pare.

La sot­tile ma NON tra­scu­ra­bile dif­fe­renza tra essere online ed essere parte della Rete. La linea di demar­ca­zione tra il suc­cesso e il fallimento.

Unità Community

Campo dei Fiori
Posted on 21 luglio 2015 by Pier Luca Santoro

Post-it

Una sele­zione ragio­nata delle noti­zie di oggi su media, gior­na­li­smi e comu­ni­ca­zione da non perdere.

  • La Pub­bli­cità di un Pae­sino Sviz­zero tra Sem­pli­cità e Tec­no­lo­gia  - Un video ad alto tasso di vira­lità che mostra un approc­cio al mar­ke­ting turi­stico ori­gi­nale, per­so­na­liz­zato e gen­tile ha già tota­liz­zato 360mila visualizzazioni.
  • Twit­ter Safety Cen­ter — Twit­ter lan­cia il Safety Cen­ter area dedi­cata a ren­dere più sicura la piat­ta­forma di micro­blog­ging da 140 carat­teri. Ven­gono messe a dispo­si­zione del pub­blico, con un occhio par­ti­co­lare a mino­renni, alle loro fami­glie ed agli edu­ca­tori, agli inse­gnanti, una serie di tool allo scopo.
  • Il Buon Mana­ger si Vede nel Momento della Pausa - Gente che risponde alle mail a mez­za­notte o peren­ne­mente con­nessi per dimo­strare attac­ca­mento all’azienda e effi­cenza 24/24 non ser­vono più a nes­suno, nè mai sono ser­viti. Lo spiega in maniera tanto sem­plice quanto effi­cace Osvaldo Danzi, esperto di recrui­ting e lavoro.
  • Social Media Expo 2015 — Inte­res­sante micro sito web dedi­cato ai pro­getti del Team Social Media di EXPO Milano 2015. Pec­cato che i report sull’attività svolta siano solo quan­ti­ta­tivi senza nes­sun indi­ca­tore qualitativo.
  • Gra­phic Jour­na­lism -  “Satira al Tele­fono”, e-book che [uti­liz­zando la tec­no­lo­gia di sin­cro­niz­za­zione audio/testo media over­lay] rac­co­glie tele­fo­nate a par­titi poli­tici, isti­tu­zioni e sedi del potere, regi­strate dal gior­na­li­sta all’insaputa degli inter­lo­cu­tori e poi pub­bli­cate su Il Male di Vauro e Vin­cino.  Un bril­lante esem­pio di inside story, genere gior­na­li­stico in cui il repor­ter si finge un’altra per­sona mime­tiz­zan­dosi in un ambiente come se ne fosse parte integrante.
  • Adver­ti­sing nella Crisi — I dati degli inve­sti­menti pub­bli­ci­tari per medium in Gre­cia dal 2009 al 2014 e pro­ie­zioni [piatte] sino al 2017.
  • Lin­ke­dinInter­vi­sta a Dan Roth, exe­cu­tive edi­tor of Lin­ke­dIn, sul suc­cesso del social net­work come piat­ta­forma di pubblicazione.

Campo dei Fiori

 

Altre noti­zie e segna­la­zioni su media e comu­ni­ca­zione nella nostra pagina Face­book e, ovvia­mente, su Twit­ter. Buona lettura.

media-fb-graphic
Posted on 13 luglio 2015 by Pier Luca Santoro

Facebook Vs Media

Fré­dé­ric Fil­loux ha spie­gato molto bene le nuove logi­che di distri­bu­zione delle noti­zie alla luce dell’avvento di Instant Arti­cle di Face­book e di Apple News e quali le impli­ca­zioni. Argo­mento sul quale riflette anche Mar­ga­ret Sul­li­van, Public Edi­tor del NYTi­mes, ana­liz­zando il deli­cato bilan­cio della pre­senza del pro­prio quo­ti­diano, del gior­nale in cui lavora, in que­sto nuovo contesto.

Come segna­lava da que­sti spazi Donata Colum­bro, non più tardi di venerdì scorso, con­ti­nua il dibat­tito sulla tra­sfor­ma­zione di Face­book in edi­tore o — in supe­ra­mico degli edi­tori. I gior­nali dovreb­bero stare in guar­dia, scrive Michael Wolff, met­tendo a con­fronto i pro­fitti che Net­flix, sito di film e serie tv in strea­ming a paga­mento, garan­ti­sce alle case di pro­du­zione [3 miliardi all’anno], rispetto a quelli pro­messi da Zuc­ker­berg [zero]. E Jeff Jar­vis aggiunge mate­riale inte­res­sante al dibat­tito: “piat­ta­forme come Face­book e Goo­gle dipen­dono da un eco­si­stema di con­te­nuti e non vogliono farne parte, per­ché li met­te­rebbe in con­flitto con lo stesso sistema”.

Anche Mathew Ingram pensa che darsi in pasto a Face­book sia un affare peri­co­loso, e il CEO di Dow Jones ha recen­te­mente ammo­nito gli edi­tori di non fic­carsi nell’affare come “delle gal­line senza testa” in una part­ner­ship che non pos­sono controllare.

Dall’ana­lisi swot effet­tuata circa un paio di mesi fa sulla que­stione [vd matrice sot­to­stante], sostan­zial­mente non mi pare che sus­si­stano i pre­sup­po­sti per ade­rire alla pro­po­sta di Face­book, ad Instant Arti­cles. Come con­su­lente scon­si­glie­rei cal­da­mente di farlo.

SWOT Instant Articles

Vi sono aspetti legati alle con­di­zioni d’uso di Face­book che lasciano più che per­plessi rispetto al con­trollo che le testate hanno ed avreb­bero sulla pub­bli­ca­zione dei loro con­te­nuti, ed infatti emerge ora che a par­tire dall’inizio di novem­bre di quest’anno Face­book intro­durrà delle varia­zioni signi­fi­ca­tive nella gestione dei dati dei pro­pri iscritti che acce­dono da mobile con il rischio che le infor­ma­zioni, la pro­fi­la­zione dei let­tori di un edi­tore ven­gano ven­duti ad una testata con­cor­rente e, soprat­tutto, aggra­vando ulte­rior­mente la posi­zione, già di domi­nio, del social net­work più popo­lato del pianeta.

Face­book è un bar, una piazza di paese dove incon­trare per­sone, com­pren­derne inte­ressi, moti­va­zioni, aspi­ra­zioni  e, soprat­tutto, appunto, dati, da inter­pre­tare cor­ret­ta­mente per tra­durli e ren­derli dispo­ni­bili a casa pro­pria, nel pro­prio sito, nei pro­dotti e nei ser­vizi for­niti, non è una piat­ta­forma di distri­bu­zione o, peg­gio, come si ritiene nella mag­gior parte dei casi ora, uno spa­zio dal quale esclu­si­va­mente dra­gare traf­fico al sito. Sven­dersi per 30 denari sarebbe dav­vero l’ennesima follia.

media-fb-graphic

Older Posts
Vai alla barra degli strumenti