strategie editoriali

Slide ODG
Pubblicato il 19 settembre 2014 by Pier Luca Santoro

Indagine dell’Ordine dei Giornalisti sul Giornalismo Digitale in Italia

Oggi a Dig.It, il festi­val del gior­na­li­smo digi­tale giunto alla sua terza edi­zione, nel panel d’apertura,  mode­rato da  Pino Rea, con la par­te­ci­pa­zione del Pre­si­dente dell’OdG Enzo Iaco­pino, Franco Siddi, Segre­ta­rio gene­rale della Fede­ra­zione Nazio­nale della Stampa Ita­liana, Mario Tede­scini Lalli, vice­di­ret­tore Inno­va­zione e svi­luppo del Gruppo Espresso, ed il sot­to­scritto, pre­sen­te­remo i primi dati di una ricerca “epo­cale” per il gior­na­li­smo italiano.

Uno stu­dio com­mis­sio­nato dallo stesso Ordine dei Gior­na­li­sti e rea­liz­zato da alcuni esperti del set­tore, fra i quali, come con­su­lente, il sot­to­scritto, in cui per la prima volta si indaga in forma uffi­ciale il com­parto del gior­na­li­smo digi­tale italiano.

Rea, ed il gruppo di lavoro che ha col­la­bo­rato alla ricerca, ha incon­trato e inter­vi­stato alcuni dei pro­ta­go­ni­sti dell’ evo­lu­zione digi­tale del gior­na­li­smo nostrano per cer­care di com­pren­dere a fondo il feno­meno e rac­co­gliere dati sulla sua dif­fu­sione nel nostro Paese.

Il rap­porto com­pleto dei risul­tati dell’indagine sarà pre­sen­tato durante il panel di quest’oggi e reso dispo­ni­bile online sul sito web della mani­fe­sta­zione. Di seguito la pre­sen­ta­zione da me rea­liz­zata, per conto dell’OdG, di aper­tura dei lavori.

Se non pote­ste pre­sen­ziare, è pos­si­bile seguire la diretta strea­ming, curata da Pra­to­sfera, ed il live­blog­ging rea­liz­zato da Glo­cal­news e Varese News. Hash­tag uffi­ciale: #digit14

Words Nothing
Pubblicato il 18 settembre 2014 by Pier Luca Santoro

Tempo al Tempo

Il tempo speso sul sito del gior­nale è, a mio avviso ma anche di molti altri, un indi­ca­tore impor­tante del livello di coin­vol­gi­mento effet­tivo del let­tore. Indi­ca­tore che, per essere spe­cu­la­tivo viste le dif­fi­coltà com­ples­sive di mone­tiz­za­zione, che può essere speso per aumen­tare il valore di ven­dita per CPM.

Si tratta di un tema che ritengo cen­trale sia per quanto riguarda la qua­lità del gior­na­li­smo — e dei gior­nali — nell’era digi­tale che, appunto, per la rela­tiva soste­ni­bi­lità eco­no­mica. Argo­mento al quale ho dedi­cato la mia, azzar­data as usual, pre­vi­sione di ini­zio anno e che ha dato luogo ad un inte­res­san­tis­simo con­fronto durante lo scorso Festi­val Inter­na­zio­nale del Giornalismo. 

Secondo quanto riporta The Wall Street Jour­nal, The Eco­no­mist garan­tirà agli inser­zio­ni­sti che acqui­stano spazi pub­bli­ci­tari sul suo il sito web, e/o sue app, che i let­tori potranno tra­scor­rere un certo periodo di tempo con i loro annunci. Ad esem­pio, si garan­tirà che un annun­cio che appare per tre set­ti­mane sulle sue appli­ca­zioni rice­verà 100 ore di atten­zione del lettore.

Paul Rossi, Pre­si­dente del The Economist’s group media busi­nes­ses, ha dichia­rato che: “We need to find ways to highlight to adver­ti­sers that there is a dif­fe­rent level of enga­ge­ment they get from our rea­ders, value that isn’t reflec­tive in just clicks”

In tal senso, il tempo, come vado dicendo da tempo [sorry per il gioco di parole], è, credo dav­vero, un indi­ca­tore impor­tante del livello di coin­vol­gi­mento effet­tivo del let­tore anche online. In que­sto caso, se que­sto ele­mento di misu­ra­zione fosse appli­cato sia all’online/digitale che alla carta stam­pata, si avrebbe una metrica comune ad entrambe le versioni.

Diamo tempo al tempo.

Words Nothing

Guardian Membership Details
Pubblicato il 11 settembre 2014 by Pier Luca Santoro

Guardian & Membership

Che il Guar­dian, per man­te­nere fede ai pro­pri prin­cipi di ope­ness, invece che all’introduzione di un pay­wall stesse pen­sando alla mem­ber­ship come ele­mento di valo­riz­za­zione dei con­te­nuti online del gior­nale era risa­puto banal­mente  dall’ingresso di David Magliano in qua­lità di Mana­ging Direc­tor for mem­ber­ship stra­te­gies. Ruolo che pre­ce­den­te­mente non esi­steva e che era la chiara con­ferma di come la mem­ber­ship fosse la strada pre­scelta dal Guar­dian News & Media per monetizzare. 

Ieri, poche ore dopo che all’interno di que­sti spazi si segna­lava la mede­sima scelta fatta dal Wall Street Jour­nal, Alan Rusbrid­ger, edi­tor in chief del Guar­dian, ha uffi­cia­liz­zato la par­tenza del progetto:

The Guar­dian is much more than a busi­ness – for almost 200 years we have dedi­ca­ted our resour­ces to the kind of public ser­vice jour­na­lism that recen­tly won a Puli­tzer prize. By beco­ming a mem­ber you’ll help sup­port that ideal and, no doubt, have a great time in doing so

La mem­ber­ship al Guar­dian è strut­tu­rata su tre livelli: Friend, Part­ner, Patron, con altret­tante fasce di prezzo che inclu­dono una prima, Friend, gra­tuita. Lo screen­shot sot­to­stante sin­te­tizza i van­taggi offerti ai let­tori per cia­scuna di queste.

Rispetto ad altre pro­po­ste, a comin­ciare da quella del WSJ, si vede che quella del quo­ti­diano anglo­sas­sone sia meglio strut­tu­rata poi­chè punta non sol­tanto su aspetti tan­gi­bili, mate­riali, ma anche psi­co­lo­gici e di riconoscimento.

Guardian Membership Details

Sta­bi­lire una rela­zione “pri­vi­le­giata” con i let­tori, con le per­sone, è la strada mae­stra per uscire dal tun­nel. È da tempo ormai che pro­pongo di “vederci al club”, atten­dere ulte­rior­mente è solo una per­dita di tempo e di opportunità.

WSJ Membership
Pubblicato il 10 settembre 2014 by Pier Luca Santoro

Wall Street Journal & Membership

Il Wall Street Jour­nal cerca di adu­lare i pro­pri abbo­nati con un pro­gramma di mem­ber­ship gra­tuita che punta su van­taggi par­ti­co­lari per gli abbo­nati sia alla ver­sione car­ta­cea che a quella digitale.

I mem­bri del club WSJ + avranno accesso a diverse offerte, quali un tour della reda­zione e la discus­sione con l’editor-in-chief Gerry Baker, la pos­si­bi­lità di vin­cere tutte le spese pagate per wee­kend, sconti sul golf, e-book gra­tis da Har­per Col­lins, casa edi­trice della capo gruppo News Corp, e molto altro ancora.

Il nuovo pro­gramma di mem­ber­ship è un modo per invo­gliare i poten­ziali abbo­nati ed al tempo stesso rin­for­zare la rela­zione con quelli esi­stenti. L’iscrizione è gra­tuita per gli abbo­nati alla carta esistenti.

WSJ Membership

I club, con una giu­sta pro­por­zione tra van­taggi di accesso [con­te­nuti], mate­riali [sconti, offerte], psi­co­lo­gici e di rico­no­sci­mento [l’appartenenza, affi­nità] sono l’opzione migliore per svi­lup­pare un modello di busi­ness sostenibile.

Per costruire un modello di paga­mento effet­tivo non biso­gna essere “osses­sio­nati” con il pro­dotto, ma con il suo pub­blico fedele e sul come costruire rela­zioni di valore tra il media, tra la testata ed pub­blico. I con­te­nuti sono la base, la repu­ta­zione e la comu­nità, le chiavi del suc­cesso. Al WSJ pare l’abbiano capito.

members-card-preview

Change Business
Pubblicato il 9 settembre 2014 by Pier Luca Santoro

iTunes del Giornalismo

I gior­nali, come pac­chetto mono­li­tico, sono morti, scri­vevo l’altro giorno, a com­mento delle recenti ini­zia­tive edi­to­riali di «Finan­cial Times» e «Washing­ton Post».

A 4 mesi di distanza dal lan­cio Ale­xan­der Klöp­ping, co-fondatore di Blendle, fa il punto sullo stato di avan­za­mento del pro­getto, rac­con­tando che in un Paese, l’Olanda, con 16 milioni di abi­tanti, sono già 100mila gli utenti regi­strati e che, soprat­tutto, il tasso di con­ver­sione è del 20% con più della metà degli utenti è sotto i 40 anni, un gruppo che tra­di­zio­nal­mente è, se pos­si­bile, ancora meno incline della media a pagare per gior­nali e riviste.

Il ser­vi­zio offre tutti i gior­nali e rivi­ste nei Paesi Bassi su un sito web, e cerca di rein­ven­tare il modello di busi­ness del gior­na­li­smo, ren­dendo incre­di­bil­mente facile pagare per arti­coli sepa­rati, per sin­golo arti­colo. Gli utenti otten­gono 2,50 € quando si iscri­vono e pagano tra € 0,10 e € 0,80 ad articolo.

In accordo con gli edi­tori dun­que non vi è più l’idea di ven­dere il gior­nale nella sua inte­rezza ma viene offerta la pos­si­bi­lità, così come avviene per i brani musi­cali su iTu­nes [e altrove] di acqui­stare il sin­golo pezzo di pro­prio inte­resse. Que­sto, per altro, non can­ni­ba­lizza even­tuali sot­to­scri­zioni, abbo­na­menti, ai gior­nali, spiega Klöpping.

Change Business

Al tempo stesso nel nostro Paese si con­ti­nuano a non avere noti­zie di Edi­cola Ita­liana, inizia­tiva plu­rie­di­tore tante volte annun­ciata e riman­data a data da destinarsi. 

Se Edi­cola Ita­liana, al di là delle tem­pi­sti­che, resta comun­que anco­rata all’idea obso­leta di con­ti­nuare a ven­dere i con­te­nuti di gior­nali e rivi­ste in toto, da qual­che mese, come molti cer­ta­mente sapranno, esi­ste già l’iTunes del gior­na­li­smo ita­liano: Eta­lia [*].

La piat­ta­forma offre ai sin­goli gior­na­li­sti, e ad altre cate­go­rie di pro­fes­sio­nals, ma anche agli edi­torila pos­si­bi­lità di ven­dere i sin­goli con­te­nuti con diverse opzioni che vanno dal sin­golo pezzo sino all’abbonamento al gior­nale e/o alla rivi­sta. Pare ahimè che sia un opzione che all’editoria ita­liana non inte­ressi nep­pure spe­ri­men­tare. Auguri!

Ideas Silos

[*] Disclai­mer: Il sot­to­scritto attual­mente opera come con­su­lente, anche, per Etalia.

The Most
Pubblicato il 3 settembre 2014 by Pier Luca Santoro

I Giornali Sono Morti

Sono pas­sati solo pochi giorni dal lan­cio di “Antenna” da parte del «Finan­cial Times», aggre­ga­tore di noti­zie che pesca da Twit­ter per tenere i let­tori del gior­nale aggior­nati con le ultime migliori noti­zie sui social media. 

È adesso il «Washing­ton Post» a lan­ciare un nuovo aggre­ga­tore: “The Most”. Il nuovo pro­dotto edi­to­riale aggrega le nosti­zie più con­di­vise sui social e più lette pescando da una doz­zina di fonti tra cui Time, The Atlan­tic, The Den­ver Post, The Hou­ston Chro­ni­cle, New York Public Radio, Slate e The Dodo. 

Sul mini-sito dedi­cato all’iniziativa si legge:

The Most is an expe­ri­ment gathe­ring the most enga­ging sto­ries from a broad array of top news sour­ces. We’ll be adding sour­ces as the fea­ture grows.

I gior­nali sono morti, come si pro­clama ormai da almeno un lustro, ma la que­stione non è se siano morti quelli di carta e quante spe­ranze, quante pos­si­bi­lità abbiano quelli digitali/online, è l’idea di gior­nale come pac­chetto mono­li­tico ad essere defunta e con essa i modelli di busi­ness che l’hanno carat­te­riz­zato negli ultimi 100 anni. Amen!

The Most

Emotional-Sentiment-Most-Shared-Articles-SocNets-Aug2014
Pubblicato il 2 settembre 2014 by Pier Luca Santoro

Il Sentiment degli Articoli più Condivisi sui Social

Un nuovo stu­dio, con­dotto da Fractl in col­la­bo­ra­zione con Buzz­Sumo, ha ana­liz­zato 2.6 miliardi di con­di­vi­sioni di 1 milione di arti­coli più con­di­visi nella prima metà del 2014 per iden­ti­fi­care il sen­ti­mento emo­zio­nale degli arti­coli migliori di essere con­di­visi sui prin­ci­pali social network.

I trend non sono asso­lu­ta­mente omo­ge­nei sia in ter­mini di edi­tori che hanno otte­nuto la mag­gior evi­denza, il mag­gior numero di con­di­vi­sioni, che a livello di tipo­lo­gia di arti­coli, di sen­ti­ment, a seconda dei diversi social.

La tavola di sin­tesi sot­to­stante mostra le dif­fe­renze di rac­colta di evi­denza da parte dei diversi edi­tori in base ai diversi social presi in considerazione.

Publishers Condivisioni

Tra i 5 prin­ci­pali social net­work ana­liz­zati, Face­book ha domi­nato con il 81,9% del totale delle azioni gene­rate, come pre­ve­di­bile. È inte­res­sante notare, però, degli arti­coli più con­di­visi su Face­book, solo il 36% sono stati con­si­de­rati a sen­ti­mento posi­tivo, rispetto al 47% nega­tivo [con il resto neu­tro]; all’estremo oppo­sto si col­loca Lin­ke­din dove invece la posi­ti­vità è del 70%.

Tre le varia­bili da considerare:

  • Mag­giore è il di con­di­vi­sioni per social, mag­giore è la ten­denza per il sen­ti­mento degli arti­coli ad essere negativo;
  • Il con­te­nuto poli­tico è più atti­va­mente con­di­viso su Face­book e Twit­ter — con il sen­ti­mento gene­rale più nega­tivo — e molto meno su Lin­ke­din e Pin­te­rest [quelli con il sen­ti­ment più positivo];
  • In ambito più stret­ta­mente pro­fes­sio­nale, su Lin­ke­din, pre­vale, come evi­den­ziato, la posi­ti­vità. È un’indicazione non tra­scu­ra­bile sul tono di voce, sul lin­guag­gio e sugli argomenti.

Emotional-Sentiment-Most-Shared-Articles-SocNets-Aug2014

Millenials & News
Pubblicato il 29 agosto 2014 by Pier Luca Santoro

La Sfida dei Millennials

Tra i diversi pro­blemi da risol­vere nella tran­si­zione, nell’evoluzione digi­tale, per le diverse testate, sicu­ra­mente la scarsa capa­cità di attra­zione, anche online, verso i mil­len­nials, o net gene­ra­tion che dir si voglia, è sicu­ra­mente uno dei più rile­vanti in ter­mini di prospettive.

Com­Score ha for­nito Digi­Day con i dati dell’audience dei siti noti per la loro popo­la­rità con la gene­ra­zione nata all’incirca tra il 1980 e il 2000, come Buz­z­feed e Upwor­thy, che li ha messi a con­fronto con quelli di testate più tra­di­zio­nali quali il The New York Times o The Wall Street Journal.

I dati pub­bli­cati da Digi­Day con­sen­tono di farsi un idea sulla con­si­stenza del pro­blema di rela­zione con i mil­len­nials e sulle motivazioni.

Tra le testate prese in con­si­de­ra­zione, se si esclude Cosmo­po­li­tan, quelle che hanno una mag­gior com­po­si­zione di per­sone della net gene­ra­tion tra il pro­prio pub­blico non sono testate tradizionali. 

Al primo posto, con il 71.3%, figura Elite Daily che [guarda caso?] sotto il logo della testata si dichiara “The Voice of Generation-Y”, un altro modo per defi­nire i millenials.

Se si esa­mina la linea edi­to­riale delle testate con il mag­gior numero di pub­blico gio­vane, come ad esem­pio Vice, si vede come le hard news e la poli­tica abbiano uno spa­zio mar­gi­nale rispetto a quello delle testate tra­di­zio­nali e come il lin­guag­gio, il “tono di voce” sia ben diverso da quello nor­mal­mente adot­tato dai giornali.

Insomma, se volete avere un pub­blico gio­vane, e delle pro­spet­tive per i pros­simi 20 anni, dedi­ca­tevi a loro, par­late il loro lin­guag­gio e dei loro inte­ressi. Non era tanto dif­fi­cile da imma­gi­nare, no?

Millenials & News

 

Ipsos Social
Pubblicato il 11 agosto 2014 by Pier Luca Santoro

News & Social

Ipsos ha con­dotto il son­dag­gio annuale “Glo­bal Trends 2014″ in 20 Paesi, Ita­lia com­presa, su un cam­pione rap­pre­sen­ta­tivo dell’universo di rife­ri­mento di più di 16.000 persone.

La ricerca prende in con­si­de­ra­zione dieci macro aree, dalla tec­no­lo­gia alla tra­di­zione pas­sando per glo­ba­liz­za­zione e fidu­cia. Nella sezione dedi­cata ai brand ine­vi­ta­bil­mente sono ana­liz­zati i com­por­ta­menti e le moti­va­zioni di uti­lizzo dei social da parte delle persone.

Come mostra il gra­fico di sin­tesi dei risul­tati sotto ripor­tato, emerge come tra le moti­va­zioni di uti­lizzo dei social la let­tura di news, di infor­ma­zione, non è certo il dri­ver principale.

Ipsos Social

In base a quanto emerge da “Face­book Top New­spa­pers 2014″, foto­gra­fia dello stato com­pe­ti­tivo delle prin­ci­pali testate occi­den­tali  che attri­bui­sce un rating di eccel­lenza alle loro stra­te­gie di rela­zione su Face­book,  l’Italia con i suoi 7 milioni di likers con­serva il pro­prio record di socia­lità. Il nostro Paese è anche al primo posto nel rap­porto likers /diffusione: 4,7 likers per ogni copia diffusa.

Dati che fanno capire, che con­fer­mano, come sia esi­guo il valore di un “like” e quanto sia neces­sa­rio sta­bi­lire stra­te­gie tese al coin­vol­gi­mento effet­tivo del let­tore, delle per­sone, se si vuole creare valore.

Ipsos Social Media

LELIO-INTERAZIONI
Pubblicato il 24 luglio 2014 by Lelio Simi

Tre domande (più una) su come impostare un lavoro di community engagement per un giornale

Quello dei com­menti online è un tema che genera da oltre dieci anni pareri oppo­sti e discus­sioni infi­nite. Rara­mente i gior­nali dimo­strano di usarli pen­sando che siano dav­vero una risorsa per gene­rare coin­vol­gi­mento con i let­tori. Spesso, molto spesso, i com­menti ven­gono lasciati a se stessi, non ven­gono gestiti per poi sor­pren­dersi che il livello della discus­sione è degenerato.

Alcune testate hanno deciso di non fare più uso dei com­menti agli arti­coli per­ché fonte di con­ti­nue pole­mi­che e troll. Ma anche quelli nelle loro pagine social, Face­book in pri­mis, in molti casi, non hanno una sorte migliore visto che, anche lì altret­tanto spesso, nes­suno si pre­oc­cupa di curarli e mode­rarli (la “serie” social media mar­ke­ting de ‘noan­tri che abbiamo pub­bli­cato è solo un esem­pio di quello che troppo di fre­quente avviene). Credo che sia super­fluo dire che se non si è dispo­sti a inve­stire tempo e risorse nel curarli e mode­rarli sia inu­tile con­ti­nuare a usarli.

Eppure il valore di un sito, la sua tenuta eco­no­mica, dipen­derà sem­pre più oltre che dai numeri di pagine viste anche (soprat­tutto) dalla qua­lità delle rela­zioni gene­rate dai let­tori, dal loro reale coin­vol­gi­mento e par­te­ci­pa­zione. Per­ché in momento in cui il traf­fico online è sem­pre più gene­rato da bot e le page­view gon­fiate da truc­chetti vari, anche per un inve­sti­tore pub­bli­ci­ta­rio sarà sem­pre più impor­tante capire quanto l’audience di un sito sia com­po­sta da per­sone reali che vedono in quel sito un luogo dove con­di­vi­dere con gli altri let­tori con­te­nuti e idee, dove con­fron­tarsi con gli autori degli arti­coli, leg­gere le new­slet­ter inviate, par­te­ci­pare agli eventi pub­blici organizzati.

Quindi, pos­siamo anche fare a meno di una sezione “com­menti” nel nostro sito ma l’interazione con i let­tori è comun­que neces­sa­ria per la soprav­vi­venza anche eco­no­mica e ha neces­sità comun­que di inve­sti­menti in tempo e risorse. Su que­sto tema ha scritto un bell’articolo Anne­ma­rie Doo­ling (gior­na­li­sta e com­mu­nity mana­ger) dal titolo espli­ca­tivo Close your com­ments; Build a com­mu­nity pub­bli­cato da Medium.

Ne con­si­glio la let­tura ed ne estra­polo un pic­cola parte dove la Doo­ling pone tre domande fon­da­men­tali per impo­stare una stra­te­gia di com­mu­nity enga­ge­ment e inte­ra­zione con i let­tori. Mi sem­brano ottime nella loro sem­pli­cità, e credo che se appun­tate su un foglio pos­sano dav­vero rap­pre­sen­tare un buon punto di par­tenza per costruire un piano di lavoro. Eccole:

#1 «Quale tipo­lo­gia di coin­vol­gi­mento dei let­tori è più utile per la mia pub­bli­ca­zione e come posso tra­durla in qual­cosa che loro pos­sono fare concretamente?»

#2 «Quali sono i punti essen­ziali della discus­sione che vogliamo affron­tare e dove sono le per­sone che già stanno discu­tendo di que­sti stessi argomenti?»

#3 «Come fac­ciamo a far sen­tire dav­vero coin­volti i let­tori in quello che rac­con­tiamo? Cosa potreb­bero fare i let­tori se si sen­tis­sero ancora più coinvolti?»

Ne aggiungo io una quarta che pro­ba­bil­mente sin­te­tizza alcune di quelle poste da Annamarie:

«Cosa siamo dispo­sti a fare noi per i nostri let­tori affin­ché ci vedano come una risorsa con­creta in quello che fanno nella loro vita di cittadini?»

Bonus track: su com­mu­nity enga­ge­ment nei gior­nali ho pre­pa­rato, un po’ di tempo fa, que­ste slide per un mio work­shop, spero pos­siate tro­varci un po’ di altri spunti inte­res­santi:  Gior­nali, gior­na­li­sti e comu­nità di riferimento

Older Posts