Posted on 7 aprile 2014 by

Social Referrals

Tweet about this on Twitter21Share on Facebook19Share on Google+8Share on LinkedIn8Email this to someonePrint this page

Già dai dati del The Pew Research Cen­ter emer­geva come rispetto ai visi­ta­tori diretti il traf­fico da Face­book fosse deci­sa­mente più “volatile”.

Arriva ora la desk research di Share­a­ho­lic, appli­ca­zione per la con­di­vi­sione dei con­te­nuti, a for­nire mag­giori infor­ma­zioni su Face­book stesso e su gli altri social.

I dati, basati sull’analisi nel periodo set­tem­bre 2013 — feb­braio 2014 per oltre 200mila siti web con più di 250 milioni di utenti unici men­sili for­ni­scono il det­ta­glio del tempo speso sul sito, le pagine viste ed il tasso di rim­balzo per tutti i prin­ci­pali social media e social network.

Se cer­ta­mente Face­book resta asso­lu­ta­mente al top per numero di visi­ta­tori che arri­vano dal social net­work più popo­loso del pia­neta, in ter­mini di tempo speso e pagine viste è You­Tube a capeg­giare. Seguono G+ e Lin­ke­din, canale quest’ultimo deci­sa­mente sot­tou­ti­liz­zato rispetto alle sue poten­zia­lità sia quan­ti­ta­tive che qualitative.

In ter­mini di enga­ge­ment Twit­ter e Face­book sostan­zial­mente si equivalgono.

Dati che aiu­tano la rifles­sione sul valore del traf­fico oltre la quan­tità asso­luta dello stesso.

Social-Referrals-That-Matter-Mar-2014

A mar­gine si segnala Face­book Page Cost Cal­cu­la­tor, simu­la­tore che in fun­zione del numero di post che si vuole por­tare all’attenzione di tutti i pro­pri fan con­sente di cal­co­lare il livello di inve­sti­mento in social ads necessario.

Tweet about this on Twitter21Share on Facebook19Share on Google+8Share on LinkedIn8Email this to someonePrint this page