siti web quotidiani

Pubblicato il 24 giugno 2011 by Pier Luca Santoro

Le Versioni Online dei Quotidiani Non Vanno a Tavoletta

Secondo i dati dif­fusi da com­Score l’accesso ai siti web dei quo­ti­diani non avviene dai tablet.

La società di rile­va­zione ed ana­lisi dei dati rela­tivi al mondo digi­tale ha lan­ciato un nuovo ser­vi­zio di rile­va­zione degli accessi alla Rete sud­di­visi per tipo di device. L’estratto dei dati della prima rile­va­zione evi­den­zia come la let­tura di noti­zie in mobi­lità sia asso­lu­ta­mente mar­gi­nale in tutta Europa ad ecce­zione della Gran Bre­ta­gna e che la quota dei tablet risulta risibile.

I dati dif­fusi pur­troppo non com­pren­dono l’Italia ma una let­tura dei dati degli altri paesi del vec­chio con­ti­nente for­ni­sce comun­que un orien­ta­mento su quali pos­sano essere le dimen­sioni del feno­meno anche della nostra  nazione. E’ da esclu­dere che l’accesso avvenga attra­verso le appli­ca­zioni poi­chè anche que­ste hanno un  uti­lizzo molto ridotto per quanto riguarda spe­ci­fi­ca­ta­mente la frui­zione di noti­zie come con­ferma anche l’analisi dell’iPad App Store.

Pubblicato il 22 febbraio 2011 by Pier Luca Santoro

Interattività Vò Cercando

L’utilizzo delle mappe come stru­mento di sin­tesi gra­fica ed inte­ra­zione in ambito infor­ma­tivo è sem­pre più diffuso.

Dal ciclone Wiki­Leaks in poi non c’è ver­sione online dei prin­ci­pali quo­ti­diani del pia­neta che non abbia pro­dotto una pro­pria ver­sione come sup­porto alla massa di informazioni.

La rivolta araba e gli avve­ni­menti in Libia di que­sti giorni sono stati l’ennesima dimo­stra­zione della dif­fu­sione di que­sto mezzo d’informazione, come testi­mo­niano le diverse mappe segna­late sabato, alle quali si aggiunge ora quella pro­dotta da “La Infor­ma­ciòn” che effet­tua una radio­gra­fia delle con­di­zioni delle nazioni di Nord Africa e Medio Oriente.

Dopo l’assoluta carenza dei quo­ti­diani ita­liani anche sotto que­sto pro­filo, “La Repub­blica” pro­pone da ieri  una pro­pria ver­sione di que­sta moda­lità infor­ma­tiva con quella che dovrebbe essere la mappa inte­rat­tiva della rivolta in Libia.

Il risul­tato è a dir poco delu­dente con gra­fica, inte­rat­ti­vità e livello di infor­ma­zione dav­vero ai minimi livelli.

Unica atte­nuante è che sia colpa del freddo.

Pubblicato il 21 maggio 2010 by Pier Luca Santoro

Petite histoire des sites médias

Cross Media Con­sul­ting, società fran­cese di con­su­lenza foca­liz­zata nell’aiutare le imprese edi­to­riali alla tran­si­zione sul web, ha rea­liz­zato un inte­res­sante video che riper­corre le tappe essen­ziali nello svi­luppo della ver­sione on line di alcuni quotidiani.

Nel fil­mato viene mostrata l’evoluzione dei siti web di Le Monde, Le Figaro, dello spor­tivo L’Equipe e dell’inglese The Guardian.

Una sco­perta per chi non li ha vis­suti all’epoca, un utile ripasso per non per­derne memo­ria per gli altri.

Pubblicato il 27 aprile 2010 by Pier Luca Santoro

Mi si è Staccato un Bottone

Ragio­nare per dif­fe­renze aiuta a esem­pli­fi­care, age­vola, attra­verso il para­gone, il pro­cesso logico. Ci proviamo.

Nel corso della stessa set­ti­mana due quo­ti­diani nazio­nali di due diversi stati cam­biano la veste gra­fica ed alcuni con­te­nuti della home page.

Da un lato, in Ita­lia, “La Repub­blica”, che appro­fitta dell’occasione per attac­care qual­che bot­tone « social » ed inau­gu­rare al tempo stesso la sta­gione dell’inva­si­vità pub­bli­ci­ta­ria.

Dall’altro, in Argen­tina, “La Voz”, che, let­te­ral­mente, « sbatte il let­tore in prima pagina », inse­rendo nella home page la sezione dedi­cata agli utenti del gior­nale ed all’area dedi­cata ai con­tri­buti rea­liz­zati dagli stessi.

Come ricorda giu­sta­mente l’amico Gian­luca Die­goli “non è la vostra pro­mo­zione ma la loro con­ver­sa­zione a dif­fe­ren­ziare il vostro pro­dotto, e pro­vo­care un acquisto”.

Per quanto mi riguarda, null’altro da aggiungere.