silvio berlusconi

Prime Pagine Il Giornale
Posted on 11 agosto 2013 by Pier Luca Santoro

Giornalismo d’Inchiesta

In molti probabilmente ricorderanno la vicenda del giudice Raimondo Mesiano, autore della sentenza civile che obbligherà Silvio Berlusconi a pagare un risarcimento milionario per il lodo Mondadori, inseguito dalle telecamere di “Mattino 5”, programma della prima rete Mediaset, per [di]mostrare la sua eccentricità reo di indossare calzini azzurri e mocassini bianchi. Servizio per il quale Claudio Brachino, direttore responsabile della testata giornalistica del gruppo Mediaset Videonews, era stato sospeso dall’ordine dei giornalisti per 60 giorni.

In quell’occasione  «Il Giornale» di famiglia per due giorni conseguitivi dedicò la prima pagina a Mesiano, come mostra l’ immagine sotto riportata, per apportare il suo contributo alla campagna di discredito contro il giudice.

Prime Pagine Il Giornale

Deve essere poca cosa il risarcimento di 750 milioni di euro, poi ridotti a 560, in confronto alle colpe del giudice Esposito, nonostante a molti probabilmente sfugga che la Cassazione non giudica nel merito ma solo nella forma e dunque tutti i giudizi espressi sul fatto che Berlusconi sapesse o meno non sono fatti che attengono alla valutazione della Cassazione ma dei gradi di giudizio precedenti, vista la campagna mediatica nei suoi confronti.

Dal 3 di agosto ad oggi, in otto giorni, 6 delle prime pagine de «Il Giornale» sono infatti dedicate al magistrato della Corte di Cassazione che ha confermato la sentenza di condanna a 4 anni di reclusione nei confronti di Silvio Berlusconi.

Giornalismo d’inchiesta di altissimo livello grazie al quale si va dalle “cene allegre” alla “doppia vita” passando per “il bugiardo” ed il “metodo Esposito”. Spiegato a cosa serve essere proprietari, anche, di un giornale.

Cene Esposito

Prime Pagine Il Giornale

Affari del Giudice

Posted on 26 maggio 2011 by Pier Luca Santoro

Una Prima Pagina Gioconda

Nell’edizione di “Porta a Porta” di ieri, l’attuale Presidente del Consiglio, tra le diverse dichiarazioni rese si paragona a Leonardo da Vinci.

L’Unità di stamane decide di concentrare la propria attenzione su questa ed altre affermazioni fatte nel salotto notturno di Vespa realizzando, per così dire, una prima pagina gioconda.

Posted on 6 marzo 2011 by Pier Luca Santoro

Palazzo Grazioli & Il Web

Miguel Mora, corrispondente da Roma per “El Pais”, da circa un mese ha aperto un blog dedicato alle vicende italiane chiamandolo Vaticalia.

Il giornalista spagnolo tratta in maniera molto graffiante ma puntuale l’attualità del nostro paese riportandola dalla sua prospettiva con cadenza quasi quotidiana.  La lettura dei suoi articoli offre la possibilità di verificare la percezione dell’Italia vista con gli occhi di chi non è direttamente coinvolto oltre che di ottenere informazioni solitamente non riportate, se non marginalmente, dagli organi d’informazione nazionali.

E’ il caso dell’articolo di giovedì in cui, tra l’altro, segnala che sul web è in vendita il domino con il nome della residenza romana di Silvio Berlusconi.

Digitando www.palazzograzioli.com si accede ad una pagina che promuove l’acquisto del dominio [offerta minima a partire da 3mila euro] invitando gli utenti con un richiamo irresistibile: quello di una pagina porno. Le principali parole chiave associate sono incontri, ragazze, trasgressioni.

Difficile davvero reclamare per la mancanza di coerenza tra contenitore e contenuto.

Posted on 17 febbraio 2011 by Pier Luca Santoro

Gerontocrazia & Democrazia

The Economist pubblica un grafico di sintesi relativamente al divario dì età tra chi governa e l’età media della popolazione in 16 nazioni del mondo Italia compresa.

Utilizzando questa variabile come elemento di analisi emerge che un gap maggiore è caratteristica prevalente dei paesi con regimi autoritari mentre le democrazie sembrano preferire leader più giovani.

Eccezione alla regola generale è rappresentata proprio dal nostro paese.

Ciascuno tragga la propria conclusione.

A margine si segnala l’infografica interattiva, sempre a cura del settimanale britannico, sui carichi pendenti per il nostro premier e la timeline realizzata dall’Huff Post sullo stesso tema di fondo.

Posted on 15 dicembre 2010 by Pier Luca Santoro

Parodia: Berlusconi salvo per 3 voti

Secondo la definizione offerta dal dizionario etimologico, una parodia è un componimento in versi sul modello di un’altro già noto, tenendone in parte le espressioni, ma applicandole ad un altro argomento allo scopo di far satira, muovere il riso.

In questo riesce certamente l’estratto dal film “Gli Onorevoli”  che nel 1963 descriveva minuziosamente le dinamiche di quanto avvenuto in questi giorni nel nostro paese.

E’ un riso amaro che aiuta a riflettere sul valore attuale dell’etica e della politica che governa l’Italia.

Older Posts
Vai alla barra degli strumenti