Posted on 25 giugno 2009 by

Newsmaking & Troian Marketing

Tweet about this on Twitter0Share on Facebook0Share on Google+0Share on LinkedIn0Email this to someonePrint this page

Le noti­zie sono un pro­dotto come qual­siasi altro la cui mate­ria prima è la massa infi­nita e informe di acca­di­menti che carat­te­riz­zano la vita sociale e i cui con­su­ma­tori sono un insieme di per­sone diverse che vogliono sia sod­di­sfatta un’esigenza i cui con­torni non sono chia­ra­mente defi­niti. Secondo le teo­rie più accre­di­tate i media rispon­dono a uno strano mix di biso­gni (infor­ma­zione, iden­tità per­so­nale, inte­gra­zione sociale e intrat­te­ni­mento) diver­sa­mente decli­nati e misce­lati nella mol­ti­tu­dine ete­ro­ge­nea dei con­su­ma­tori. Per que­sta ragione e per ragioni eco­no­mi­che il gior­na­li­smo è impron­tato a una pro­spet­tiva prin­ci­pal­mente pra­tica sugli eventi, fina­liz­zata a rias­sem­blarli rapi­da­mente e darne valu­ta­zioni sem­plici in maniera capace di intrat­te­nere il pub­blico e di fidelizzarlo.

"La Repubblica" - 24.02.2009 -

“La Repub­blica” — 24.02.2009 —

Per con­ti­nuare a leg­gere il seguito, se d’interesse, click on image.

Tweet about this on Twitter0Share on Facebook0Share on Google+0Share on LinkedIn0Email this to someonePrint this page