Posted on 9 marzo 2014 by

Verginelle Pour Cause

Tweet about this on Twitter15Share on Facebook27Share on Google+1Share on LinkedIn1Email this to someonePrint this page

Già con la que­stione della pub­bli­cità de «Lin­kie­sta» su Corriere.it il Comi­tato di Reda­zione de «Il Cor­riere della Sera» aveva [di]mostrato una lotta di retro­guar­dia, un ana­cro­ni­smo insensato.

Adesso, credo dav­vero, si sta dav­vero pas­sando ogni limite.

Dap­prima ci si sca­glia con­tro l’acquisto di «You­Re­por­ter» [*] basan­dosi su indi­scre­zioni ripor­tate da un quo­ti­diano con­cor­rente, che dà per certe cifre che nes­suno è auto­riz­zato a dif­fon­dere e dun­que sono, quanto meno, dubbie.

Poi s’indigna con­tro la “com­mi­stione pubblicità-informazione” per l’introduzione del native adver­ti­sing in con­co­mi­tanza con il rin­no­va­mento del sito web del quo­ti­diano in questione.

L’acquisizione della piat­ta­forma di citi­zen jour­na­lism rap­pre­senta un van­tag­gio com­pe­ti­tivo per RCS Media­group poi­chè se fino ad oggi tutti uti­liz­za­vano i suoi video ora sarà il gruppo di Via Sol­fe­rino a deci­dere se e come, e a quale prezzo, distri­buirne i con­te­nuti. Che que­sti con­te­nuti abbiano valore ed atten­di­bi­lità è dimo­strato dal fatto che sin ora siano stati uti­liz­zati dai siti web dei gior­nali e dalle tele­vi­sioni di tutto il mondo: BBC, CNN, Alja­zeera, per citare le più note.

I gior­na­li­sti de «Il Cor­riere della Sera» pos­sono  [e devono?] essere punto di rac­cordo, snodo che qua­li­fica e dà senso all’informazione pro­dotta dalle per­sone e che in nes­sun caso può essere altret­tanto tem­pe­stiva come quella for­nita dai pur bra­vis­simi — per defi­ni­zione —  15 gior­na­li­sti della Rcd. Non c’è anta­go­ni­smo ma complementarietà.

Il native adver­ti­sing di Corriere.it è evi­den­ziato dif­fe­ren­zian­dosi dal colore blu del riqua­dro. Certo potrebbe essere ancor meglio spe­ci­fi­cato che si tratta di con­te­nuti edi­to­riali a paga­mento ma pro­vino a leg­gere qui e par­lino sol­tanto dopo aver detto a voce alta che il «The New York Times» è un gior­nale senza prin­cipi deontologici.

Ed ancora, restando alla sezione motori che viene citata nel comu­ni­cato del CDR, cor­te­se­mente, anche tra i con­te­nuti pret­ta­mente edi­to­riali pro­vino a tro­vare una recen­sione di un auto o di altro mezzo di tra­sporto che sia nega­tiva. Li sfido pub­bli­ca­mente a farlo, in palio una cena offerta dal sot­to­scritto a tutto il CDR.

I tempi son duri e dif­fi­cili per tutti. Non è facendo le ver­gi­nelle pour cause che si avranno miglioramenti.

Verginelle

[*] Disclai­mer: Il sot­to­scritto intrat­tiene rap­porti lavo­ra­tivi remu­ne­rati con You­Re­por­ter. Con­su­lenza che non ha nes­suna atti­nenza con la recente acquisizione.

Tweet about this on Twitter15Share on Facebook27Share on Google+1Share on LinkedIn1Email this to someonePrint this page