Posted on 10 gennaio 2011 by

Indice dell’Autorevolezza dei Giornalisti

Tweet about this on Twitter0Share on Facebook0Share on Google+0Share on LinkedIn0Email this to someonePrint this page

La dif­fu­sione di Twit­ter favo­ri­sce una cre­scente ade­sione da parte dei gior­na­li­sti di tutto il mondo che uti­liz­zano la nota piat­ta­forma di micro­blog­ging come stru­mento sia di dif­fu­sione che di rac­colta delle informazioni.

E’ un feno­meno la cui rile­vanza è con­fer­mata dall’esistenza di una piat­ta­forma ad hoc che rac­co­glie, sud­di­vi­den­doli per argo­mento, i tweets di mol­tis­simi giornalisti.

Ora il Guar­dian segnala che Pee­rIn­dex, ser­vi­zio lan­ciato a luglio del 2010, ritiene che l’autorevolezza dei gior­na­li­sti possa essere misu­rata anche sulla base della loro par­te­ci­pa­zione a Twitter.

Nella prima set­ti­mana di gen­naio sono stati ana­liz­zati 900 gior­na­li­sti bri­tan­nici con un account attivo su Twit­ter ed è stata rea­liz­zata una clas­si­fica di quelli che, in base ai para­me­tri defi­niti, sareb­bero i più autorevoli.

Per ogni pro­filo ana­liz­zato viene rea­liz­zato un radar che si basa su 8 aree diverse e che incro­ciato con i risul­tati rela­tivi ad auto­re­vo­lezza, atti­vità  e audience ela­bora un punteggio.

Oltre all’attività su Twit­ter viene effet­tuato il trac­king del pro­filo in ana­lisi su Lin­ke­din, Face­book e [se attivo] del blog redatto.

Il gior­na­li­sta mag­gior­mente accre­di­tato è risul­tato essere Char­les Arthur, edi­tor di the Guardian’s Technology.

L’analisi non può cer­ta­mente essere rap­pre­sen­ta­tiva in asso­luto dell’autorevolezza dei gior­na­li­sti che evi­den­te­mente si fonda non solo sulla loro ade­sione e par­te­ci­pa­zione “sociale”. Rap­pre­senta non di meno un inte­res­sante appro­fon­di­mento con­sen­tendo final­mente di andare oltre il sem­plice numero di fans e fol­lo­wers ed è un’ulteriore testi­mo­nianza con­creta della socia­lità dell’informazione, della notizia.

Il mio ego è deci­sa­mente sod­di­sfatto dei 57 punti otte­nuti rispetto ai 78 del top dei gior­na­li­sti presi in con­si­de­ra­zione. Se anche voi oltre che pro­fes­sio­nal­mente siete incu­rio­siti anche a titolo per­so­nale e volete veri­fi­care il vostro pun­teg­gio, potete farlo par­tendo da qui.

Tweet about this on Twitter0Share on Facebook0Share on Google+0Share on LinkedIn0Email this to someonePrint this page