Posted on 9 luglio 2011 by

Non Abbiamo Più Scuse

Tweet about this on Twitter0Share on Facebook0Share on Google+1Share on LinkedIn0Email this to someonePrint this page

Ieri sera sono andato ad una delle tante sagre che si ten­gono durante l’estate in provincia.

Sono cose che nor­mal­mente mi pento di aver deciso di fare poi­chè il rap­porto qua­lità — prezzo di que­sto genere di mani­fe­sta­zioni si è asso­lu­ta­mente dete­rio­rato nel tempo, ma non è que­sto il punto per oggi.

Vicino alla cassa insieme al modulo per com­pi­lare l’ordinazione c’era un foglietto, circa metà di un A4, che nella sua sem­pli­cità  è da manuale.

Come si può vedere nell’immagine sot­to­stante, il modulo con due sem­plici domande, ed una terza opzione aperta, è stru­mento per misu­rare la redemp­tion dei mezzi di comu­ni­ca­zione e per moni­to­rare il livello com­ples­sivo di custo­mer satisfaction.

Se, da un lato è la con­ferma di come le sagre si siano tra­sfor­mate in un vero e pro­prio busi­ness, dall’altro lato è la prova pro­vata della pos­si­bi­lità di dia­lo­gare con le per­sone e moni­to­rare l’efficacia delle azioni, dei mezzi, che qua­lun­que impresa utilizza.

Non abbiamo più scuse.

Tweet about this on Twitter0Share on Facebook0Share on Google+1Share on LinkedIn0Email this to someonePrint this page