media

Citazioni Giornali
Pubblicato il 17 aprile 2015 by Pier Luca Santoro

Le citazioni di #IJF15 sui Giornali

In col­la­bo­ra­zione con Way­press, abbiamo moni­to­rato le cita­zioni, gli arti­coli — sia carta che online — che men­zio­nano il Festi­val Inter­na­zio­nale del Gior­na­li­smo dall’inizio del mese di aprile al giorno prima del suo ini­zio [14 aprile].

In 14 giorni #ijf15 ha otte­nuto 90 arti­coli, una media di oltre 6 arti­coli al giorno. Il gra­fico sot­to­stante rias­sume il det­ta­glio della distri­bu­zione temporale.

A pre­do­mi­nare sono le testate online [det­ta­glio dispo­ni­bile on demand, su richiie­sta] e la stampa locale, pre­va­len­te­mente quella della regione che ospita il festi­val, come mostra il gra­fico sotto riportato.

top_aggregazioni
Pubblicato il 14 aprile 2015 by Pier Luca Santoro

Aggregazioni Siti Web Informazione Italia

Audi­web ha reso dispo­ni­bili pub­bli­ca­mente i dati della total digi­tal audience del mese di feb­braio 2015.

A par­tire da que­sto mese di rile­va­zione viene offerto un mag­gior det­ta­glio nella rap­pre­sen­ta­zione delle com­po­nenti di audience di ogni edi­tore iscritto ad Audi­web, distin­guendo le audience ‘’orga­ni­che”, deri­vanti dal traf­fico rea­liz­zato su siti di pro­prietà del publi­sher iscritto, da quelle ‘’com­ples­sive o non orga­ni­che’’, deri­vanti da accordi edi­to­riali di ces­sione del traf­fico, comu­ne­mente cono­sciute come aggregazioni.

Tema “caldo” sul quale è dav­vero inte­res­sante poter fare, final­mente, defi­ni­ti­va­mente chiarezza.

Su 32 siti web d’informazione nazio­nale o plu­ri­re­gio­nale sono 6 i new­sbrand che sfrut­tano la pos­si­bi­lità di aggre­gare al loro interno altre fonti di traf­fico gra­zie ad accordi commerciali.

I primi tre per inci­denza sulla total digi­tal audience sono Quotidiano.net il cui traf­fico orga­nico è il 40.3% del totale, Nano­press che ha il 43% di audience frutto di aggre­ga­zioni e La Stampa con il 20.4% di audience che deriva da altri siti.

TgCom24 è all’82.8% di traf­fico orga­nico, Il Post 80.4%, Il Mes­sag­gero 84%, La Repub­blica 92.7%, La Gaz­zetta dello Sport 94.4% ed il Cor­riere della Sera il 97.6%. Per quanto riguarda quest’ultimo in realtà l’incidenza di altri brand, come ad esem­pio You­Re­por­ter che viene con­teg­giato al suo interno, è superiore.

Il gra­fico sot­to­stante for­ni­sce il det­ta­glio per cia­scuna testata evi­den­ziando la total digi­tal audience orga­nica rispetto a quella complessiva.

SNA Tag IJF15
Pubblicato il 10 aprile 2015 by Pier Luca Santoro

Social Network Analysis del Festival Internazionale del Giornalismo

Socio­viz è una piat­ta­forma di ana­lisi delle con­ver­sa­zioni su Twit­ter lan­ciata di recente. Tool dav­vero inte­res­sante che for­ni­sce la distri­bu­zione dei tweet nell’arco tem­po­rale sele­zio­nato ed i top hash­tag, il det­ta­glio dei sin­goli tweet, gli utenti più attivi e quelli che hanno gene­rato la mag­gior influenza sul tema, il net­work delle inte­ra­zioni, delle con­ver­sa­zioni e il net­work della co-presenza di hashtag.

Ho ana­liz­zato le con­ver­sa­zioni su Twit­ter dal 01 marzo ad oggi sce­gliendo come opzione quella di sele­zio­nare solo quelle in ita­liano per veri­fi­care le con­nes­sioni nella media­sfera nostrana.

Nel periodo preso in con­si­de­ra­zione vi sono stati 670 tweet e 435 ret­weet gene­rati da 534 pesone che oltre al tag prin­ci­pale #ijf15 hanno uti­liz­zato 81 hash­tag diversi.

Tra i 10 top hash­tag, per fre­quenza di uti­lizzo, oltre a quello uffi­ciale della mani­fe­sta­zione,  com­pa­iono #peru­gia, #incon­tri­spe­ciali, #gior­na­li­smo e anche #hackmedia15, tag quest’ultimo rela­tivo all’hac­ka­thon su media e gior­na­li­smo orga­niz­zato dal gruppo di lavoro di Data­Me­dia­Hub, da noi. 

Hackmedia IJF15

Oltre all’account @journalismfest ed a quello di Arianna Cic­cone sia il nostro che il mio per­so­nale sono tra i top 10 account più attivi per numero di tweet.

Il gra­fico sot­to­stante visua­lizza tutte le tag uti­liz­zate durante le con­ver­sa­zioni rela­tive al Festi­val sulla piat­ta­forma di micro­blog­ging da 140 carat­teri. Si evi­den­zia una pola­riz­za­zione rela­ti­va­mente all’area della pre­senza dei Negra­maro e quella ine­rente tema­ti­che socio-politiche. A titolo di curio­sità, impos­si­bile non segna­lare la pre­senza di esco­pazza, ver­ba­liz­za­zione che i meglio infor­mati sapranno cer­ta­mente a chi attribuire.

SNA Tag IJF15

Pola­riz­za­zioni che ovvia­mente, anche se in maniera meno mar­cata, tro­viamo nella SNA rela­tiva alle persone.

Con­si­de­ra­tela un’anticipazione dell’analisi delle con­ver­sa­zioni che verrà effet­tuata durante il Festi­val, stiamo scal­dando i motori, diciamo. Se ci siete, ci vediamo di per­sona a Perugia.

SNA Users IJF15

Mutter
Pubblicato il 27 marzo 2015 by Pier Luca Santoro

Misurare il Giornalismo

Misu­rare il Gior­na­li­smo — Metri­che e soste­ni­bi­lità del gior­na­li­smo. Le slide [*] della mia lezione di oggi sul tema al Master in Gior­na­li­smo Scien­ti­fico della Scuola Inter­na­zio­nale Supe­riore di Studi Avan­zati di Trie­ste.

[*] Come sem­pre le slide sono un “appog­gio”, un sup­porto al ragio­na­mento, al lavoro d’aula.

Facebook Dog
Pubblicato il 25 marzo 2015 by Pier Luca Santoro

Facebook, Famo a Capisse

Sono tra­pe­late in que­sti giorni delle indi­scre­zioni secondo le quali Face­book sta­rebbe strin­gendo accordi con alcune testate per la pro­du­zione e la pub­bli­ca­zione di con­te­nuti esclu­si­va­mente all’interno del social net­work più popo­loso del pianeta.

Secondo quanto viene ripor­tato, se sinora il rap­porto tra Face­book e le diverse testate era basato esclu­si­va­mente sullo scam­bio con­te­nuti — traf­fico, adesso, pare, che vi sia l’ipotesi di una ripar­ti­zione anche dei ricavi.

Se sotto il pro­filo eco­no­mico potrebbe rap­pre­sen­tare effet­ti­va­mente un’opportunità, credo però che sia una strada da non per­cor­rere, in par­ti­co­lare per i legacy media quali il NYTi­mes [che sem­bre­rebbe essere una delle testate coin­volte sin dall’inizio] ma anche per molti altri.

Facebook Dog

Vi sono aspetti legati alle con­di­zioni d’uso di Face­book che lasciano più che per­plessi rispetto al con­trollo che le testate hanno ed avreb­bero sulla pub­bli­ca­zione dei loro contenuti.

Resta da chia­rire quale possa essere il pos­sesso dei dati da parte di Face­book sui let­tori dei quo­ti­diani, aspetto già oggi con­tro­verso che ovvia­mente si accre­sce­rebbe in maniera espo­nen­ziale. Dati sui quali, altret­tanto, testate per­de­reb­bero poten­zial­mente il con­trollo ed il pos­sesso. Dati che val­gono, forse, più di ogni altra cosa e che se “fil­trati” da Face­book prima di essere for­niti agli edi­tori rap­pre­sen­te­reb­bero una per­dita poten­zial­mente ine­sti­ma­bile, cer­ta­mente supe­riore a qual­si­vo­glia accordo di reve­nue sharing.

Soprat­tutto, al di là di tutta una serie di aspetti di con­torno, è l’idea che Face­book possa essere sem­pli­ce­mente un’altra piat­ta­forma di distri­bu­zione dei con­te­nuti, o peg­gio, come avviene nella mag­gior parte dei casi ora, uno spa­zio dal quale dra­gare traf­fico al sito.

Sta qui, a mio avviso, il mag­gior equi­voco. Face­book è un bar, una piazza, di paese dove incon­trare per­sone, com­pren­derne inte­ressi, moti­va­zioni, aspi­ra­zioni da inter­pre­tare cor­ret­ta­mente per tra­durli e ren­derli dispo­ni­bili a casa pro­pria, nel pro­prio sito, nei ser­vizi forniti.

L’engagement, apo­teosi orga­smica del social media mar­ke­ting, resta una vanity metric se limi­tata ad un nume­rino da inse­rire nei report per riu­nioni tanto fre­quenti quanto prive di signi­fi­cato e valore. L’engagement ha senso se viene siste­ma­tiz­zato come pra­tica il cui scopo e quello di appro­fon­dire la rela­zione con le per­sone così da poterle ser­vire, nel senso posi­tivo del ter­mine, al meglio. L’engagement ha senso se, come dovrebbe essere, i numeri si tra­sfor­mano in com­pren­sione di feno­meni, di ten­denze, di evo­lu­zioni sulle quali costruire il pro­prio rap­porto con il pub­blico di rife­ri­mento, con le persone.

Vale per qua­lun­que brand, credo dav­vero, inclusi i new­sbrand. Tutto il resto è noia.

Numbers Actions

Older Posts