Posted on 4 ottobre 2013 by

Se il Giornale va in Scena con gli Users Generated Content

Tweet about this on Twitter0Share on Facebook0Share on Google+8Share on LinkedIn0Email this to someonePrint this page

All’inizio di que­sta set­ti­mana «La Stampa» ha lan­ciato “UP2U”, talent show users gene­ra­ted con­tent nato da un’idea della gior­na­li­sta Giu­lia Vola, che qual­che anno fa ha fatto un’esperienza nel mondo teatrale.

Per par­te­ci­pare i can­di­dati, di età com­presa tra i 18 e i 35 anni, devono inviare alla reda­zione un pro­vino ine­dito. Un video, lungo non più di cin­que minuti, che rac­conti [attra­verso i gesti, le parole o l’espressione cor­po­rea] le realtà quo­ti­diane. Ogni per­for­mance deve inter­pre­tare uno tra i seguenti temi di attua­lità: lavoro, cit­ta­di­nanza, gene­ra­zioni, cro­naca [stra]ordinaria, cor­pore sano, amore e rivoluzione.

Sul mini-sito creato ad hoc c’è anche un blog dove scam­biarsi opi­nioni e con­si­gli su come rea­liz­zare i fil­mati. L’ultimo giorno per inviare i video — per posta, via mail o tra­mite un upload sul sito — è il 7 gen­naio. Dopo tale data la gara entrerà nel vivo. Ver­ranno sele­zio­nati trenta fina­li­sti. Dodici [ovvero i primi due delle sei cate­go­rie] saranno scelti dallla “giu­ria popo­lare”, dalle per­sone che potranno votare i video sele­zio­nati, gli altri 18 da una giu­ria di esperti di tea­tro e giornalisti.

Il 23 gen­naio il primo ver­detto. Per chi supera que­sto sco­glio si spa­lan­che­ranno le porte della reda­zione. I pre­scelti, infatti, ver­ranno nello stu­dio de La Stampa tv a regi­strare una per­for­mance. Tutti i video rea­liz­zati saranno cari­cati online. Ci saranno anche i back­stage delle regi­stra­zioni e le inter­vi­ste ai pro­ta­go­ni­sti. Dal 9 marzo via alla seconda fase. I “live” affron­te­ranno il giu­di­zio di entrambe le giu­rie: quella popo­lare e quella di qua­lità. I vin­ci­tori scelti dalla Rete si esi­bi­ranno il 14 aprile ai Can­tieri Ogr, una delle grandi realtà indu­striali di Torino che si è rein­ven­tata labo­ra­to­rio arti­stico. Gli altri, invece, il giorno dopo, sol­che­ranno il palco del Tea­tro Carignano.

UP2U

L’iniziativa del quo­ti­diano tori­nese mi pare inte­res­sante da diversi punti di vista.

Sotto il pro­filo gior­na­li­stico costi­tui­sce una nuova moda­lità di nar­ra­zione, di rac­con­tare la cro­naca quo­ti­diana. Uti­lizza la mul­ti­me­dia­lità della Rete for­nen­dola di una “let­tura arti­stica” della nostra quo­ti­dia­nità vista con gli occhi del let­tore, delle persone.

E’ anche un modo per creare enga­ge­ment, coin­vol­gi­mento online e, al tempo stesso, pre­si­diare sul ter­ri­to­rio di rife­ri­mento del quo­ti­diano un rap­porto diretto, un aspetto troppo a lungo tra­scu­rato nella rela­zione con i lettori.

Ini­zia­tiva deci­sa­mente fuori dal comune che mi [pre]occuperò di moni­to­rare nel tempo per veri­fi­carne il livello di ade­sione da parte delle persone.

Tweet about this on Twitter0Share on Facebook0Share on Google+8Share on LinkedIn0Email this to someonePrint this page