infografica

Trend Occupazione Editoria
Pubblicato il 3 marzo 2015 by Pier Luca Santoro

Trend Occupazione Editoria 2004 — 2014

Sem­pre dall’inter­vento del Prof. Ales­san­dro Nova dell’Università Boc­coni durante il con­ve­gno “Senza let­tura non c’è cre­scita. Quo­ti­diani, perio­dici e libri come leva per lo svi­luppo del Paese”, al quale è già stato dedi­cato spa­zio la scorsa set­ti­mana, i dati sul trend dell’occupazione nell’editoria nell’ultimo decennio.

Com­ples­si­va­mente la per­dita occu­pa­zio­nale è di circa 58mila posti di lavoro [ai quali andreb­bero som­mati quelli rela­tivi alle oltre 10mila edi­cole che nel pari periodo hanno chiuso i bat­tenti] pari ad una ridu­zione del 20.6%.

I seg­menti mag­gior­mente col­piti, anche in ter­mini di per­dita di posti di lavoro [*], sono quelli dell’editoria quo­ti­diana che passa da 13751 a 9744 per­sone impie­gate [-30%] e dell’editoria spe­cia­liz­zata in cui il calo è di oltre il 50%. L’editoria libra­ria, di cui si parla tanto in que­sti giorni, è quella che pare essere in minor sof­fe­renza rispetto agli altri con una ridu­zione occu­pa­zione del 4.3%, men­tre è l’industria della stampa, car­to­tec­nica e tra­sfor­ma­zione a pagare il prezzo mag­giore della crisi con 40mila per­sone impie­gate in meno.

Fin­ché non si trova il ban­dolo della matassa per quanto riguarda i ricavi, il taglio dei costi, pur essendo dolo­ro­sa­mente ope­ra­zione neces­sa­ria, non è di per se stesso suf­fi­ciente a garan­tire la soste­ni­bi­lità eco­no­mica delle imprese del set­tore, come emer­geva dal rap­porto della FIEG: “La Stampa in Ita­lia 2011–2013″.

L’infografica sot­to­stante for­ni­sce il det­ta­glio per anno e per seg­mento [per visua­liz­zare i dati pas­sare il mouse sul grafico]

[*] Il dato dell’editoria non spe­cia­liz­zata è rela­tivo ai soli gior­na­li­sti e non con­tem­pla gli addetti grafici.

Fatturato Editoria
Pubblicato il 27 febbraio 2015 by Pier Luca Santoro

I Media in Italia in 4 Grafici

Si è tenuto ieri “Senza let­tura non c’è cre­scita. Quo­ti­diani, perio­dici e libri come leva per lo svi­luppo del Paese”, appun­ta­mento annuale per fare il punto sulla filiera della carta pro­mosso dalle otto asso­cia­zioni che la costi­tui­scono: Aci­mga, Aie, Anes, Argi, Asig, Asso­carta, Asso­gra­fici e Fieg.

Gli inter­venti del Prof. Ales­san­dro Nova dell’Università Boc­coni e di Giu­seppe Roma del Cen­sis fanno un’analisi macro dell’intera filiera e con­ten­gono alcuni dati spe­ci­fi­ca­ta­mente rife­riti all’industria dell’informazione che vale la pena di ripren­dere poi­ché a colpo d’occhio con­sen­tono di foto­gra­fare il pano­rama attuale.

1) Il Fat­tu­rato dell’Editoria 2004–2014

2) Con­sumi in libri e gior­nali / con­sumi totali delle famiglie

Consumi in libri e giornali

3) Le distanze tra gio­vani e anziani nel con­sumo mediatico

Le distanze tra giovani e anziani

4) L’evoluzione del con­sumo dei media

L’evoluzione del consumo dei media

Come solu­zione arriva la pro­po­sta del “bonus let­tura”, un buono spesa che con­sen­ti­rebbe ai gio­vani di età com­presa tra i 18 e 25 anni di acqui­stare libri e abbo­na­menti a quo­ti­diani e perio­dici, pagando solo il 25% del prezzo [il restante 75% ver­rebbe pagato con il bonus fino ad un mas­simo del con­tri­buto pub­blico di 100 € a per­sona] per incen­ti­vare i gio­vani alla let­tura e al con­sumo di pro­dotti cul­tu­rali, ovvia­mente esclu­si­va­mente car­ta­cei. Siamo al deli­rio, non credo pos­sano esi­stere altri ter­mini per defi­nire l’ipotesi di lavoro.

Com­ment is free…

desi chart
Pubblicato il 26 febbraio 2015 by Pier Luca Santoro

Digital Economy & Society Index

Dopo la recente pub­bli­ca­zione da parte dell’Istat della set­tima edi­zione di “Noi Ita­lia. 100 sta­ti­sti­che per capire il Paese in cui viviamo”, che trac­cia un qua­dro impie­toso dello stato del “bel­paese” rela­ti­va­mente a media, inno­va­zione e for­ma­zione, la Com­mis­sione euro­pea ha rila­sciato un nuovo indice: DESI — Digi­tal Eco­nomy and Society Index — che clas­si­fica tutti i 28 Stati mem­bri dell’UE in base al loro ren­di­mento digitale.

DESI com­bina più di 30 indi­ca­tori e uti­lizza un sistema di pon­de­ra­zione per clas­si­fi­care cia­scun paese in base al suo ren­di­mento digi­tale. Per cal­co­lare il pun­teg­gio com­ples­sivo di uno Stato mem­bro ad ogni insieme e sot­toin­sieme di indi­ca­tori è stato dato un coef­fi­ciente di cor­re­zione spe­ci­fico da parte degli esperti della Com­mis­sione euro­pea. Con­net­ti­vità e com­pe­tenze digi­tali con­tri­bui­scono al 25% per il pun­teg­gio totale. L’integrazione della tec­no­lo­gia digi­tale rap­pre­senta il 20%, men­tre le atti­vità online [l’uso di Inter­net] e dei ser­vizi pub­blici digi­tali con­tri­bui­scono rispet­ti­va­mente per il 15%.

I dati sono per lo più a par­tire dal 2013 e il 2014, dun­que asso­lu­ta­mente attuali. Il gra­fico di sin­tesi sotto ripor­tato mostra la situa­zione per cia­scuna nazione. La posi­zione dell’Italia rispetto alla media della UE28 e rela­ti­va­mente agli altri Paesi.

desi chart

L’analfabetismo digi­tale del nostro Paese è, ahimè, evi­dente su tutti i fronti. Se, come scrive Luca De Biase, l’analfabetismo digi­tale va affron­tato più in nome della cul­tura che della tec­no­lo­gia, i dati [di]mostrano come l’ampiezza del pro­blema sia su tutti i fronti, dalla con­net­ti­vità, in ter­mini di dispo­ni­bi­lità e qua­lità della tec­no­lo­gia neces­sa­ria, al capi­tale umano, a livello di skill basici e avan­zati, pas­sando per i ser­vizi pub­blici digi­ta­liz­zati a livello di  eGo­vern­ment  ed  eHealth.

Su que­sto fronte anche l’utilizzo di Inter­net non può essere con­fi­nato alla sola frui­zione ma è neces­sa­rio affron­tarne tutti gli aspetti di comu­ni­ca­zione, intesa come uso di video chia­mate e social network/media, di tran­sa­zioni, dall’ eban­king all’ ecom­merce, senza dimen­ti­care il valore dei con­te­nuti sia di intrat­te­ni­mento, quali musica, video e gio­chi, che di news e con­te­nuti on demand. Area sulla quale la posi­zione del nostro Paese peg­giora ulte­rior­mente con sola­mente la Roma­nia ad essere in una con­di­zione peg­giore rispetto a quella dell’Italia.

Uso di Internet chart

I tre gra­fici sot­to­stanti evi­den­ziano il det­ta­glio per quanto riguarda le news, l’utilizzo dei social net­work da parte delle per­sone e l’uso dei social media da parte delle imprese. L’intero data­set è libe­ra­mente sca­ri­ca­bile per ulte­riori ela­bo­ra­zioni ed approfondimenti.

Indi­vi­duals who used the Inter­net to read online news sites, new­spa­pers or news magazines

News chart

Indi­vi­duals used the Inter­net to par­ti­ci­pate in social net­works [create user pro­file, post mes­sa­ges or other con­tri­bu­tions to face­book, twit­ter, etc.]

Social Network chart

Enter­pri­ses that use two or more types of social media

Social Media chart

Lettori Online
Pubblicato il 23 febbraio 2015 by Pier Luca Santoro

Il Belpaese in 7 Grafici

L’Istat ha pub­bli­cato la set­tima edi­zione di “Noi Ita­lia. 100 sta­ti­sti­che per capire il Paese in cui viviamo”, un qua­dro d’insieme dei diversi aspetti eco­no­mici, sociali, demo­gra­fici e ambien­tali del nostro Paese, della sua col­lo­ca­zione nel con­te­sto euro­peo e delle dif­fe­renze regio­nali che lo carat­te­riz­zano. Gli indi­ca­tori, rac­colti in 19 set­tori, spa­ziano dall’economia alla cul­tura, al mer­cato del lavoro, alle con­di­zioni eco­no­mi­che delle fami­glie, alla finanza pub­blica, all’ambiente, alle tec­no­lo­gie e all’innovazione.

Abbiamo rac­colto quelli più signi­fi­ca­tivi rela­ti­va­mente a media, inno­va­zione e for­ma­zione per foto­gra­fare quello che Chiap­pori già nel 1973 chia­mava il belpaese.

Let­tori di Quo­ti­dianiSca­rica i dati

Nel 2014 il 47.1% della popo­la­zione di 6 anni e più ha dichia­rato di leg­gere il gior­nale almeno una volta alla set­ti­mana. I let­tori assi­dui, coloro che leg­gono il gior­nale almeno cin­que giorni su sette, sono il 36.5 %. Coloro che dichia­rano di leg­gere un gior­nale almeno una volta alla set­ti­mana supe­rano abbon­dan­te­mente i let­tori di quo­ti­diani e rivi­ste online online come del resto già emer­geva dai dati Audipress.

Nella fascia d’età 18–24 anni si scende sotto il 40%, men­tre in tutte le classi d’età over 25, sino ai 74 anni, la per­cen­tuale supera la media nazio­nale con un picco del 58.5% per coloro tra 60 e 64 anni. Tutto il Sud Ita­lia ben al di sotto della media nazio­nale men­tre al nord si distin­gue, nega­ti­va­mente, il Veneto con il 33.7% della popo­la­zione che legge il gior­nale almeno cin­que giorni su sette.

Let­tori di Quo­ti­diani e Rivi­ste su Inter­netSca­rica i dati

Nel 2014, in Ita­lia, il 31% della popo­la­zione di 6 anni e più dichiara di leg­gere gior­nali, news o rivi­ste dal web negli ultimi 3 mesi, in calo rispetto al 2013 quando erano il 33.2%. Nella fascia d’età 18–24 anni le per­cen­tuali arri­vano a circa il 50% per rag­giun­gere il 51% nella fascia d’età 25–34 anni per poi invece calare sen­si­bil­mente. Secondo gli ultimi dati Audi­web, nel mese di dicem­bre 2014 erano online nel giorno medio il 68% dei 25-34enni [4,7 milioni], il 65% dei 18-24enni [2,7 milioni], e il 56% dei 35-54enni.

Il con­fronto inter­na­zio­nale, che fa rife­ri­mento alla fascia di età 16–74 anni nel 2013, mostra come l’Italia sia, ancora una volta, nella parte bassa della classifica.

Let­tori di Libri Online o e-bookSca­rica i dati

Se meno di un terzo della popo­la­zione dichiara di leg­gere gior­nali e/o rivi­ste online, il let­tori di libri online o e-book sono dav­vero “merce rara”. Solo l’8.7% della popo­la­zione di 6 anni e più usa inter­net per leg­gere o sca­ri­care libri online o e-book. I mag­giori frui­tori del libro elet­tro­nico sono i gio­vani di 18–24 anni [oltre il 18%]. Rispetto al 2013 la ten­denza è nega­tiva, nono­stante il cre­scere dell’offerta, con una lieve fles­sione dei let­tori che erano dal 9.1% dodici mesi prima.

Let­tori di LibriSca­rica i dati

Nel 2014 solo il 41.4% della popo­la­zione di 6 anni e più dichiara di aver letto almeno un libro nel tempo libero nell’arco di dodici mesi, per­cen­tuale che crolla al 14.3% per i let­tori forti, assi­dui, per coloro che affer­mano di averne letti minimo 12. Com­ples­si­va­mente il numero dei let­tori di libri con­ti­nua a dimi­nuire, scen­dendo dal 43% del 2013. In calo anche i gio­vani con coloro tra i 20–24 anni che pas­sano dal 57.2 a 53.5%.

La pro­pen­sione alla let­tura è molto dif­fe­rente per donne e uomini. Lo scarto, a favore delle prime, è di oltre 13 punti per­cen­tuali: le let­trici sono il 48%, i let­tori il 34.5%. Sulle soglie dell’analfabetismo le per­cen­tuali di let­tori di libri nel Mezzogiorno.

Utenti di Inter­netSca­rica i dati

In Ita­lia il 57.3% della popo­la­zione di 6 anni e più uti­lizza la Rete, ma è poco più di un terzo [36.9%] a farlo quo­ti­dia­na­mente. Anal­fa­beti digi­tali già foto­gra­fati dal rap­porto del Cen­sis del dicem­bre 2014 per quanto riguarda l’utilizzo del PC.

Migliora, ma non in maniera con­si­stente, il pano­rama per quanto riguarda i gio­vani tra i 15 e i 24 anni che si con­net­tono ad Inter­net, più della metà lo fa tutti i giorni. Il con­fronto inter­na­zio­nale con le altre nazioni dell’UE28 è impietoso.

Appren­di­mento Per­ma­nenteSca­rica i dati

La for­ma­zione post expe­rience, nel corso dell’attività lavo­ra­tiva, è pre­sup­po­sto di base per man­te­nere aggior­nate le pro­prie cono­scenze e com­pe­tenze rima­nendo com­pe­ti­tivi sul mer­cato del lavoro come indi­vi­dui e restando com­ples­si­va­mente com­pe­ti­tivi come sistema Paese rispetto alle altre nazioni.

Se già emer­geva un gap signi­fi­ca­tivo con le altre nazioni della UE28 in spe­ci­fico rife­ri­mento alle com­pe­tenze digi­tali, anche più in gene­rale la situa­zione non migliora, anzi.

In Ita­lia l’indicatore assume un valore infe­riore a quello medio Ue28: un valore pari al 14.6% per chi è in pos­sesso di un titolo di stu­dio uni­ver­si­ta­rio [18.6% media Ue], un valore pari al 7,5 per cento per chi ha un titolo secon­da­rio supe­riore [8.7% media Ue], per crol­lare all’1.6% per chi ha al più un livello di istru­zione secon­da­rio infe­riore [4.4% media Ue].

Spesa Pub­blica per l’Istruzione e la For­ma­zioneSca­rica i dati

Nel 2012 per l’Italia il valore dell’indicatore [4.2% del Pil] è infe­riore rispetto al valore medio dell’UE28 [5,3 per cento] ed a tutte le altre nazioni tranne Gre­cia, Slo­vac­chia, Bul­ga­ria e Romania.

La spesa in istru­zione e for­ma­zione, misu­rata in rap­porto al pro­dotto interno lordo, rap­pre­senta uno degli indi­ca­tori chiave per valu­tare le policy attuate in mate­ria di cre­scita e valo­riz­za­zione del capi­tale umano. I dati par­lano da soli…

Organic Reach Facebook
Pubblicato il 20 febbraio 2015 by Pier Luca Santoro

Contrordine, Le Foto su Facebook NON Funzionano

L’algoritmo di Face­book, in evo­lu­zione  costante per ser­vire al meglio gli inte­ressi delle per­sone iscritte al social più popo­loso del pia­neta [e gli inte­ressi eco­no­mici di Zuck and friends, eh!], è al cen­tro del dibat­tito da tempo per la ridu­zione della reach, della por­tata orga­nica — non a paga­mento — della pro­pria fan base.

Lo stra­ta­gemma mag­gior­mente uti­liz­zato per cer­care di aumen­tare il numero di per­sone rag­giunte dai pro­pri con­te­nuti è d tempo quello di postare delle foto, delle imma­gini. Pare che adesso, in seguito alla “guerra” dichia­rata da Face­book al “click bai­ting” e la grande atten­zione ai video, la musica sia cambiata.

Secondo la desk research pub­bli­cata da Social­ba­kers infatti le foto con­ti­nuano ad essere il con­te­nuto più postato dai brand su Face­book ma la loro effi­ca­cia pare essere deci­sa­mente ridotta. Dall’ana­lisi su 670mila post di oltre 4mila fan page di altret­tanti brand, con­dotta tra ini­zio otto­bre 2014 e feb­braio di quest’anno, i post con delle imma­gini risul­tano essere quelli con la minor reach organica.

Organic Reach Facebook

Aspetto che pare ulte­rior­mente accen­tuarsi per le pagine azien­dali con un numero supe­riore ai 100mila fan.

socialbakers-organic-big

Se cer­ta­mente si tratta di un’indicazione ope­ra­tiva inte­res­sante, che in rife­ri­mento spe­ci­fico alle pagine dei prin­ci­pali quo­ti­diani ha comun­que un impatto mode­sto poi­ché la por­tata di que­ste è garan­tita dall’ampiezza di like, com­menti e con­di­vi­sioni nella mia espe­rienza, vi è anche un altro aspetto che è oppor­tuno sottolineare.

Se si esclu­dono le pagine di imprese/brand di grandi dimen­sioni nella stra­grande mag­gio­ranza dei casi l’attenzione alla crea­zione dei con­te­nuti, ed il rela­tivo inve­sti­mento, e scarsa, sia in ter­mini di lin­guag­gio adat­tato al pro­prio pub­blico di rife­ri­mento che a livello di crea­ti­vità, pro­prio a comin­ciare dalle foto.

Lo riba­di­sco, il pro­blema di Face­book, e degli altri social, non è l’algoritmo. Il pro­blema è che nel social media mar­ke­ting la parola chiave che fa la dif­fe­renza è il ter­mine marketing.

Organic-Reach-Fan-Viral-Content-Local-Business

Older Posts