infografica

Repubblica Paywall
Posted on 19 maggio 2015 by Pier Luca Santoro, Lelio Simi

Il Metered Paywall de la Repubblica

Il gruppo Espresso — Repub­blica si appre­ste­rebbe ad imple­men­tare il mete­red pay­wall per la coraz­zata digi­tale della media com­pany: Repubblica.it.

Secondo quanto ripor­tato nella pre­sen­ta­zione dei risul­tati e delle stra­te­gie del gruppo, nel 2015 Repubblica.it ren­de­rebbe dispo­ni­bili online il 100% dei con­te­nuti pub­bli­cati nella ver­sione car­ta­cea con­tro l’attuale 10% pro­teg­gendo que­sti con­te­nuti die­tro un “soft mete­red pay­wall” che con­sen­ti­rebbe la let­tura di 20 arti­coli al mese pas­sati i quali scat­te­rebbe il pagamento.

Repubblica Paywall

La ricerca di una moda­lità per valo­riz­zare, per mone­tiz­zare al di là della rac­colta pub­bli­ci­ta­ria, è ovvia­mente una costante per tutti gli edi­tori. Circa l’ipotesi di adot­tare un un “soft mete­red pay­wall” per Repubblica.it tre con­si­de­ra­zioni in estrema sintesi:

  1. Anche testate che adot­tano un “hard pay­wall”, un pay­wall che pro­tegge tutti i con­te­nuti pre­senti online, o un mete­red pay­wall con soglie molto basse, con un numero di arti­coli gra­tuiti estre­ma­mente ridotto, come nel caso del Finan­cial Times, la per­mea­bi­lità è comun­que garan­tita a chi arriva da social e da search per scon­giu­rare un’eccessiva fles­sione degli accessi e dun­que della rac­colta pub­bli­ci­ta­ria. Sap­piamo inol­tre che per gli utenti con un minimo di exper­tise nell’utilizzo della Rete non è dif­fi­cile aggi­rare i mete­red pay­wall, ad esem­pio disa­bi­li­tando i cookies.
  2. Anche Corriere.it, l’altro prin­ci­pale quo­ti­diano online del nostro Paese, da tempo aveva annun­ciato a più riprese che sarebbe andato a paga­mento nel 2015, cosa che sin ora non è avve­nuta. Anche la Stampa, poco più di un anno fa, ha lan­ciato Pre­mium, offerta per fruire online, a paga­mento, dei con­te­nuti inte­grali del gior­nale car­ta­ceo. Dalle infor­ma­zioni dispo­ni­bili non pare che l’iniziativa abbia otte­nuto successo.
  3. A livello inter­na­zio­nale, come emerge dai dati pub­bli­cati in que­sti giorni dalla Inter­na­tio­nal News Media Asso­cia­tion, l’enfasi sui pay­wall sta sce­mando per con­cen­trarsi su altri pos­si­bili fonti di ricavo.

Pro­varci è dove­roso ma le pos­si­bi­lità di suc­cesso sono di fatto estre­ma­mente ridotte come mostra con chia­rezza il gra­fico sot­to­stante che evi­den­zia quanto ridotti siano ancora oggi i ricavi del digitale/online sia per quanto riguarda l’advertising che ancor più, se pos­si­bile, per il paga­mento dei con­te­nuti. Ci sarà un per­ché, immagino…

Repubblica Digital Vs Online

 

Media Companies Priorities
Posted on 19 maggio 2015 by Pier Luca Santoro, Andrea Spinosi Picotti, Lelio Simi

Post-it

Le noti­zie su media e comu­ni­ca­zione che, secondo noi, non potete perdervi.

  • Ham­bur­ger foto­ge­nici — Quale impatto Insta­gram sta avendo nella “vita” e con­se­guen­te­mente nel busi­ness delle aziende
  • Chiu­dere i siti web per la con­di­vi­sione dei file NON serve a com­bat­tere la pira­te­ria — Lo dice uno stu­dio della Com­mis­sione Europea
  • Digi­tal media plan­ner - Area Media­Web, Inter­net Com­pany appar­te­nente al Gruppo Bipielle [ex Banca Popo­lare Ita­liana oggi Gruppo Banco Popo­lare] cerca un digi­tal media planner
  • Con­tro il dogma digi­tale — Aumen­tano le cri­ti­che verso “l’utopismo cibernetico”
  • Data­Har­vest 2015 — Le Monde pub­blica un’interessante ras­se­gna dei pro­getti di data­jour­na­lism pre­sen­tati a Data­Har­vest 2015
  • Life smart­phone - Quanto tempo pas­siamo davanti a uno schermo del tele­fono e come que­sto gesto ha cam­biato le nostre gior­nate. Video.
  • Il Finan­cial Times lan­cia la ven­dita degli ads “a tempo” - È, final­mente, la fine delle impres­sion. Il Finan­cial Times passa dal CPM al CPH [cost per hour].

Altre noti­zie e segna­la­zioni su media e comu­ni­ca­zione nella nostra pagina Face­book e, ovvia­mente, su Twit­ter. Buona lettura.

Media Companies Priorities

 

Ricavi RCS
Posted on 14 maggio 2015 by Lelio Simi, Pier Luca Santoro

Tutto Quello che Avreste Voluto Sapere su RCS

E’ pas­sata poco più di una set­ti­mana dal discorso di inse­dia­mento del nuovo Diret­tore del Cor­riere della Sera. Discorso nel quale i rife­ri­menti al digi­tale, all’importanza di una “pre­senza orga­niz­zata e non casuale su tutti i social net­work” ed alla neces­sità di una rior­ga­niz­za­zione del lavoro che que­sto com­porta sono accom­pa­gnati da una sana dose di rea­li­smo sulla rile­vanza che con­ti­nua ad avere il gior­nale nella sua ver­sione car­ta­cea come [di]mostra la word cloud che abbiamo rea­liz­zato.

Word Cloud Fontana

Dopo l’inqua­dra­mento gene­rale effet­tuato in occa­sione del Festi­val Inter­na­zio­nale del Gior­na­li­smo, ini­ziamo oggi, par­tendo pro­prio da RCS Media­Group, un appro­fon­di­mento dedi­cato a cia­scuno dei prin­ci­pali player dell’editoria nostrana.

Il primo gra­fico illu­stra lo sto­rico dei ricavi con­so­li­dati dal 2002 al 2014 il cui anda­mento risulta evi­dente la discesa dei fat­tu­rati che hanno però cono­sciuto, nel periodo preso in con­si­de­ra­zione, una cre­scita più o meno costante fino al 2007. Poi una lunga discesa che ha por­tato nel 2009 i ricavi ai livelli di sette anni prima e nel 2012 a scen­dere sotto quota 2 miliardi di euro. Nel com­plesso la fles­sione, dal valore mas­simo rag­giunto dai ricavi nel 2007 alla fine del 2014, è di 1.459 milioni di euro.

Una fles­sione che, come per tutti i gruppi edi­to­riali, è gui­data dall’inarrestabile declino del car­ta­ceo ma che per il momento in RCS non cor­ri­sponde una ade­guata cre­scita del digi­tale [certo, il gruppo in Ita­lia è deci­sa­mente in buona com­pa­gnia su que­sto aspetto]. Sep­pure il con­tri­buto del digi­tale ai ricavi totali del gruppo dal 2010 al 2014 è pra­ti­ca­mente tri­pli­cato – dal 4,6% al 12,6% – la cre­scita del “peso” del digi­tale sui ricavi totali sem­bra oggi in fre­nata: nel 2012 i ricavi digi­tali rap­pre­sen­ta­vano il 9% del totale del fat­tu­rato del gruppo, nel 2013 sono pari all’11% e, come detto, nel 2014 il 12,6%. Una cre­scita sì ma non di quanto pro­ba­bil­mente ci si dovrebbe aspet­tare tenendo conto che la per­cen­tuale è cal­co­lata su ricavi totali che sono, come sap­piamo, in calo. L’obiettivo del 21% dato nel piano di svi­luppo per il 2015 non sem­bra faci­lemtne rag­giun­gi­bile. In asso­luto le reve­nue da digi­tale del 2014 rispetto all’anno pre­ce­dente regi­strano secondo i nostri cal­coli un + 9,7%.

[Nota: il valore dei ricavi da digi­tale è dato come somma delle diverse aree del gruppo non è scor­po­rato dalle altre voci come ad esem­pio ricavi pub­bli­ci­tari e ricavi dif­fu­sio­nali, quindi non è som­ma­bile a que­sti per otte­nere il totale dei ricavi consolidati]

I numeri dei bilanci di Rcs dicono inol­tre che la fles­sione dei ricavi ha soprat­tutto un “col­pe­vole”: il dra­stico calo dei ricavi dif­fu­sio­nali. Negli ultimi cin­que eser­cizi – dal 2010 al 2014 – a pesare per quasi il 60% [il 57% per la pre­ci­sione] sulla fles­sione di 975,9 milioni di euro dei ricavi totali è il –558,6 milioni regi­strato dai ricavi dif­fu­sio­nali. Un peso deci­sa­mente mag­giore di quello rela­tivo alla crisi della pub­bli­cità i cui effetti in Rcs [una fles­sione di 268,4 milioni nel mede­simo periodo] ha pesato sul calo del fat­tu­rato “solo” per il 28%. La pub­bli­cità tra l’altro nel 2014 regi­stra un +3,2% rispetto all’anno pre­ce­dente, ed è la prima volta dopo anni di segno meno.

In Rcs – come in tutti i gruppi edi­to­riali di que­sto mondo – si è anche molto tagliato sui costi. Quanto? Pren­dendo come rife­ri­mento ancora gli ultimi cin­que eser­cizi il costo del lavoro è dimi­nuito di 127,5 milioni di euro, i costi ope­ra­tivi di 674,6 milioni. Rispet­ti­va­mente un taglio del 28,1% e del 43,1%. In un gra­fico ci è sem­brato inte­res­sante met­tere a con­fronto nel periodo 2014–2010 i tagli dei costi e le fles­sioni dei prin­ci­pali voci di ricavo.

Nel piano per lo svi­luppo 2013–2015, un docu­mento par­ti­co­lar­mente impor­tante per il futuro del gruppo, ven­gono fatte delle pre­vi­sioni e posti obiet­tivi per il suo rilan­cio: ci è sem­brato inte­res­sante met­terli a con­fronto con i risul­tati del 2014 per vedere lo “stato di avan­za­mento” su que­gli obiet­tivi stra­te­gici che in Rcs si sono posti per la fine del pros­simo anno.

Se per quanto riguarda l’incidenza dei ricavi dal digi­tale, sti­mata al 15% a fine 2015, la nostra ela­bo­ra­zione [vedi info­gra­fica sot­to­stante] mostra un trend abba­stanza in linea con le aspet­ta­tive in ter­mini di inci­denza sul totale, sono però gli inve­sti­menti fatti che non hanno por­tato il red­dito atteso.

[Nota meto­do­lo­gica: i valori delle sin­gole voci, dove non spe­ci­fi­cato, sono quelli pun­tuali indi­cati anno per anno nei rela­tivi bilanci e non quelli ride­ter­mi­nati su base omo­ge­nea o riclas­si­fi­cati nei bilanci suc­ces­sivi (per essere più chiari: ad esem­pio, la voce ricavi del 2012 è quella indi­cata nel bilan­cio 2012 non quella ride­ter­mi­nata suvc­ces­si­va­mente nel bilan­cio 2013)].

Investimenti Adv Radio
Posted on 11 maggio 2015 by Pier Luca Santoro, Stefano Chiarazzo

Tutto Quello che Volevate Sapere sulla Radio

Inda­gine Radio­com­pass. Aziende ita­liane, tor­nate ad inve­stire in pub­bli­cità radiofonica

Set­ti­mana scorsa sono stati pre­sen­tati i dati della ricerca Radio­com­pass 2015, pro­mossa da Mind­share e FCP-Assoradio con la col­la­bo­ra­zione di GFK e delle con­ces­sio­na­rie radio Gruppo Finelco, A.Manzoni & C., Media­mond, Open­space Pub­bli­cità, Rai Pub­bli­cità, Rds Adver­ti­sing, System 24.

La Con­trad­di­zione — I fon­da­men­tali delle radio sono buoni. Il trend posi­tivo dall’11,3% del 2012 all’attuale 11,8% dell’ascolto nel quarto d’ora medio, dato su cui si basano prin­ci­pal­mente le pia­ni­fi­ca­zioni pub­bli­ci­ta­rie; la reach % oggi supe­riore a TV e inter­net sul tar­get 18–34 e con un testa a testa con la TV su 35–44.

Reach Radio

Nono­stante que­sto, e nono­stante in ter­mini di ore set­ti­ma­nali fruite siamo in linea con i prin­ci­pali Paesi euro­pei, la radio è fana­lino di coda per inve­sti­menti ADV sia in ter­mini asso­luti che di inve­sti­menti pro-capite e di rap­porto inve­sti­menti ADV/tempo speso sul mezzo. Pri­mato nega­tivo gui­dato ad una quota della radio nel media mix sceso dal 6,6% del 2007 al 5,6% del 2015.

Investimenti Adv Radio

Investimenti Adv & Tempo

Il Poten­ziale per gli Inve­sti­tori – Il con­fronto tra i mezzi a livello nazio­nale e lo sce­na­rio inter­na­zio­nale sve­lano oppor­tu­nità con­crete per gli inve­sti­tori legate ad un uti­lizzo intel­li­gente della radio. Ad esem­pio divi­dendo la popo­la­zione ita­liana 25–64 anni in ter­zili emerge come i Light Tv Viewers — il terzo che guarda meno la tele­vi­sione — tra­scorra 1 ora e 21minuti davanti al video men­tre il terzo che la guarda di più addi­rit­tura 7h 29minuti.

Light Viewers

Light Viewers Profilo

Ovvia­mente sui Light TV Viewers la TV ha una bassa effi­ca­cia: anche ad alte soglie di pres­sione pub­bli­ci­ta­ria la coper­tura fatica a rag­giun­gere livelli sod­di­sfa­centi. In casi come que­sti la com­ple­men­ta­rietà con la TV e con il web farebbe della radio un media sul quale tor­nare ad investire.

Radio Vs TV

Chi naviga su inter­net tutti i giorni, in par­ti­co­lare, sem­bra mostrare una spic­cata pro­pen­sione ad abbi­nare la frui­zione del mezzo radio [52,3%].

Radio Offline

Radio & Web

Le rile­va­zioni GFK Euri­sko appli­cati a casi con­creti dimo­strano come un media mix allar­gato a radio e web, mezzi mag­gior­mente fruiti dai Light TV Viewers, abbia un mag­giore impatto sia in ter­mini di aware­ness che di ven­dite, soprat­tutto nei mer­cati direct (es. siti web delle aziende).

Dopo i primi buoni segnali del 2014 que­ste evi­denze aiu­te­ranno il com­parto radio­fo­nico a con­fer­mare o addi­rit­tura miglio­rare il +6,4% nella rac­colta pub­bli­ci­ta­ria regi­strati nei primi tre mesi del 2015?

Offerta Vs Domanda Informazione
Posted on 7 maggio 2015 by Pier Luca Santoro

Meno Gattini, Più Tecnologia

Con­ti­nuiamo ad appro­fon­dire, come pro­messo, aspetti spe­ci­fici emer­genti dal rap­porto AGCOM su “Infor­ma­zione e Inter­net in Ita­lia. Modelli di busi­ness, con­sumi, professioni”.

In un sistema che tende allo spac­chet­ta­mento e alla disin­ter­me­dia­zione l’interesse dei let­tori per i vari argo­menti diventa ancor più cruciale.

Dai risul­tati dell’indagine emerge come l’attuale pro­po­sta infor­ma­tiva appare ade­guata nell’offerta di con­te­nuti tra­di­zio­nali, quali eco­no­mia, arte e poli­tica, men­tre su argo­menti di nuovo inte­resse, come tec­no­lo­gia e salute, l’attuale offerta risulta impre­pa­rata, ina­de­guata rispetto alla richiesta.

In par­ti­co­lare si evi­den­zia come nell’area dell’intrattenimento, quella della terza colonna dei “boxini mor­bosi” di mol­tis­sime testate, via sia un eccesso di offerta [ce ne era­vamo accorti anche “a naso”] rispetto all’effettiva domanda, all’effettivo inte­resse per que­sta tipologia.

Meno gat­tini [o peg­gio], più tec­no­lo­gia. Grazie!

Offerta Vs Domanda Informazione

Older Posts
Vai alla barra degli strumenti