Posted on 19 novembre 2013 by

Social Media Marketing “De Noantri”

Tweet about this on Twitter0Share on Facebook0Share on Google+16Share on LinkedIn0Email this to someonePrint this page

Dopo che il mese scorso è stato pub­bli­cato il con­tent mar­ke­ting de noar­tri è oggi la volta del social media mar­ke­ting de noar­tri [chissà mai che diventi una rubrica fissa con cadenza mensile].

Lo spunto viene dalla pagina Face­book del quo­ti­diano del Nor­dest «Il Gaz­zet­tino» [*]  che, come riporta anche la clas­si­fica men­sile rea­liz­zata da Blog­me­ter, sta sca­lando la clas­si­fica dell’engagement in casa Zuc­ker­berg e al momento della reda­zione di que­sto arti­colo ha un PTAT — per­sone che ne stanno par­lando —  del 35.8%.

Molto bene dun­que par­rebbe. E invece, a mio avviso, asso­lu­ta­mente no.

Per fare que­sto “risul­tato” sulla pagina Face­book del quo­ti­diano in que­stione da qual­che mese ven­gono cari­cati con­te­nuti che nulla hanno a che vedere con l’identità del gior­nale. Ad esem­pio uno dei post con il mag­gior numero di con­di­vi­sioni, altro para­me­tro di enga­ge­ment, di ieri è que­sto sottoriportato.

Gazzettino

La pagina Face­book viene ali­men­tata con una fre­quenza dav­vero ele­vata ed i con­te­nuti quali quello sopra ripor­tato come con­creta esem­pli­fi­ca­zione si spre­cano. Cosa che invece non avviene su Twit­ter dove invece il quo­ti­diano man­tiene mag­gior rigore e identità.

Si tratta della più amara delle evi­denze della sopraf­fa­zione dell’infor­ma­zione spet­ta­colo sulla qua­lità gior­na­li­stica, dell’effetto audi­tel [adat­tato alla realtà nostrana] det­tato dalla rin­corsa, tanto spa­smo­dica quanto scom­po­sta, al recu­pero delle reve­nues inse­guendo le pagine viste ad ogni costo anche a quello di sna­tu­rare l’identità, e dun­que il valore del brand, della testata.

Ma fun­ziona almeno? Dalla mia ana­lisi par­rebbe di no.

La sto­ria che ottiene il mas­simo tasso di enga­ge­ment nell’ultima set­ti­mana, tra quelle con ele­menti mul­ti­me­diali [foto e video], con 1565 “mi piace”, è rela­tiva ad una sto­ria d’amore tra due anziani di Tre­viso, del ter­ri­to­rio nel quale il quo­ti­diano è sto­ri­ca­mente radicato.

Anche a livello di click non sem­bra che que­sto tipo di poli­tica di infor­ma­zione spet­ta­colo su Face­book paghi come mostra il gra­fico degli out­bound posts, con­fer­mando come i like non siano voti nè pro­pen­sione all’acquisto.

Il social media mar­ke­ting de noar­tri serve solo a svac­care, a intac­care peri­co­lo­sa­mente la repu­ta­zione del brand della testata. Sapevatelo!

Gazzettino Outbound

[*] Il caso de «Il Gaz­zet­tino» è stato preso solo come esem­pio di pra­ti­che tanto dif­fuse quanto inopportune.

Tweet about this on Twitter0Share on Facebook0Share on Google+16Share on LinkedIn0Email this to someonePrint this page