Posted on 3 aprile 2014 by

Il Suicidio del Gazzettino

Tweet about this on Twitter35Share on Facebook83Share on Google+4Share on LinkedIn3Email this to someonePrint this page

«Il Gaz­zet­tino», Gruppo Cal­ta­gi­rone, con poco meno di 70mila copie ven­dute, è il prin­ci­pale quo­ti­diano del Nord-Est.

Il gior­nale, nella sua ver­sione digi­tale ed “appen­dici social”, da qual­che tempo si sta distin­guendo in nega­tivo. Dopo il social media mar­ke­ting de noar­tri, di cui avevo scritto verso la fine dell’anno scorso, ieri riporta la noti­zia del sui­ci­dio di una bari­sta di un paese in pro­vin­cia di Por­de­none bal­zata agli onori delle cro­na­che — sigh! — per il suo abbi­glia­mento “provocante”.

Il gior­nale titola: “Si è uccisa Micole, la sexy bari­sta di Fon­ta­na­fredda: aveva 39 anni”, segue un pezzo di 438 carat­teri cor­re­dato di foto­gal­lery con pose ammic­canti della morta. Disgustoso!

Par­lare di “sexy bari­sta” din­nanzi ad un sui­ci­dio è la forma più sgra­de­vole e becera che il gior­na­li­smo possa pre­sen­tare. Click whore di infimo livello, che a giu­di­care dal numero di con­di­vi­sioni oltre­tutto non funziona.

La noti­zia viene ripresa e pub­bli­cata anche sulla pagina Face­book del gior­nale dove viene messa in evi­denza una delle foto della gal­lery con la sui­cida  in bella mostra, si fa per dire, men­tre amplia lo spacco della gonna che indossa.

Post che ottiene sol­tanto com­menti nega­tivi sulla scelta e sola­mente 48 “like” men­tre il com­mento di una lettrice/fan: “Faceva la sexy barista.….se era un medico avreb­bero detto “medico si sui­cida…”. Non vi attac­cate alle for­ma­lità e al finto per­be­ni­smo.… É una povera ragazza che é morta.…dispiace anche se avesse scelto di fare la por­no­diva!” ottiene 55 “like” a con­ferma del non apprez­za­mento della scelta editoriale.

Il sui­ci­dio del Gazzettino.

Gazzettino

Tweet about this on Twitter35Share on Facebook83Share on Google+4Share on LinkedIn3Email this to someonePrint this page