Posted on 12 agosto 2013 by

Il Crollo dei Quotidiani Online [o di Audiweb?]

Tweet about this on Twitter0Share on Facebook0Share on Google+0Share on LinkedIn0Email this to someonePrint this page

E’ da parec­chio tempo che non ven­gono pub­bli­cati i dati Audi­web delle fonti di infor­ma­zione online all’interno di que­sto spa­zio. Il motivo nasce dalle per­ples­sità sulla par­zia­lità, e dun­que ine­vi­ta­bil­mente sull’inaffidabilità, dei dati.

Secondo la tabella sot­to­stante pub­bli­cata da «Ita­lia Oggi» il 9 ago­sto scorso, a parte raris­sime ecce­zioni il mese di giu­gno di quest’anno [ultimo dato dispo­ni­bile] avrebbe visto un calo, o addi­rit­tura un crollo in alcuni casi, degli accessi alle prin­ci­pali fonti d’informazione ita­liane. Repubblica.it cale­rebbe, il con­di­zio­nale è d’obbligo, del 16% rispetto al giu­gno 2012, Corriere.it addi­rit­tura del 21%, Il Sole24Ore di ben il 23%, La Stampa.it del del 13% ed il Fatto online sola­mente, si fa per dire, del 8%, per restare ai “top five”.

Buona parte della spie­ga­zione a que­sti dati risiede nella man­canza di rile­va­zione degli accessi da mobile, da tablet e smart­phone, da parte di Audi­web. Com­ples­si­va­mente dun­que i dati attual­mente se non inaf­fi­da­bili sono cer­ta­mente estre­ma­mente par­ziali, foto­gra­fia sfuo­cata di quello che è il pano­rama dell’informazione online nel nostro Paese e per tali vanno presi.

Una carenza che l’istituto di rile­va­zione si sta­rebbe impe­gnando a col­mare entro la fine dell’anno. In attesa di quel giorno gli inve­sti­tori pub­bli­ci­tari, i cen­tri media, ed ovvia­mente i respon­sa­bili delle testate online e chi ci lavora, restano senza un dato uffi­ciale valido e vali­dato. Amen.

- clicca per ingrandire -

- clicca per ingrandire -

Tweet about this on Twitter0Share on Facebook0Share on Google+0Share on LinkedIn0Email this to someonePrint this page