filtr

Pubblicato il 24 marzo 2010 by Pier Luca Santoro

Real Time Journalism

Da una costola di Muck Rack, aggre­ga­tore di cin­quet­tii di pro­fes­sio­nal del mondo dei media, nasce Muck Rack Sty­le­book: “A place to ask que­stions about how jour­na­lism works on the real-time web”.

La ver­sione beta è stata inau­gu­rata non più tardi di ieri ed i con­te­nuti sono ancora in una fase asso­lu­ta­mente embrionale.

Di estremo inte­resse mi appa­iono i cri­teri di par­te­ci­pa­zione che sono con­ce­piti su più livelli, par­tendo da quello base che con­sente di for­nire rispo­ste o effet­tuare domande in forma ano­nima, a livelli supe­riori di par­te­ci­pa­zione che, in seguito alla regi­stra­zione, con­sen­tono di accu­mu­lare pun­teggi e “repu­ta­zione”seguendo con­cet­tual­mente logi­che affini a quelle del peer-to-peer.

Sicu­ra­mente, quan­to­meno, da inse­rire tra i pre­fe­riti per tenere sott’occhio le evo­lu­zioni che, viste le pre­messe, non ci si può che augu­rare essere positive.

Ci ritrovo, infine, molte affi­nità con i con­cetti che pochi mesi fa hanno por­tato alla nascita di Filtr [che con­ti­nuo ad avere in mente e nel cuore].

Pubblicato il 5 gennaio 2010 by Pier Luca Santoro

Come I Media [Americani] Usano Twitter — Filtr

La recente pub­bli­ca­zione dei risul­tati della ricerca effet­tuata da Biving sull’utilizzo di Twit­ter da parte dei media tra­di­zio­nali Sta­tu­ni­tensi pare con­fer­mare la neces­sità di con­ti­nuare a con­fron­tarsi con nuovi mezzi e vec­chi pro­blemi.

Clic­cando sull’immagine con­ti­nue­rete la let­tura dell’articolo.

Si profila, dunque, complessivamente un panorama con livelli di interazione risibili e modalità di comunicazione prevalentemente promozionali. La strada per giornali e giornalismo 2.0 sembra davvero ancora lunga e tutta da percorrere.

Pubblicato il 20 dicembre 2009 by Pier Luca Santoro

Il Banchiere Inutile — Filtr

Un’ora di lavoro dell’addetto alle puli­zie crea dieci ster­line di pro­fitto con­tro una di sti­pen­dio men­tre il ban­chiere per ogni ster­lina gua­da­gnata ne cau­se­rebbe addi­rit­tura sette di per­dita alla comunità.

Clic­cando sull’immagine potrete, se d’interesse, pro­se­guire la lettura.

Pubblicato il 15 dicembre 2009 by Pier Luca Santoro

Esempi Di Convergenza Editoriale — Filtr

Dal mese di otto­bre in poi il maga­zine dome­ni­cale di quello che si defi­ni­sce el perio­dico glo­bal en español [il quo­ti­diano glo­bale in spa­gnolo] offre ai pro­pri let­tori la pos­si­bi­lità di rea­liz­zare le coper­tine del set­ti­ma­nale con foto e titoli personalizzati.

Clic­cando sull’immagine potrete, se d’interesse, pro­se­guire la lettura.

Pubblicato il 7 dicembre 2009 by Pier Luca Santoro

Dall’est Arrivano I Quotidiani Animati — Filtr

Sto­rie rac­con­tate come in video­gio­chi di qua­lità e assem­blate in poche ore.

Clic­cando sull’immagine è pos­si­bile, se d’interesse, pro­se­guire la lettura.

Pubblicato il 30 novembre 2009 by Pier Luca Santoro

Murdoch, Battuto Sul Tempo — Filtr

Alcuni quo­ti­diani locali inglesi ini­ziano a testare il “paywall”.

Clic­cando sull’immagine è pos­si­bile, se d’interesse, pro­se­guire la lettura.

Pubblicato il 24 novembre 2009 by Pier Luca Santoro

Guerra A Parole di Murdoch — Filtr

L’accordo con Micro­soft per far fuori Goo­gle. Tat­tica o strategia?

Clic­cando sull’immagine è pos­si­bile, se d’interesse, pro­se­guire la let­tura sulla “saga” che anima il mondo inter­na­zio­nale dell’editoria.

Pubblicato il 5 novembre 2009 by Pier Luca Santoro

Unmask Corruption — Filtr

Con­ti­nuando il discorso intra­preso qual­che giorno fa rela­ti­va­mente alla [ri]valutazione del fumetto come media non solo per intrat­te­nere ma anche per for­mare ed infor­mare, su Filtr parlo di comics poli­tico e di nuovi modi di fare gior­na­li­smo con par­ti­co­lare rife­ri­mento a due temi d’attualità: eva­sione fiscale e corruzione.

Clic­cando sull’immagine avrete la pos­si­bi­lità di leg­gerlo integralmente.

Unmask Corruption 4 Filtr

Pubblicato il 30 ottobre 2009 by Pier Luca Santoro

Media ed Innovazione

E’ appa­ren­te­mente para­dos­sale che in un periodo quale quello attuale, in cui gli spunti e le pos­si­bi­lità offerte al gior­na­li­smo non sono forse mai stati così nume­rosi, si fati­chi a tro­vare delle solu­zioni con­di­vise e con­di­vi­si­bili sul futuro dei media ed in par­ti­co­lare, per quanto di mio spe­ci­fico inte­resse, su quale sarà il destino della carta stam­pata. Emble­ma­tico di que­sta situa­zione di fre­ne­sia e nevrosi l’HuffPost di ieri che chiede ai suoi let­tori di votare per deter­mi­nare chi sia “The ulti­mate game chan­ger in media”.

Mi sem­bra asso­lu­ta­mente con­di­vi­si­bile rile­vare come la com­ples­sità del pro­blema e la rela­tiva solu­zione risie­dano fon­da­men­tal­mente sui modelli orga­niz­za­tivi ed indu­striali e nei risvolti poli­tici dell’editoria tra­di­zio­nale come ricorda al ter­mine di un’ inte­res­san­tis­simo arti­colo Alberto D’ Ottavi.

Una acce­le­ra­zione all’innovazione, almeno in ter­mini di faci­li­ta­tore stru­men­tale , potrebbe venire da Mana­ging News, la cui ultima ver­sione, aggior­nata al 21 otto­bre scorso, con­sente di creare con sem­pli­cità ed effi­ca­cia al tempo stesso aggre­ga­zioni e con­ver­sa­zioni. La Knight Foun­da­tion for­ni­sce più di cin­quanta esempi di come que­sta solu­zione, sca­ri­cata da oltre mille utenti nei primi cin­que giorni dal momento in cui è stata resa dispo­ni­bile, possa essere uti­liz­zata.

Anche nel nostro paese si smuo­vono le acque e nascono ini­zia­tive che sicu­ra­mente trac­ciano la linea dell’orizzonte. Tra tutte quelle neo­nate e nascenti, di par­ti­co­lare inte­resse, a mio avviso, quella pro­mossa dal duo Gra­nieriMai­strello che nelle inten­zioni va oltre la fun­zione di sem­plice aggre­ga­zione di con­te­nuti rivol­gen­dosi ad una fascia ampia di inter­nauti con l’obiettivo di for­nire loro ser­vi­zio in ter­mini di sele­zione e sem­pli­fi­ca­zione. Ini­zia­tiva alla quale spero di poter for­nire il mio con­tri­buto da giornalaio.

innovation

Vale la pena di ricor­darsi, infine, come è stato sot­to­li­neato da Luca De Biase, che nel mondo dell’innovazione c’è solo un difetto peg­giore che essere troppo in ritardo: essere troppo in anticipo.

L’innovazione non è una linea retta. Oscilla, rim­balza, sbanda e tra­balla” — John Nai­sbitt