Posted on 24 ottobre 2013 by

Content Marketing “De Noartri”

Tweet about this on Twitter0Share on Facebook0Share on Google+11Share on LinkedIn0Email this to someonePrint this page

Alti­me­ter ha pub­bli­cato recen­te­mente “The State of Social Busi­ness 2013: The Matu­ring of Social Media into Social Busi­ness”. La ricerca porta la firma di cele­brati esperti inter­na­zio­nali del cali­bro di Brian Solis e Char­lene Li.

Tra i diversi risul­tati emer­genti si sco­pre, o meglio viene con­fer­mato, che il con­tent mar­ke­ting è in cima alla lista delle prio­rità della comu­ni­ca­zione d’impresa per il 2013.

Una super­fi­ciale ricerca su Goo­gle, effet­tuata uti­liz­zando il nome dello stu­dio, for­ni­sce cen­ti­naia e cen­ti­naia di risul­tati di “blog­ger” che hanno scritto arti­coli e com­menti al riguardo. Lo stesso avviene su Twit­ter e gli altri social media, social network.

Sic­come è ormai noto che la pub­bli­ca­zione di uno stu­dio, di una ricerca sia uno dei modi migliori, e più dif­fusi, per far par­lare di se, mi sono abi­tuato da tempo a guar­dare prima dei risul­tati la meto­do­lo­gia così da poterne veri­fi­care atten­di­bi­lità ed effet­tivo valore [ed even­tual­mente par­larne in que­sti spazi].

Nel caso spe­ci­fico NON viene indi­cata la meto­do­lo­gia e la ricerca si basa su 65 casi. E’ chiaro dun­que che con un cam­pione tanto ridotto di aziende giun­gere a delle con­clu­sioni affi­da­bili è una chi­mera, ed è anche, a mio modo di vedere,  in asso­luto con­tra­sto con le policy dichiarate.

Il con­tent mar­ke­ting “de noartri”.

Content Mktg

PS: Pren­de­tela, se vi pare, come una — minima — lezione di fact checking.

Tweet about this on Twitter0Share on Facebook0Share on Google+11Share on LinkedIn0Email this to someonePrint this page