Posted on 17 febbraio 2014 by

Chi sono i giornalisti italiani più di successo su Twitter (e perché)? Aiutaci a raccogliere gli account

Tweet about this on Twitter159Share on Facebook214Share on Google+11Share on LinkedIn13Email this to someonePrint this page

Quello che segue è un primo espe­ri­mento per moni­to­rare i gior­na­li­sti ita­liani su Twit­ter — tutti, non solo le tweet stars — o per lo meno quelli più “twit­ter friendly”. Non ci inte­ressa fare clas­si­fi­che dei fol­lo­wer, ma capire chi è più inte­rat­tivo e dia­loga mag­gior­mente. La visua­liz­za­zione è di Gia­como Fusina di Human High­way (autore anche della visua­liz­za­zione dei pro­grammi tele­vi­sivi più twit­tati che puoi tro­vare qui) .

Comin­ce­remo ad occu­parci più nel det­ta­glio di que­sto tema, anche gra­zie all’aiuto di chi vorrà con­tri­buire. Anche tu puoi segna­lare un gior­na­li­sta da moni­to­rare sem­pli­ce­mente com­pi­lando que­sto form che trovi qui in basso.

Se invece vuoi vedere quali sono quelli moni­to­rati, puoi con­sul­tare il nostro elenco ini­ziale a que­sto link e puoi vedere diret­ta­mente quali sono le loro per­for­mance nella visua­liz­za­zione che segue. Nella visua­liz­za­zione sulla sini­stra hai l’elenco dei gior­na­li­sti che hanno la pene­tra­zione più alta sulle time­line degli utenti (reach), sulla destra un gra­fico a torta visua­lizza i totali. Clicca sul nome di un gior­na­li­sta sulla sini­stra, per vedere quali dei suoi tweet hanno più suc­cesso, osser­vando come si modi­fica il gra­fico a torta.

Update: Par­lan­done con gli altri data­me­dia­hub­bers Pier Luca San­toro e Lelio Simi, è emersa una cosa che lo stesso Lelio ha rapi­da­mente sin­te­tiz­zato. Lelio dice: “In effetti la domanda poteva essere diversa, ‘chi sono i gior­na­li­sti che interagiscono/dialogano di più su twit­ter?’, ‘quali con mag­gior enga­ge­ment?’ (…)” Il senso è: a noi non inte­ressa far pas­sare frain­ten­di­menti come “più fol­lo­wer = più suc­cesso”, ci inte­ressa invece chi dia­loga vera­mente e “non chi fa mono­lo­ghi ed ha tanti fol­lo­wer per feno­meni broa­d­cast”. Lo stesso Gia­como Fusina, autore della visua­liz­za­zione, aggiunge “Non c’entra nulla il numero di fol­lo­wer ma le men­zioni dell’account di un gior­na­li­sta che gli utenti twit­ter inse­ri­scono nei pro­pri tweet (e retweet)”.

Tweet about this on Twitter159Share on Facebook214Share on Google+11Share on LinkedIn13Email this to someonePrint this page