Posted on 18 marzo 2014 by

Società dell’Informazione: il Ritmo di Crescita delle Regioni in 10 anni | Mappa interattiva

Tweet about this on Twitter67Share on Facebook76Share on Google+11Share on LinkedIn16Email this to someonePrint this page

Abbiamo appena supe­rato i 25 anni dalla nascita, almeno quella con­si­de­rata uffi­ciale, di Inter­net. Nicola Bruno per l’occasione ha rea­liz­zato un’infografica che riper­corre in det­ta­glio gli effetti di quella che è stata, ed è, la più grande rivo­lu­zione di tutti i tempi per la comu­ni­ca­zione [intesa come “comu­ni­ca­zione tra gli indi­vi­dui”, come dice Tim Berners-Lee].

Inter­net signi­fica infra­strut­ture, tec­no­lo­gie, ed ovvia­mente  cul­tura digi­tale. Da que­sto punto di vista, come sono cam­biati i ter­ri­tori nei quali viviamo? E, soprat­tutto, con quale ritmo?

Per rispon­dere a que­sta domanda abbiamo preso gli indi­ca­tori Istat sulla società dell’informazione, con l’obiettivo di misu­rare que­sto ritmo di cre­scita regione per regione. Com’è cam­biata la dif­fu­sione di Inter­net, com’è cam­biato il suo uso nelle fami­glie, nelle aziende, nelle pub­bli­che ammi­ni­stra­zioni tra il 2003 e il 2013. Quali sono gli effetti con­creti di que­sta rivo­lu­zione in un ter­ri­to­rio, l’Italia, che ha sem­pre mostrato tutta una serie di grandi dispa­rità tra Nord e Sud.

Le mappe sotto ripor­tate mostrano  i ritmi di cre­scita della dif­fu­sione di inter­net attra­verso dei car­to­grammi che rap­pre­sen­tano le regioni ita­liane defor­mate e colo­rate [dall’azzurro al rosso] in base ai valori di rife­ri­mento. Le regioni del Sud sono quelle inte­res­sate da un ritmo di cre­scita ele­va­tis­simo per quanto riguarda tutti i para­me­tri ana­liz­zati, dal grado di dif­fu­sione di inter­net nelle fami­glie alla dif­fu­sione dei siti web per le imprese, pas­sando per il grado di uti­lizzo di Inter­net nelle imprese e la banda larga nelle ammi­ni­stra­zioni locali.

Resta forte però il diva­rio tra il sud ed il nord del Paese, spac­cato anche in que­sto caso ahi noi, con il Tren­tino Alto Adige che ha un grado di dif­fu­sione di Inter­net nelle fami­glie del 66.9% e la Cam­pa­nia fana­lino di coda al 51.2%. Dispa­rità che cre­sce ulte­rior­mente per quanto riguarda il mondo impren­di­to­riale con l’83% delle imprese del Tren­tino Alto Adige che hanno un sito web e, ultima la Cala­bria al 50.1%.

Col­pi­sce il dato su il grado di uti­lizzo di Inter­net nelle imprese che mostra tassi di cre­scita deci­sa­mente infe­riori agli altri para­me­tri ana­liz­zati e, soprat­tutto, ha indici di pene­tra­zione bas­sis­simi con il Lazio al 51.4%, seguito dal Pie­monte al 41.4%, e la Basi­li­cata, ultima, al 21.5%. Se il dato risente cer­ta­mente delle limi­ta­zioni spesso impo­ste nei luo­ghi di lavoro, resta un ele­mento di forte pre­oc­cu­pa­zione sulle pro­spet­tive di svi­luppo digi­tale del Paese.

Fonte dei dati e istru­zioni per la cor­retta inter­pre­ta­zione dei dati visua­liz­zati dalle mappe: La mappa dell’Italia è vista, e “defor­mata”, secondo gli “Indi­ca­tori ter­ri­to­riali per le poli­ti­che di svi­luppo — Società dell’informazione” dif­fusi da Istat nel 2014 [xls]. Le mappe visua­liz­zano le varia­zioni per­cen­tuali nel periodo 2003–2013 — aggior­nati al gen­naio 2014 — per cia­scun indi­ca­tore, ad esclu­sione dei dati rela­tivi all’utilizzo del PC nelle imprese per i quali ci si ferma al 2007.

Le super­fici delle regioni aumen­tano o dimi­nui­scono in base al ritmo di cre­scita di ogni indi­ca­tore. In azzurro i valori minimi, in rosso i valori mas­simi. Sele­ziona un indi­ca­tore dal menu a ten­dina per visua­liz­zare i rela­tivi dati sulla mappa. Muovi il mouse sulla mappa per visua­liz­zare i valori delle sin­gole regioni.

Il nostro, minimo, con­tri­buto all’agenda digitale.

Bonus track: qui i dati ela­bo­rati con le varia­zioni per­cen­tuali, e invece qui i dati pub­bli­cati da Istat

Gra­fica a cura di Ales­sio Cima­relli e Andrea Nel­son Mauro.Testo di Pier Luca San­toro e Andrea Nel­son Mauro.

Tweet about this on Twitter67Share on Facebook76Share on Google+11Share on LinkedIn16Email this to someonePrint this page