conversazioni on line

Pubblicato il 27 aprile 2011 by Pier Luca Santoro

Ansia Nucleare

Niel­sen ha pub­bli­cato in que­sti giorni i risul­tati di un’analisi svolta nel mese di marzo che attra­verso il moni­to­rag­gio delle con­ver­sa­zioni online docu­menta il cam­bio di atti­tu­dine nel nostro paese rela­ti­va­mente all’impiego di ener­gia nucleare.

Secondo quanto ripor­tato dal noto isti­tuto di ricerca, suc­ces­si­va­mente al disa­stro nucleare di Fuku­shima, la quota di per­sone con un orien­ta­mento nega­tivo nei con­fronti del nucleare è pas­sata dal 33% del pre — tzu­nami all’attuale 43%.  Le aree di mag­gior pre­oc­cu­pa­zione sono ine­renti sicu­rezza d’impiego di que­sta fonte e rischi con­nessi alle radiazioni.

New­sre­vi­red, spa­zio anglo­sas­sone dedi­cato al gior­na­li­smo ed ai media digi­tali, pro­pone una lista di 10 punti rela­ti­va­mente a quello che viene defi­nito data jour­na­lism nella quale si richiama l’attenzione sull’utilizzo delle mappe come stru­mento di attra­zione dell’utenza e di sin­tesi visiva delle infor­ma­zioni, dei dati.

Dav­vero inte­res­sante sotto que­sto pro­filo la mappa “Nuclear Anxiety” che effet­tua una moni­to­rag­gio costante in tempo reale delle con­ver­sa­zioni in rete sull’energia nucleare. Gra­zie alla mappa rea­liz­zata ven­gono visua­liz­zate le ver­ba­liz­za­zioni, le segna­la­zioni sul tema e la loro ori­gine da ogni angolo del pianeta.

Anche gli spa­gnoli della comu­nità online Web­node hanno rea­liz­zato una info­gra­fica inte­rat­tiva che visua­lizza la varia­zione, la cre­scita dell’attività su Twit­ter in base all’avanzamento della nube radiot­tiva di Fuku­shima. Dall’11 marzo al 05 aprile scorso sono stati  ini­viati online attra­verso la piat­ta­forma di micro­blog­ging ben 500 milioni di mes­saggi sul tema.

Pare infine che un fumetto manga, pub­bli­cato nel 1998, rac­con­tasse, in qual­che modo pre­ve­desse, con largo anti­cipo quello che sarebbe stata la con­tem­po­ra­nea tra­ge­dia di Fuku­shima. Il comic giap­po­nese che all’epoca aveva ven­duto circa 70mila copie è stato digi­ta­liz­zato e ripub­bli­cato suc­ces­si­va­mente al disa­stro nucleare in giap­pone rag­giuin­gendo in pochi giorni oltre 200mila visite.

Non si può che con­di­vi­dere il ram­ma­rico dell’autore della pub­bli­ca­zione nel con­sta­tare come sia risul­tato essere un avver­ti­mento nullo.

Pubblicato il 16 giugno 2010 by Pier Luca Santoro

Buzz Mondiale

Niel­sen ha moni­to­rato gli argo­menti delle con­ver­sa­zioni on line rela­ti­va­mente al mon­diale di cal­cio 2010 nel periodo dal 15 feb­braio al 15 maggio.

Sono state ana­liz­zate le con­ver­sa­zioni di sette nazioni diverse, Ita­lia com­presa, che hanno for­nito sette distinte pro­spet­tive sulla coppa del mondo 2010.

Come illu­stra il gra­fico di sin­tesi sot­to­ri­por­tato, nel nostro paese gli argo­menti che hanno “tenuto banco” sono stati rela­tivi alla par­te­ci­pa­zione o meno di Totti, al Ct della nazio­nale ed alle con­vo­ca­zioni in gene­rale. In ambito edi­to­riale, rela­ti­va­mente mar­gi­nali rispetto alla con­ver­sa­zioni on line “la rosa” ed il fantacalcio.

Insomma, panem et cir­cen­ses anche on line , ripro­po­nendo e com­men­tando quel che si vede in tele­vi­sione , media che anche in que­sto caso con­ti­nua vin­cere il mon­diale del più grande show del pianeta.