Posted on 29 agosto 2012 by

Gli Investimenti Pubblicitari Online Sorpassano i Giornali

Tweet about this on Twitter0Share on Facebook0Share on Google+6Share on LinkedIn0Email this to someonePrint this page

Carat, una delle mag­giori agen­zie di media buy­ing nel mondo, ha pub­bli­cato le pre­vi­sioni di chiu­sura per il 2012 e la stima per il 2013 degli inve­sti­menti pub­bli­ci­tari sud­di­visi per tipo­lo­gia di mezzo e per continente.

Com­ples­si­va­mente, a livello mon­diale, le pre­vi­sioni sono di una cre­scita del 5% nel 2012 e del 5,3% per il 2013; stime che sono al ribasso rispetto allle pre­vi­sioni effet­tuate in pre­ce­denza. Una ten­denza al calo gene­rata fon­da­men­tal­mente dalla crisi di tutta l’Europa Occi­den­tale, con l’Italia che dovrebbe avere una fles­sione degli inve­sti­menti nel 2012 del 5% e con­ti­nuare a per­dere, anche se in maniera meno accen­tuata, pure nel 2013.

Gli inve­sti­menti pub­bli­ci­tari online rubano quota a tutti gli altri mezzi rag­giun­gendo il pros­simo anno il 16,9% del totale. La stima effet­tuata pre­vede che il 2013 sia, possa essere, l’anno del sor­passo con la spesa in adver­ti­sing online supe­riore a quella dei gior­nali che si asse­ste­reb­bero a livello mon­diale al 13,5% essendo il media che cede mag­gior quota al digitale.

Una realtà molto distante da quella del nostro Paese dove i quo­ti­diani di carta pesano ancora il 17,9% degli inve­sti­menti con­tro il 7,8% dell’online ma che indica ugual­mente la ten­denza in atto di cam­bia­mento nel pro­cesso di rela­zione e comu­ni­ca­zione tra per­sone e brand, imprese.

Tweet about this on Twitter0Share on Facebook0Share on Google+6Share on LinkedIn0Email this to someonePrint this page