Posted on 2 ottobre 2009 by

Ladies & Gentleman … il comunicato stampa

Tweet about this on Twitter0Share on Facebook0Share on Google+0Share on LinkedIn0Email this to someonePrint this page

Esat­ta­mente una set­ti­mana fa Class Edi­tori ha lan­ciato un nuovo men­sile: “Ladies & Gen­tle­man”.

La comu­ni­ca­zione al trade, ai punti ven­dita, rice­vuta in qua­lità di gior­na­laio, mi aveva già com­mosso fin dal prin­ci­pio, con un testo che ini­ziava reci­tando: “Gen­tile Edico­lante” [si, con la e maiu­scola, fan­ta­stico!] ed un seguito che vi rispar­mio poi­ché fon­da­men­tal­mente non molto diverso da altri già visti e ripor­tati.

Il meglio, in ter­mini di soste­gno alla pub­bli­ca­zione men­sile, viene espresso nell’arti­colo – comu­ni­cato stampa – adver­to­rial pub­bli­cato su uno dei quo­ti­diani del gruppo il giorno pre­ce­dente all’uscita della rivi­sta. Mi pare asso­lu­ta­mente oppor­tuno ripren­dere i pas­saggi salienti di quello che è a tutti gli effetti un comu­ni­cato stampa per gli addetti ai lavori.

Ladies & Gen­tle­man nasce dall’esperienza che Class Edi­tori ha matu­rato negli anni por­tando al suc­cesso ita­liano ed inter­na­zio­nale Gen­tle­man [….] Ladies & Gen­tle­man è il primo gior­nale dedi­cato al mondo fem­mi­nile che, senza falsi pudori né riven­di­ca­zioni da quote rosa, rende pro­ta­go­ni­ste le sue let­trici, un tar­get sele­zio­nato, selet­tivo e ricercato ”.

Pro­se­guendo ancora: “ Ladies & Gen­tle­man è un gior­nale veloce, agile, pra­tico e ricco di infor­ma­zioni ed emo­zioni, non la ver­sione fem­mi­nile di un maschile socio – poli­tico né tanto meno un cata­logo di ten­denze impro­ba­bili. E’ invece un gior­nale bello da sfo­gliare, appas­sio­nato, che segue una strada nuova corag­giosa e positiva [.….] ”

Per con­clu­dere: “ [….] Donne impe­gnate nel lavoro e nella vita pri­vata, con­cen­trate nella car­riera per­so­nale e/o a soste­nere il pro­prio uomo nella pro­pria, così come le let­trici del gior­nale che rap­pre­sen­tano il tar­get più alto, il più ambito dal mer­cato pub­bli­ci­ta­rio, con capa­cità di spesa pro­pria e influenza diretta nelle deci­sioni d’acquisto dei loro uomini. Un tar­get che Ladies & Gen­tle­man rag­giunge in modo capil­lare e mira­tis­simo, gra­zie al sistema di ven­dita arti­co­lato messo appunto da Class Edi­tori per garan­tire la mas­sima effi­ca­cia nella diffusione [….] ”

Rofl

E’ una set­ti­mana che leggo e rileggo i pas­saggi ripor­tati dell’articolo ed alterno stu­pore, ila­rità e fastidio.

Della stra­bi­liante capa­cità del quo­ti­diano in que­stione di con­ti­nuare a pro­durre reda­zio­nali promo pub­bli­ci­tari vesten­doli da arti­coli ho già par­lato e non credo vi sia nulla d’aggiungere.

Pur con­fi­dando nella ottima capa­cità di ana­lisi e cri­tica di chi legge e com­menta in que­sti spazi, segnalo, da un lato lo straor­di­na­rio numero di agget­tivi con­te­nuti nel testo da me ripreso e, dall’altro, la straor­di­na­ria sequenza di affer­ma­zioni con­trad­dit­to­rie che vi sono contenute.

L’articolo – comu­ni­cato stampa – adver­to­rial [insito!] rias­sume tutta l’incapacità, l’ingenuità e il con­se­guente – mal­de­stro – ten­ta­tivo di molti edi­tori di ven­dere quel che è evi­dente non pos­seg­gano: capa­cità pro­fes­sio­nali — gior­na­li­sti­che, let­tori e com­pe­tenza di mar­ke­ting.

Dan Gill­mor, nell’ arti­colo da me tra­dotto recen­te­mente, parla, tra l’altro, di “rim­piaz­zare alcune espres­sioni orwel­liane delle PR” ; quest’oggi, mio mal­grado, siamo riu­sciti ad avere un esem­pio di a che cosa si rife­risse esattamente.

Tweet about this on Twitter0Share on Facebook0Share on Google+0Share on LinkedIn0Email this to someonePrint this page