Posted on 2 gennaio 2013 by

Ritornelli

Tweet about this on Twitter0Share on Facebook0Share on Google+5Share on LinkedIn0Email this to someonePrint this page

Ci sono temi che a cadenza perio­dica ritor­nano. Mine­stra riscal­data che perde sem­pre più corpo e sapore ogni volta che se ne torna a parlare.

Uno di que­sti è la cosid­detta morte dei blog, teo­ria, per così dire, che vedrebbe nell’affermazione dei social net­work la fine dei blog come media. Ne torna a par­lare Leo­nardo, ripreso anche da Mas­simo Man­tel­lini, che scrive: “[…] è finita la moda dei blog e la gente ha smesso di scri­verci sopra […]” citando il cat­tivo anda­mento degli accessi al suo, rino­mato, blog.

Basarsi sulla pro­pria espe­rienza per­so­nale è per defi­ni­zione limi­tante e limi­tato. Se dovessi farlo io direi esat­ta­mente il con­tra­rio poi­chè secondo il rap­porto annuale rea­liz­zato da WordPress.com le pagine viste di que­sto spa­zio sono aumen­tate del 30% rispetto al 2011 [GRAZIE!].

Al di là delle espe­rienze per­so­nali che sarebbe ancor meno sen­sato con­trap­porre, all’interno della ricerca “La sto­ria della Rete dal 2001 al 2012″, pub­bli­cata a fine dicem­bre,  vi sono diversi gra­fici che mostrano quali siano i mag­giori brand della Rete in Ita­lia in ter­mini di coper­tura, fre­quenza e volumi dell’utenza inter­net nel nostro Paese [sli­des 46 — 51].

L’ultimo dato dispo­ni­bile, aggior­nato ad otto­bre 2012, mostra come blog­ger, la piat­ta­forma per blog di Goo­gle, abbia reach e fre­quency supe­riore, ad esem­pio, a Repubblica.it o eBay.it.

Se c’è qual­cosa che è morto o mori­bondo non sono cer­ta­mente i blog. Spe­riamo lo diventi invece pre­sto l’abitudine ai ritor­nelli dei luo­ghi comuni.

Maggiori Brand Rete Italia

Tweet about this on Twitter0Share on Facebook0Share on Google+5Share on LinkedIn0Email this to someonePrint this page