Passaggi & Paesaggi

Posted on 4 settembre 2015 by Pier Luca Santoro

21 Grafici Sulla Crisi dei Giornali

Per l’ultimo numero di “New Tabloid”, il tri­me­strale dell’Ordine dei Gior­na­li­sti della Lom­bar­dia, ho scritto, a quat­tro mani con Paolo Pozzi, coor­di­na­tore della testata, un’analisi det­ta­gliata sulla crisi dei new­sbrand nel nostro Paese.

Lo spe­ciale: “Non solo il web uccide i gior­nali”, di 27 pagine, for­ni­sce una foto­gra­fia pun­tuale della situa­zione andando a sca­vare in pro­fon­dità su tutti gli aspetti, dalle inef­fi­cienze della filiera distri­bu­tiva tra­di­zio­nale al crollo delle copie, pas­sando per incon­si­stenza degli abbo­na­menti e copie digi­tali mul­ti­ple, uno dei tanti “truc­chetti” per gon­fiare le ven­dite e nascon­dere il palese insuccesso.

Di seguito riprendo i 21 gra­fici e tabelle di dati a sup­porto dell’inchiesta effet­tuata. Ovvia­mente il testo che li accom­pa­gna e com­menta è da leg­gere poi­ché [garan­ti­sco] con­sente di com­pren­dere ancor meglio la situa­zione nono­stante in molti casi i numeri siano autoesplicativi.

I Numeri dell’Editoria

I numeri dell'editoria

Ven­dite Copie Digitali

Vendite Digitali

Copie Multiple

Indi­ca­tori Chiave

Indicatori Chiave

Inef­fi­cienza Filiera Distributiva

Resi

Macero

Rea­der­ship Quotidiani

Readership Giornali

L’Insostenibile Leg­ge­rezza di Poste Italiane

Poste Italiane

La Rete Produttiva

Rete Produttiva

La Mar­gi­na­lità degli Abbonamenti

Diffusioni

Diffusioni Bis

Amar­cord

Diffusioni 20 anni fa

Il Valore [Dimen­ti­cato] delle Edicole

Periodici

Le [Poche] Ven­dite Digi­tali NON Com­pen­sano il Crollo della Carta Stampata

Precipita

Quo­ti­diani: Carta Vs Digitale

Diffusioni Carta

Diffusioni Digitale

L’Ex Indu­stria dell’Informazione

Regioni

Produzione

La Grande Crisi della Pubblicità

Mercato Pubblicitario

Rea­der­ship Carta Stampata

Readership 55

Readership Socio

Flop

FVG & ER

That’s All Folks [Adat­tato al Contesto]

That's All Folks

Posted on 3 settembre 2015 by Andrea Spinosi Picotti, Pier Luca Santoro

Post-it

In que­sta set­ti­mana in cui c’è uffi­cial­mente la ripresa lavo­ra­tiva post-vacanze con­ti­nua ad esserci un numero con­si­stente di per­sone in cerca di occu­pa­zione [che le vacanze NON le hanno fatte], oggi uno spe­ciale su media e lavoro.

  • Edi­to­ria, Media e Gior­na­li­smo — Il Gruppo Mon­rif edi­tore de Il Resto del Car­lino ha avviato la ricerca di un tiro­ci­nante da affian­care a per­so­nale qua­li­fi­cato per il ruolo di Web Mar­ke­ting Assi­stant. Sede di lavoro: Bolo­gna.
  • Social Care - L’operatore tele­fo­nico H3G attra­verso un annun­cio su Lin­ke­dIn è alla ricerca di per­so­nale per gestire il cliente attra­verso i canali social: pagine 3Italia e 3 Assi­stenza Clienti su Face­book e su Twit­ter. Sede di lavoro: Milano.
  • Comu­ni­ca­zione e Mar­ke­ting - La società Havas Media Group è alla ricerca di una figura di Digi­tal Account Mana­ger che sarà inse­rirà all’interno di un team di lavoro con respon­sa­bi­lità di gestione e coor­di­na­mento al fine di pro­muo­vere la rea­liz­za­zione di cam­pa­gne integrate.
  • Pro­du­zione Tv - La società di pro­du­zione tele­vi­siva Tur­ner Broa­d­ca­sting è alla ricerca di un Diret­tore Com­mer­ciale al quale sarà affi­data la respon­sa­bi­lità della stra­te­gia com­mer­ciale di Tur­ner in Ita­lia com­presa la distri­bu­zione e la rac­colta pub­bli­ci­ta­ria. Sede di lavoro: Roma.
  • Digi­tal Mar­ke­ting — La Diennea-MagNews ricerca una risorsa da inqua­drare con un tiro­ci­nio, volto ad una col­la­bo­ra­zione con­ti­nua­tiva in azienda, a sup­porto del team crea­tivo nell’implementazione e nella gestione day by day dei pro­getti per i pro­pri clienti. Sede di lavoro: Faenza. 
  • Edi­to­ria Online - Il quo­ti­diano Il Gior­nale sele­ziona infor­ma­tico esperto di tec­no­lo­gie web [qui le altre com­pe­tenze richie­ste] da inte­grare nello staff tec­nico. Sede di lavoro: Milano.
  • Sales - Piemme Edi­zioni, con­ces­sio­na­ria del gruppo Cal­ta­gi­rone, ricerca un Web Account Mana­ger al quale verrà affi­data la ven­dita e la pia­ni­fi­ca­zione di cam­pa­gne pub­bli­ci­ta­rie web e l’implementazione di pro­getti new busi­ness. Sede di lavoro: Roma e Milano.

Work Hard Success

Altre noti­zie e segna­la­zioni su media e comu­ni­ca­zione nella nostra pagina Face­book e, ovvia­mente, su Twit­ter. Buona lettura.

Posted on 2 settembre 2015 by Pier Luca Santoro

Analisi Portafoglio Clienti

Le matrici di por­ta­fo­glio ser­vono ad ana­liz­zare e visua­liz­zare il posi­zio­na­mento com­pe­ti­tivo di un’impresa o delle sue unità di business.

Par­tendo dall’idea della matrice di Boston abbiamo rea­liz­zato la matrice di ana­lisi e valu­ta­zione del por­ta­fo­glio clienti. La matrice, dando pesi pon­de­rati alle diverse varia­bili di valu­ta­zione di cia­scun cliente, può essere uti­liz­zata, ad esem­pio, dalla con­ces­sio­na­ria di pub­bli­cità di un edi­tore per valu­tare il pro­prio parco clienti e defi­nire quale tipo di azioni imple­men­tare per cia­scun gruppo di clienti.

Non è casuale la scelta di attri­buire rile­vanza al pro­fitto e non al fat­tu­rato. Se que­sto aspetto è infatti di asso­luta rile­vanza per qua­lun­que impresa e sua stra­te­gic busi­ness unit, lo è, se pos­si­bile, ancor più per la ven­dita di pub­bli­cità dove sia l’immaterialità del bene che la poli­tica della scon­ti­stica rischiano a volte di essere fuor­vianti se si valuta il solo fatturato.

Buon lavoro.

Analisi Portfolio Clienti

Posted on 2 settembre 2015 by Andrea Spinosi Picotti, Pier Luca Santoro

Post-it

Una sele­zione ragio­nata delle noti­zie di oggi su media, gior­na­li­smi e comu­ni­ca­zione da non perdere.

  • Non Chiu­dete Quella Porta — Brutta pagina del gior­na­li­smo ita­liano. 4 gior­na­li­sti de La Pro­vin­cia di Cosenza si recano a lavoro e non tro­vano la reda­zione, spo­sta­tasi a seguito di un tra­sloco a sor­presa. La vicenda è diven­tata un caso sim­bolo, una bat­ta­glia per riven­di­care il pro­prio posto di lavoro.
  • Brand Iden­tity - Goo­gle, l’azienda che più di ogni altra al mondo modi­fica, adatta e per­fino gioca con il pro­prio logo, come dimo­strano le cen­ti­naia di doodle rea­liz­zati in que­sti anni, cam­bia il pro­prio mar­chio per adat­tarlo ad un mondo sem­pre più “always on”.
  • Fashion & Social Media — Com­pren­dere le esi­genze del cliente è da sem­pre stato un punto di forza per le stra­te­gie di suc­cesso delle aziende, anche, di moda. Sotto que­sto pro­filo i social media rap­pre­sen­tano un’opportunità straor­di­na­ria ancora mar­gi­nal­mente com­presa dalle imprese. Dopo la nascita del fast fashion oggi i trend sui social potreb­bero det­tar legge nella defi­ni­zione della gamma e dei lanci di pro­dotto come con­ferma, anche, la nomina da parte di LVMH di un ex mana­ger Apple come head of digi­tal del brand del lusso.
  • Lin­ke­din & Insta­gram Mes­san­ging — Il mes­san­ging è attual­mente una delle prin­ci­pali aree chiave di cre­scita dei social in que­sto momento. È così che Lin­ke­dIn, che era anco­rata ad un sistema che sem­brava uscito dagli Atari degli anni ’90, ne annun­cia, final­mente, la sua evo­lu­zione. Nello stesso giorno anche Insta­gram pro­pone cam­bia­menti signi­fi­ca­tivi di Insta­gram direct. Un mes­sag­gino vi seppellirà…
  • Il Futuro Pros­simo di Blende — Blendle, la star­tup olan­dese nota per essere stata defi­nita “l’iTunes per le news”, ha annun­ciato il resty­ling della pro­pria appli­ca­zione mobile, con­fer­mato il lan­cio in Ger­ma­nia e anti­ci­pato altre novità pre­sto in arrivo. Gli edi­tori del “bel­paese” restano arroc­cati a Edi­cola Ita­liana nata vec­chia da un approc­cio senza futuro.
  • Mobile Revo­lu­tion — Lo svi­luppo che il set­tore della tele­fo­nia mobile e delle appli­ca­zioni hanno rag­giunto negli ultimi sette anni è stra­bi­liante e con­ferma come i cicli di vita siano sem­pre più acce­le­rati e dirom­penti. In soli sei mesi, rispetto all’anno scorso, il tempo medio tra­scorso su un dispo­si­tivo mobile ogni giorno è aumen­tato di circa 43 minuti, ma se il con­te­nuto è re [ancora una volta] le app domi­nano sem­pre più la scena ucci­dendo l’open Inter­net. Lo con­ferma, se neces­sa­rio, l’alleanza tra Axel Sprin­ger e Sam­sung per la crea­zione di un’applicazione di news sulla fal­sa­riga di Apple News. Amen!
  • Nativi Digi­tali — I gio­vani di oggi potranno pur essere nativi digi­tali, ma i media tra­di­zio­nali restano in cima alla loro dieta media­tica. Infatti, secondo quanto evi­den­ziato da eMar­ke­ter, resta il tele­vi­sore è il dispo­si­tivo pri­ma­rio uti­liz­zato da bam­bini e ado­le­scenti negli Stati Uniti. 

Bonus track: Final­mente anche Michele Serra ha capito che “il popolo del Web” NON esi­ste. È senza dub­bio un evento da celebrare.

Popolo del web

Altre noti­zie e segna­la­zioni su media e comu­ni­ca­zione nella nostra pagina Face­book e, ovvia­mente, su Twit­ter. Buona lettura.

Posted on 1 settembre 2015 by Andrea Spinosi Picotti, Pier Luca Santoro

Post-it

Una sele­zione ragio­nata delle noti­zie di oggi su media, gior­na­li­smi e comu­ni­ca­zione da non perdere.

  • La Con­ver­sa­zione NON Viag­gia su Twit­terLa piat­ta­forma di micro­blog­ging da 140 carat­teri aspi­rava ad essere una “piazza glo­bale”. Secondo i dati rac­colti tra gen­naio 2012 e dicem­bre 2014 pare invece che Twit­ter si rin­forzi lad­dove il suo uti­lizzo è già dif­fuso senza espan­dersi altrove.
  • Tools per e-commerce - Un sito di e-commerce è tutt’altro che sem­plice, richiede stru­menti e tat­ti­che di pro­get­ta­zione. L’elenco di 13 stru­menti per il web desi­gner, a parità di con­di­zione, può sem­pli­fi­carvi il rag­giun­gi­mento dell’obiettivo.
  • La CIA ed i Media — Dalla fine della seconda guerra mon­diale la  Cen­tral Intel­li­gence Agency ha eser­ci­tato una note­vole influenza su ciò che le per­sone vedono, sen­tono e leg­gono, vei­co­lando infor­ma­zione e disin­for­ma­zione ad hoc secondo i pro­pri obiet­tivi . La lista dei 50 fatti sto­rici sulla que­stione con­tri­bui­sce a far luce, almeno in parte, su ciò che il mondo ha biso­gno di sapere.
  • Adver­ti­sing - La più grande agen­zia pub­bli­ci­ta­ria del mondoWPP, acqui­sta 76 miliardi di dol­lari di spazi pub­bli­ci­tari ogni anno  attra­verso il suo brac­cio d’acquisto e pia­ni­fi­ca­zioneGroupM. Se in que­sti giorni ha avuto risalto l’accordo rag­giunto con Buz­z­Feed che creerà con­te­nuti bran­diz­zati per i clienti di Mar­tin Sor­rell, è inte­res­sante vedere quali sono i canali ed i media sui quali si con­cen­trano i mag­giori inve­sti­menti così da veri­fi­care, ad esem­pio, che il bud­get di Twit­ter è circa un decimo di quello per Facebook.
  • Impren­di­to­ria Fem­mi­nile — Secondo il Glo­bal Star­tup Eco­sy­stem Ran­king 2015 il numero di donne impren­di­trici di tutto il mondo è ora signi­fi­ca­ti­va­mente più alto rispetto agli anni pre­ce­denti. A gui­dare la clas­si­fica delle metro­poli con start-up gui­date da donne sono tre città sta­tu­ni­tensi e nelle prime 12 com­pa­iono solo 2 città euro­pee. Ita­lia non pervenuta…
  • Modelli di Busi­ness 2.0 — La soste­ni­bi­lità eco­no­mica dell’ex indu­stria dell’informazione è IL nodo cru­ciale ancora da scio­gliere. Sul tema il 12 set­tem­bre esce il libro “I gior­nali del futuro, il futuro dei gior­nali” del quale è pos­si­bile avere qual­che ante­prima.
  • Edi­cole — La crisi della carte stam­pata ha col­pito le edi­cole e chio­schi di Parigi costretti a chiu­dere nono­stante gli annunci di piani d’investimento. 

OTT Grafo

Altre noti­zie e segna­la­zioni su media e comu­ni­ca­zione nella nostra pagina Face­book e, ovvia­mente, su Twit­ter. Buona lettura.

Vai alla barra degli strumenti