Case study | Campagna informativa Switch OFF | ON DGTVi

Campagna informativa Switch OFF | ON DGTVi per il Lazio ed il Trentino Alto Adige

Cliente: Ministero delle Telecomunicazioni
Settore: TV BROADCASTING NAZIONALE

Cosa abbiamo fatto:

01

Analisi, progettazione e produzione

Abbiamo proposto al cliente una analisi accurata dei contesti in cui era più utile proporre l’intervento e del linguaggio da adottare. Quindi curato la realizzazione del materiale di promozione, che permettese una rapida e capillare diffusione delle informazioni nel territorio, a contatto diretto con i cittadini.

02

Campagna sul territorio

Abbiamo creato un team di intervento e, in costante accordo con le istituzioni locali, le associazioni o le strutture sociali che hanno ospitato il nostro intervento, abbiamo realizzato un tour di promozione ed informazione piazza per piazza, allestendo uno o più stand (quando necessario) informativi in tutto il Lazio.

03

Produzione CLIP

Per la Regione Trentino Alto Adige abbiamo scritto, prodotto e curato due spot: uno di carattere emozionale ed uno tecnico con le informazioni utili per la configurazione dei nuovi strumenti di ricezione del segnale DGTVi.

Descrizione progetto:

La campagna di comunicazione sul passaggio dal segnale TV analogico a quello digitale terrestre, DGTVi, ebbe carattere nazionale e fu suddivisa per regioni, via via che il passaggio avveniva. A noi venne assegnata la comunicazione per il Lazio e il Trentino Alto Adige.

Nel primo caso abbiamo proposto al cliente una analisi accurata delle fasce della popolazione per individuare quelle più sensibili quindi una scelta dei contesti in cui era più utile proporre l’intervento e del linguaggio da adottare. Dopo l’approvazione del Ministero abbiamo progettato e curato testi e grafiche per la realizzazione del materiale di promozione: volantini, pieghevoli, vele, manifesti murari, adesivi, etc. etc.; tutto ciò che ci permettese una rapida e capillare diffusione delle informazioni nel territorio, a contatto diretto con i cittadini.
In fine abbiamo proposto una mappa delle aree di intervento e dei contesti più idonei per la diffusione del messaggio presso le fasce di pubblico più interessanti per il Ministero.

Abbiamo così organizzato e gestito, con un nostro Team, un capillare tour in tutto il Lazio installando di volta in volta, in accordo con le autorità locali o le associazioni, un punto informativo nel luogo più adeguato e di passaggio: piazze dei centri storici nei vari Comuni della Regione, associazioni, centri anziani e così via.
Il nostro lavoro era diviso in due fasi: nella fase di Switch OFF dovevamo fornire una corretta informazione al pubblico su quanto stava avvenendo e distribuire le giuste informazioni tecniche per adeguare gli apparecchi Tv al nuovo segnale; nella seconda fase, quella dello Switch ON, dovevamo tornare nelle piazze già raggiunte e raccogliere dati di gradimento ed eventuali criticità riscontrate dagli utenti nell’utilizzo dei nuovi supporti. I dati erano utili al Ministero per poter gestire al meglio il passaggio.

Per il Trentino Alto Adige invece abbiamo curato solo la fase di Switch On realizzando due video clip, uno a carattere promozionale ed uno strettamente tecnico, utile a fornire nel miglior modo possibile e il più velocemente possibile le informazioni utili per l’utilizzo dei nuovi supporti di ricezione del segnale TV.

massimiliano carboni DMH
Massimiliano Carboni
Regista, videomaker, pubblicista, esperto comunicazione cross-mediale

Dopo una lunga esperienza nella radiofonia, dal 2003 si dedica alla produzione audiovisiva. Fonda nel 2007 la AMI Agenzia Multimediale Italiana, società di comunicazione e produzione audiovisiva. Insegna comunicazione cross-mediale, tiene corsi e laboratori di regia e videomaking. Collabora con accademie ed università in Italia ed all’estero, con enti pubblici, aziende e enti di formazione accreditati. Lavora come autore e regista.

Perché affidarsi a noi

Il metodo di lavoro che seguiamo per i progetti ai quali lavoriamo.


Raccolta del brief, delle esigenze del brand, azienda, ente, organizzazione.
Raccolta dati e informazioni. Pre-analisi, e stesura del documento con raccomandazioni su modus operandi. Definizione del piano strategico – operativo. Timing, ruoli, responsabilità. Implementazione di quanto definito e convenuto nell’action plan. Controllo, reporting, miglioramento continuo.