Le Strategie Social a Livello Mondiale dei Publisher di Quotidiani

Il Reuters Institute for the Study of Journalism ha pubblicato i risultati del suo rapporto annuale “Journalism, Media, and Technology Trends and Predictions 2022”.

Come avverte RISJ, 246 persone hanno completato il sondaggio chiuso a novembre e dicembre 2021. I partecipanti, provenienti da 52 Paesi, sono stati invitati perché ricoprivano posizioni di rilievo [editoriale, commerciale o di prodotto, di cui 57 direttori, 53 CEO o amministratore delegato, e 31 responsabili digital o innovation] in publisher di quotidiani tradizionali o all digital ed erano responsabili di aspetti del digitale o strategia mediatica più ampia. I risultati riflettono questo campione strategico di selezionati leader del settore, non un campione rappresentativo.

Lo studio indaga su molti aspetti quali i modelli di business, i cambiamenti organizzativi e tecnologici, l’innovazione e la presenza sui social. Abbiamo scelto di concentrarci su quest’ultimo aspetto.

Il potere crescente della “creator economy” continuerà a toccare il giornalismo quest’anno direttamente e indirettamente. I contenuti dei creator attireranno l’attenzione dei media, mentre più funzionalità delle diverse piattaforme che consentono di monetizzare i contenuti – come Bulletin di Facebook o Revue di Twitter, ad esempio – apriranno opportunità per i singoli giornalisti e le cooperative.

Questi sviluppi stanno creando nuove dinamiche attorno a chi attira l’attenzione e quali contenuti potrebbero avere la priorità negli anni a venire.

Il video social in forma breve tornerà alla ribalta grazie all’innovazione dei creator nei social media/network basati sui giovani. C’è da attendersi che gli editori adottino più di queste tecniche nel 2022, insieme alla crescita di piattaforme di streaming come Twitch, contribuendo a un nuovo “pivot to video“.

Il nuovo social network di Donald Trump, nome in codice Truth Social, attirerà inevitabilmente i titoli dei giornali quando verrà lanciato all’inizio del 2022. È realistico attendersi che questo sia al centro dell’incitamento all’odio, degli hacker e di altri elementi di perturbazione.

In termini di innovazione rivolta al pubblico, quest’anno la maggior parte degli sforzi andrà a podcast e altro audio digitale (80%), seguiti dalla creazione e rinnovamento di newsletter [70%] e dallo sviluppo di formati video digitali (63%). Al contrario, le “cose ​​nuove brillanti”, che coinvolgono tecnologie che non hanno ancora raggiunto la maturità, come le applicazioni per la voce (14%) e il metaverso (8%) sembrano essere in gran parte in secondo piano.

Gli editori affermano che quest’anno presteranno meno attenzione a Facebook [-8 punteggio netto, anche a causa della delusione degli editori di quotidiani per il succitato “pivot-to-video] e Twitter [-5] e si impegneranno invece di più su Instagram [+54], TikTok [+44] e YouTube [+43] , tutte le piattaforme particolarmente apprezzate dai giovani, e anche per quanto riguarda Google, e dunque il SEO.

Le notizie su TikTok rimangono un campo di battaglia: gli editori che cercano di decifrare il codice dei piccoli video di TikTok vengono mostrati da una start-up spagnola. Ac2ality ha accumulato circa 3 milioni di follower su TikTok per un servizio che include un riepilogo di un minuto delle migliori notizie. Sono più di quelli del  Washington Post e della BBC messi insieme.

Una start-up che cerca di contrastare la disinformazione su TikTok e altre piattaforme social è il News Movement , fondato da ex dirigenti di Dow Jones e della BBC. Il servizio mira a fornire informazioni affidabili e obiettive nel 2022 a un pubblico di massa sui social media, con spiegazioni video accessibili e testo. Il News Movement è composto da giovani giornalisti e opererà su TikTok, Instagram, YouTube, Facebook e Twitter.

Allo stesso tempo, molte testate giornalistiche inaspriranno le loro regole su come dovrebbero comportarsi i giornalisti sui social media. Stando al report, la maggior parte dei redattori e dei manager ritiene che i giornalisti dovrebbero attenersi a riportare le notizie su Twitter e Facebook quest’anno e teme che esprimere opinioni più personali possa minare la fiducia. Aspetto sin qui fortemente sottovalutato in Italia.

[clicca per ingrandire]

Social

Lascia un commento

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.