Chi ha Investito di Più in Facebook Ads per Regionali & Referendum

Oggi alle 15:00, come noto, si chiuderanno i seggi per il quesito referendario e per le elezioni nelle sette regioni che eleggono il loro Governatore per i prossimi cinque anni. E contrariamente alle attese il virus non ha fermato il voto.

Ecco che allora, dopo che all’inizio del mese avevamo analizzato la presenza su Facebook dei principali candidati alle regionali, e non più tardi di ieri abbiamo pubblicato i dati sul buzz, sempre su Facebook, relativo a referendum ed elezioni, oggi abbiamo deciso di chiudere il cerchio analizzando chi ha investito maggiormente in Facebook ads negli ultimi novanta giorni [dal 20/06 al 17/09].

Matteo Salvini, il cui staff di comunicazione proprio sui social pare essere al centro di illeciti, e recentemente criticato per il suo schema comunicativo da Alessandra Ghisleri, sondaggista di fama, e il partito di cui è leader, hanno investito di gran lunga più di tutti gli altri. Campagne pubblicitarie che, nonostante gli impegni concordati tra AGCOM e le piattaforme social, risultano ancora attive.

Se agli oltre 68 mila euro investiti da Salvini/Lega si aggiungono i 33 mila e passa euro investiti da Severino Nappi, candidato per la Lega in Campania, anche in questo caso con diverse campagne attive, gli oltre 10 mila euro della Ceccardi, candidata leghista in corsa come governatore della Toscana per il centro-destra, che ancora una volta in barba al silenzio elettorale ha diverse inserzioni attive, i poco meno di 10 mila di Marco Trombetta, candidato leghista in Puglia, pure lui “allergico” al silenzio elettorale, e gli oltre 8 mila di Gianpiero Zini, candidato per la Lega in Campania, anch’esso refrattario a rispettare il silenzio elettorale, la Lega e i suoi rappresentanti hanno investito complessivamente la non trascurabile cifra di oltre 130 mila euro.

Subito dopo la Lega è l’altro partito di opposizione, Fratelli d’Italia, ad allocare le maggiori risorse con un investimento complessivo, inclusivo di quanto speso dal gruppo alla Camera del partito della Meloni, di poco meno di 40 mila euro, dei quali circa la metà investiti negli ultimi sette giorni, per fare pressione a ridosso delle votazioni evidentemente. Fortunatamente, almeno, in questo caso viene rispettato il silenzio elettorale, anche se con qualche “stratagemma” dalla Fanpage della leader del partito, che conta 1.6 milioni di follower, si trova il modo di aggirare l’ostacolo, diciamo, continuando a fare propaganda.

Escludendo Nappi, di cui abbiamo già parlato nei paragrafi dedicati agli investimenti della Lega, al terzo posto per livello di investimenti troviamo Matteo Renzi e il suo partito che hanno speso poco più di 30 mila euro. Anche in questo caso si fermano le campagne il giorno prima delle votazioni ma non si rispetta il silenzio elettorale.

Oltre alla Ceccardi, sono gli altri candidati del centro-destra in Puglia e Campania a investire cifre di tutto rispetto, per così dire, in Facebook ads. È il caso di Raffaele Fitto in Puglia, e di Stefano Caldoro in Campania. Entrambi hanno investito più di 25 mila euro cadauno. Di questi Fitto ne ha investiti più della metà negli ultimi sette giorni, e ha stoppato le campagne il 18 Settembre scorso. Mentre Caldoro ne ha spesi poco meno della metà nell’ultima settimana, ma avendo le campagne ancora attive potrebbe allinearsi a Fitto.

Il PD e il suo candidato in Toscana, Eugenio Giani, appoggiato anche da Italia Viva, assieme investono ben meno della metà di quanto allocato dalla Lega e dai suoi candidati sopra riportati. Se a questi aggiungiamo gli ainvestimento dei due candidati del centro-destra in Puglia e Campania la distanza diventa davvero significativa.

Per essere la regione nella quale il Partito Democratico, e il suo attuale Segretario, si giocano davvero la faccia probabilmente, diciamo, avrebbero potuto fare qualche sforzo in più, anche se Giani ha allocato più della metà degli investimenti negli ultimi sette giorni, e si aggiunge alla lunga lista di coloro che non rispettano il silenzio elettorale avendo una campagna ancora attiva e promuovendo se stesso dalla propria fanpage anche nel giorno delle votazioni.

L’infografica sottostante fornisce il dettaglio dei venti “top spender” negli ultimi novanta giorni. Tra poche ore, speriamo, sapremo i risultati e vedremo se il forte investimento del centro-destra avrà contribuito al suo successo o meno.

Investimenti in facebook ads politici per regionali e referendum

[clicca per ingrandire]

Social
Latest posts by Pier Luca Santoro (see all)

Lascia un commento

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.