Lettura dei Quotidiani Online nella UE27

Il 1° di Agosto, in occasione del #WorldWideWebDay, Eurostat ha diffuso una serie di dati sull’utilizzo della Rete da parte dei cittadini della UE27 nel 2019.

Si ha conferma per l’ennesima volta di quanto scarsa, in confronto alle altre nazioni, sia la penetrazione di Internet nel nostro Paese. E anche della carenza nelle infrastrutture, in particolare nel Mezzogiorno, ma non solo.

Tra i tanti dati messi a disposizione abbiamo scelto quelli relativi alla lettura online di quotidiani e riviste. I dati sono in percentuale sul totale degli individui di ciascuna nazione.

Ebbene, su 27 nazioni l’Italia si colloca in 26esima posizione, davanti solamente alla Romania. Nel nostro Paese infatti, nel 2109, solamente il 44% della popolazione legge un quotidiano e/o una rivista online. 18 punti percentuali al di sotto della media UE27, e ad una distanza siderale non solamente, come al solito, dai Paesi del Nord Europa, ma anche molto al di sotto di nazioni quali la Spagna o la Grecia.

Va detto che il nostro Paese si colloca quasi sempre nelle ultime posizioni anche per quanto riguarda altre attività online, dalla vendita di beni e servizi all’utilizzo dell’home banking, passando per la partecipazione attiva sui social e più in generale in Rete, anche se in buona parte delle attività svolte su Internet la distanza con la media UE27, e con le altre nazioni, è meno pronunciata.

Vi è dunque, come sappiamo, un generale problema di utilizzo della Rete, e delle relative competenze necessarie allo scopo, che pare neppure il lockdown sia riuscito a colmare. Vi è altrettanto un problema specifico per le news online, che ancora una volta nemmeno lo star costretti chiusi in casa ha risolto, sia in termini di tempo speso che di audience, tornata ben presto ai consueti livelli.

Ne sintetizza ottimamente le motivazioni in un tweet Arcangelo Ròciola, giornalista di AGI, che scrive «Molti nel giornalismo credono innovazione sia fare cose che prima non si facevano – longform, podcast, newsletter – perché lo fanno gli altri, all’estero, gliammericani. Ma senza innovazione del linguaggio è tutto inutile, è già tutto così vecchio, sa già tutto di vecchio».  Non ci pare ci sia altro da aggiungere, per oggi.

lettori di quotidiani online

[clicca per ingrandire]

Social
Latest posts by Pier Luca Santoro (see all)

Lascia un commento

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.